Immobili
Veicoli
Ti Press
SVIZZERA
05.08.18 - 17:230
Aggiornamento : 18:26

Quattro giorni in Sri Lanka per Simonetta Sommaruga

Oltre ad intensificare la cooperazione tra i due Paesi, coglierà l’occasione per farsi un’idea dell’impegno svizzero in svariati ambiti

BERNA - La consigliera federale Simonetta Sommaruga si trova nello Sri Lanka per una visita di lavoro di quattro giorni, durante la quale firmerà una dichiarazione d'intenti per un partenariato migratorio. La responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) ha in programma incontri con rappresentanti del governo, dell'opposizione e della società civile, precisa un comunicato odierno.

Nel 2016 Svizzera e Sri Lanka hanno concluso un'intesa per una maggiore cooperazione nel settore dei rimpatri volontari dei richiedenti l'asilo e della loro integrazione. Due anni fa la consigliera federale aveva escluso una più stretta collaborazione in materia di immigrazione, ma da allora la situazione è migliorata.

La firma della dichiarazione d'intenti, che dovrebbe avvenire lunedì, è stata approvata dal Consiglio federale l'8 giugno. La cooperazione riguarderà i settori della migrazione e dello sviluppo, in particolare il processo di riconciliazione, la riforma costituzionale, la formazione e il perfezionamento dei giovani e la sicurezza dei lavoratori srilankesi nella regione stessa.

Sommaruga incontrerà il presidente dello Sri Lanka Maithripala Sirisena, il primo ministro Ranil Wickremesinghe e il ministro di giustizia Thalatha Atukorale. Sono previsti colloqui anche con la Commissione nazionale per i diritti dell'uomo e l'Ufficio per i dispersi, due commissioni statali indipendenti con cui la Svizzera intrattiene stretti contatti, precisa il DFGP.

La consigliera federale discuterà anche della situazione della minoranza tamil nello Sri Lanka con Rajavarothiam Sampanthan, capo dell'opposizione e del partito tamil che ha raccolto il maggior numero di voti, la Tamil National Alliance (TNA).

La Svizzera ha concluso finora partenariati con cinque paesi: Bosnia, Serbia, Kosovo, Nigeria e Tunisia. Le organizzazioni umanitarie ritengono che simili intese debbano essere concluse solo con paesi sicuri. In Sri Lanka ci sono ancora settori problematici. La tortura e i maltrattamento in prigione sono ancora molto diffusi, secondo l'Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati (OSAR). Le persone che hanno legami con le Tigri di liberazione dell'Eelam tamil (LTTE) vengono sorvegliate o arrestate. I tamil legati a questa organizzazione potrebbero quindi essere in pericolo se rimpatriano.

Nel 2013 due richiedenti tamil, rimpatriati assieme ai loro figli, erano stati arrestati appena giunti nel paese e sottoposti a maltrattamenti. Da allora la Svizzera aveva sospeso le espulsioni verso lo Sri Lanka.

A causa della guerra civile in Sri Lanka durata quasi trent'anni e conclusasi nel 2009, molti profughi hanno trovato rifugio in Svizzera. Oggi nella Confederazione vivono circa 51'000 Srilankesi, di cui circa la metà ha ottenuto la cittadinanza elvetica, ricorda il DFGP.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
madras 3 anni fa su tio
Questa è andata giù a prendere altri Tamil mi sa !!
beta 3 anni fa su tio
Se là ci resta si potrebbe farne una giornata di festa ?
Monello 3 anni fa su tio
volabas ...hai ragione speriamo che resti per sempre ...giù là hanno bisogno di personaggi come la Simo !!
volabas 3 anni fa su tio
speriamo ci resti, sarebbe sicuramente la miglior notizia del 2018 per la svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
14 min
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SVIZZERA
1 ora
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
2 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
3 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
GRIGIONI
6 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
GINEVRA
9 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
9 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
SVIZZERA
11 ore
Il numero dei trapianti è tornato a quello pre-pandemia
Malgrado lo stress Covid il numero di donatori è aumentato, ma per chi aspetta un organo la situazione resta tesa
SVIZZERA
12 ore
L'acqua di rubinetto che diventa “termale” (e poco ecologica)
Un'inchiesta di Saldo fa luce sui consumi delle strutture wellness per scaldare l'acqua delle piscine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile