keystone
ZURIGO
12.07.18 - 10:260

La Svizzera «agisca con toni più decisi con Bruxelles»

La consigliera nazionale Martullo-Blocher propone azioni nell'ambito del traffico di transito e attacca il PLR: «Il loro impegno per l'economia? Sopravvalutato»

ZURIGO - La Svizzera dovrebbe agire con toni più decisi nei confronti dell'UE e se questa dovesse scegliere il confronto Berna dovrebbe ipotizzare l'introduzione di sanzioni. Lo afferma la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher (UDC/GR) in una intervista alla Neue Zürcher Zeitung.

La zurighese - Martullo-Blocher è sì eletta nelle file dell'UDC grigionese, è però domiciliata a Meilen (ZH) - propone di agire nell'ambito del traffico di transito eliminandone le sovvenzioni. Dato che la Confederazione organizza e finanzia il trasporto Nord-Sud per l'Europa, i transiti attraverso la Svizzera diventerebbero molto più costosi per l'UE, afferma.

«Attualmente non auspico queste misure, vorrei invece che rafforzassimo i nostri punti di forza, là dove l'UE dipende da noi», ha precisato citando le strette relazioni economiche con l'Unione e l'impiego di molti cittadini europei nella Confederazione.

La figlia dell'ex consigliere federale Christoph Blocher fa poi l'esempio dell'estromissione della Svizzera dal programma di ricerca europeo "Orizzonte 2020". «Dopo l'esclusione, l'UE si è rapidamente resa conto che non era più in grado di attuare i suoi programmi più performanti» e l'ha reintrodotta provvisoriamente.

Martullo-Blocher ha poi attaccato i radicali-liberali accusati di essere pronti a sacrificare tutto: adozione delle regolamentazioni UE, abbandono dell'autodeterminazione e ora anche delle misure di accompagnamento. Per la zurighese «l'impegno del PLR a favore dell'economia viene sopravvalutato».

Replicando alla presidente del PLR Gössi Petra che aveva accusato l'UDC di essere isolazionista, Martullo-Blocher afferma che il suo partito è «ancora a favore del libero scambio e delle relazioni internazionali». La zurighese propone ad esempio di negoziare un trattato di libero scambio con gli Stati Uniti, escludendo però l'agricoltura per ragioni di «sicurezza nazionale».

Commenti
 
Evry 2 mesi fa su tio
è ora di difendere i nostri diritti e la nosta COSTITUZIONE non come certi nostri Governatori... che vogliono svendere la SVIZZERA
siska 2 mesi fa su tio
Maroooonnna, nell'ambiente dello spettacolo e del teatro (forse più l'ambiente di una volta) la signora Martullo-Blocher non la vorrebbero neppure come invitata ad una cena perché??...ah ah ah guardatele il colore della giacca...a loro portebbe "sfiga"!
shooter01 2 mesi fa su tio
Ottimo, sono pienamente d'accordo. E che sputino tranquillamente veleno gli euroinomani nemici di questo paese
kenobi 2 mesi fa su tio
concordo stiamo calando troppo le braghe all UE
patrick28 2 mesi fa su tio
Povera UDC in cerca di qualche voto ne spara una peggio dell'altra, sopratutto sempre proposte molto fattibili. Intanto i Blocher grazie al mercato libero libero ed alla globalizzazione sono miliardari. Non sputate nel piatto che vi ha arricchito !
miba 2 mesi fa su tio
@patrick28 Breve e chiaro, concordo al 100%
Danny50 2 mesi fa su tio
@patrick28 Povero te ! La famiglia Blocher é la dimostrazione che ci si puó arricchire senza la piovra. Sono tra i pochi politici con una spina dorsale. Gli altri sono solo degli spiaggiati senza il mare.
MIM 2 mesi fa su tio
@patrick28 Non stanno sputando, quello sei tu. La CH è cruciale e indispensabile all'UE, basta riconoscerlo. Chiaro che tu non potrai mai farlo, ma non è un problema per nessuno.
roma 2 mesi fa su tio
...gli attributi sconosciuti in quel di Berna
Potrebbe interessarti anche
Tags
svizzera
martullo-blocher
ue
toni
udc
plr
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report