TiPress
SVIZZERA
17.08.18 - 15:060

Controlli sulla parità salariale? La Commissione dice sì

La legge sulla parità dei sessi è stata accolta infatti dalla Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale con il voto della presidente

BERNA - L'idea che le imprese con oltre 100 lavoratori siano obbligate in futuro a far svolgere un'analisi sulla parità salariale tra i sessi ogni quattro anni, facendola verificare da un organismo indipendente, divide il Parlamento.

La legge sulla parità dei sessi, dove è inclusa questa proposta, è stata accolta infatti dalla Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale (CSEC-N) solo grazie al voto decisivo della sua presidente, Christine Bulliard-Marbach (PPD/FR).

Il progetto è già stato approvato dal Consiglio degli Stati per 27 voti a 15 e 3 astenuti durante la scorsa sessione estiva delle Camere federali. Affrontando a sua volta il dossier, la CSEC-N si è adeguata al progetto della Camera dei Cantoni, specie su uno dei punti più delicati, ossia la verifica della parità salariale tra i sessi nelle società.

La proposta dei 100 dipendenti è stata approvata dopo diverse votazioni su proposte che andavano da un massimo di 250 a un minimo di 10 impiegati, precisa oggi una nota dei servizi parlamentari. Diverse minoranze chiedono di fissare il limite a 250, 50 o 10 collaboratori. Un'altra minoranza invece propone di esprimere sempre il numero di collaboratori in equivalenti a tempo pieno.

La CSEC-N propone inoltre di esonerare le imprese da un ulteriore esame, qualora l'analisi sulla parità salariale riveli che quest'ultima è rispettata. Anche su questo punto la Commissione segue la decisione del Consiglio degli Stati.

Con 13 voti contro 12, la CSEC-N ha poi respinto l'esenzione di società quotate in borsa dal pubblicare i risultati dell'analisi sulla parità salariale in allegato al conto annuale. Una minoranza intendeva stralciare questo obbligo dal progetto.

Infine la CSEC-N ha esaminato la proposta che intende aumentare in modo progressivo l'età di pensionamento delle donne a 65 anni. Con 12 voti a 12 e il voto decisivo della presidente, la proposta è stata respinta.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
41 min
Molestie e mobbing non se ne vanno con il telelavoro
A dirlo è una professoressa dell'Università di Ginevra. Molestare a distanza sarebbe addirittura più facile.
SVIZZERA
44 min
I giornali tornano nei bar
Caffè e informazione: dal prossimo venerdì sarà di nuovo possibile, come prevede il nuovo piano di protezione
SVIZZERA
59 min
Solo tre contagi in più di ieri
Il virus nel nostro Paese si diffonde sempre meno.
SVIZZERA
1 ora
Boccata d'ossigeno: Indice PMI in ripresa
I responsabili degli acquisti possono guardare al futuro con più ottimismo
VIDEO
SVIZZERA
2 ore
Quando prelevi al bancomat non lasciarti distrarre
La nuova campagna "Card Security" di Prevenzione Svizzera della Criminalità
SVIZZERA
2 ore
"Stop all'olio di palma", raccolte 56'000 firme
Il referendum mira a interrompere l'accordo di libero scambio con l'Indonesia
SVIZZERA
3 ore
L'ambasciatore difende la Cina: «Siamo stati trasparenti»
Geng Wenbing ha precisato che gli sforzi della Cina stanno ottenendo il riconoscimento e l'elogio dell'Oms
SVIZZERA
4 ore
Bisognerà ripensare la mobilità del futuro
In futuro bisognerà trovare il modo di coniugare i nuovi bisogni di mobilità con la protezione del clima.
SVIZZERA
5 ore
Rendite ponte per gli over 60, l'UDC minaccia il referendum
Per i democentristi si tratta di un invito a licenziare i lavoratori anziani.
FOTO
ZURIGO
14 ore
«Non è solo un problema degli Usa, è anche nostro»
Oltre un migliaio di persone hanno manifestato a Zurigo. La Polizia: «Protesta pacifica, nessun disordine»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile