Tipress
SVIZZERA
04.09.18 - 11:080

Tempi di lavoro flessibili, commissione al lavoro

Posti in consultazione due progetti che propongono l'orario annualizzato e la soppressione della registrazione della durata del tempo di lavoro e di riposo

BERNA - In futuro la registrazione della durata del lavoro potrebbe essere limitata per i lavoratori con funzioni direttive e gli specialisti con un ampio potere decisionale. La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) ha posto in consultazione due progetti che hanno lo scopo di «tenere conto dei cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro».

Il primo progetto, adottato con 8 voti contro 3 e una astensione, si rifà a una iniziativa parlamentare di Konrad Graber (PPD/LU). Prevede di introdurre l'orario di lavoro annualizzato per questi lavoratori, a condizione però che possano fissare autonomamente il proprio orario.

In questo modo verrebbe a cadere il limite attualmente in vigore di 45-50 ore alla settimana. Il progetto prevede pure un allentamento delle disposizioni che regolano la durata del riposo e il lavoro domenicale.

Nella media annuale, la durata del lavoro non potrà tuttavia superare le 45 ore alla settimana. A fine anno il saldo delle ore supplementari non dovrà inoltre essere superiore a 170.

Il secondo progetto, approvato con 7 voti contro 3 e una astensione, nasce da una iniziativa parlamentare di Karin Keller-Sutter (PLR/SG). Esso prevede, per i lavoratori con funzioni direttive e gli specialisti, la soppressione della registrazione della durata del tempo di lavoro e di riposo. Attualmente questa possibilità già esiste per i dipendenti assoggettati a un CCL che percepiscano un salario superiore a 120'000 franchi annui.

Una minoranza propone di bocciare entrambi i progetti poiché ritiene che il diritto vigente offra sufficiente flessibilità. Ritiene inoltre che le due proposte possano nuocere alla salute dei lavoratori coinvolti.

La maggioranza ritiene che i lavoratori interessati dai due progetti siano il 13-19% del totale. La minoranza stima invece che essi possano raggiungere il 40%.

Una recente presa di posizione di Unione sindacale svizzera (USS) e Travail.Suisse ricordava infatti che le categorie "dirigenti" e "specialisti" non sono definite nella Legge sul lavoro. Il presidente dell'USS e consigliere agli Stati Paul Rechsteiner (PS/SG) ha già assicurato che, se necessario, verrà fatto ricorso al referendum.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora

Per gli svizzeri le grandi aziende non pensano al bene comune

Pollici in giù per Marlboro, FIFA o Glencore, ma anche FC Zurigo, Amazon, Syngenta, Blick, Tamoil e UEFA

VIDEO
VALLESE
2 ore

Esplode una griglia a gas: «La gente era nel panico»

Un botto tremendo e tanta paura questa mattina in un complesso residenziale di Sierre. Ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito

FOTO
SAN GALLO
3 ore

Il ghiacciaio del Pizol non c'è più, celebrato il suo funerale

Tra il 1850 e il 2010 ha perso l'85% della sua superficie. «Da un punto di vista scientifico, non è più un ghiacciaio»

SVIZZERA / GERMANIA
3 ore

Vodese col piede pesante: pizzicato a 228 km/h appena oltre confine

L'uomo è stato beccato dalla polizia tedesca mentre sfrecciava a folle velocità su un tratto autostradale in cui il limite è di 120. Per lui multa salata e divieto di condurre in Germania

BERNA
5 ore

L'esercito sta cadendo a pezzi

Il 70% delle installazioni in uso si trova in cattivo stato. L'11% degli edifici militari versa in uno stato tale da dover essere completamente demolito e ricostruito.

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile