operation-libero.ch
SVIZZERA
06.07.18 - 19:080

Matrimonio per tutti, apertura in due tappe

Si pensa al rito civile e all'adozione anche per le coppie omosessuali. Il ricorso alla medicina riproduttiva verrebbe in un primo momento impedito

BERNA - Le coppie omosessuali dovrebbero potersi sposare civilmente, ricorrendo anche all'adozione. Il ricorso alla medicina riproduttiva verrebbe in un primo momento impedito. È quanto pensa la Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale (CAG-N). Per realizzare l'iniziativa parlamentare dei Verdi liberali "Matrimonio civile per tutti", la CAG-N crede inoltre che non sia necessario ricorrere a una modifica costituzionale, bensì a modifiche legislative in due tappe.

La maggioranza pensa, indica una nota odierna dei servizi parlamentari, che l'articolo 14 della Costituzione federale ("Il diritto al matrimonio e alla famiglia è garantito") «non impedisca al legislatore di fondarsi sulla sua competenza di legiferare nell'ambito del diritto civile al fine di aprire l'istituto giuridico del matrimonio alle persone dello stesso sesso».

In base a un documento redatto dall'Ufficio federale di giustizia, sussistono due possibili modi di aprire il matrimonio a tutte le coppie a livello legislativo: mediante una revisione unica o un'attuazione in due (o più) tappe.

La CAG-N crede che un'attuazione a tappe presenti più vantaggi a una revisione unica, «in quanto permetterebbe di far entrare in vigore più rapidamente la nuova disposizione legale».

La CAG-N vuole poi evitare che il blocco di alcuni ambiti delicati - le rendite per superstiti o l'accesso alla medicina della procreazione - possa far fallire l'intero progetto.

La Commissione ha incaricato l'Amministrazione di farle pervenire fino a febbraio 2019 un "progetto di fondo" sull'apertura del matrimonio alle coppie dello stesso sesso, documento che dovrà disciplinare gli elementi essenziali del matrimonio per tutti nell'ambito del diritto civile (compresi il diritto alla cittadinanza e l'accesso all'adozione).

La proposta dei Verdi liberali "Matrimonio civile per tutti" intende conferire anche al concubinato lo statuto di diritto fondamentale accordato attualmente solo al matrimonio. Con questo progetto, partner e concubini potrebbero inoltre avere diritto alla naturalizzazione facilitata.

Il partito ha già precisato che l'iniziativa non obbligherà invece il Parlamento a rendere accessibile l'adozione alle coppie omosessuali. Quest'ultima opzione è però ventilata da un progetto del Consiglio federale, ma verrebbe limitata solo ai figli del partner registrato. Questa possibilità verrebbe offerta anche ai concubini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
8 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
12 ore
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
13 ore
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
15 ore
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
16 ore
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
SVIZZERA
18 ore
Deceduto l'ex ambasciatore Benedict de Tscharner
Nato nel 1937, ha svolto una lunga carriera diplomatica che lo ha portato a Vienna e Bruxelles e infine a Parigi, dove ha rappresentato la Svizzera dal 1997 al 2002
SAN GALLO
1 gior
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
1 gior
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
1 gior
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile