Tipress
SVIZZERA
04.09.18 - 11:080

Tempi di lavoro flessibili, commissione al lavoro

Posti in consultazione due progetti che propongono l'orario annualizzato e la soppressione della registrazione della durata del tempo di lavoro e di riposo

BERNA - In futuro la registrazione della durata del lavoro potrebbe essere limitata per i lavoratori con funzioni direttive e gli specialisti con un ampio potere decisionale. La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) ha posto in consultazione due progetti che hanno lo scopo di «tenere conto dei cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro».

Il primo progetto, adottato con 8 voti contro 3 e una astensione, si rifà a una iniziativa parlamentare di Konrad Graber (PPD/LU). Prevede di introdurre l'orario di lavoro annualizzato per questi lavoratori, a condizione però che possano fissare autonomamente il proprio orario.

In questo modo verrebbe a cadere il limite attualmente in vigore di 45-50 ore alla settimana. Il progetto prevede pure un allentamento delle disposizioni che regolano la durata del riposo e il lavoro domenicale.

Nella media annuale, la durata del lavoro non potrà tuttavia superare le 45 ore alla settimana. A fine anno il saldo delle ore supplementari non dovrà inoltre essere superiore a 170.

Il secondo progetto, approvato con 7 voti contro 3 e una astensione, nasce da una iniziativa parlamentare di Karin Keller-Sutter (PLR/SG). Esso prevede, per i lavoratori con funzioni direttive e gli specialisti, la soppressione della registrazione della durata del tempo di lavoro e di riposo. Attualmente questa possibilità già esiste per i dipendenti assoggettati a un CCL che percepiscano un salario superiore a 120'000 franchi annui.

Una minoranza propone di bocciare entrambi i progetti poiché ritiene che il diritto vigente offra sufficiente flessibilità. Ritiene inoltre che le due proposte possano nuocere alla salute dei lavoratori coinvolti.

La maggioranza ritiene che i lavoratori interessati dai due progetti siano il 13-19% del totale. La minoranza stima invece che essi possano raggiungere il 40%.

Una recente presa di posizione di Unione sindacale svizzera (USS) e Travail.Suisse ricordava infatti che le categorie "dirigenti" e "specialisti" non sono definite nella Legge sul lavoro. Il presidente dell'USS e consigliere agli Stati Paul Rechsteiner (PS/SG) ha già assicurato che, se necessario, verrà fatto ricorso al referendum.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZER
32 min

Lidl si lancia nella «giungla tariffaria» della telefonia mobile

Grazie a una collaborazione con Salt, il commerciante al dettaglio proporrà sia un offerta prepagata, sia un abbonamento

TURGOVIA
1 ora

Violenza domestica, una dozzina di agenti in azione

Un'importante operazione di polizia è in corso in questi minuti ad Amriswil

VIDEO
SVIZZERA
2 ore

Se il Corso Rip è invaso dalle cimici: «L'hanno gestita malissimo»

Lo sfogo di una madre che si è vista portare a casa un sacco nero pieno di vestiti e parassiti. Il Ddps però smentisce: «Seguito il protocollo»

GRIGIONI
12 ore

Apre il baule per salvare il cane, ma la proprietaria s’indigna

Ha notato l’animale sotto il sole e si è accorto che la macchina non era chiusa a chiave. Quando la donna ha fatto ritorno al suo veicolo, i toni si sono accesi

VALLESE
13 ore

Sfiorati i 36 gradi in Vallese

Al momento l'aria è estremamente calda a media e alta quota e ciò ha fatto segnare record di temperatura per giugno in molte stazioni di rilevamento nelle Alpi e nel Giura

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report