Keystone
SVIZZERA
15.05.18 - 16:500

Legge sulle armi, dibattito acceso al Nazionale

La Svizzera è chiamata ad adeguare la propria legislazione in quanto paese membro dello Spazio Schengen

BERNA - Il Consiglio nazionale condurrà un acceso dibattito sull'inasprimento della legislazione sulle armi durante la sessione estiva. La commissione preparatoria ha in parte rivisto i concetti del Consiglio federale, ma sia da destra sia da sinistra arrivano proposte di minoranza che potrebbero avere sostegno in aula.

Con 15 voti contro 8, la Commissione della politica di sicurezza del Nazionale ha dato il suo avallo alla ripresa della direttiva Ue sul tema, ha detto oggi il presidente Werner Salzmann (UDC/BE) ai media a Berna.

Bruxelles vuole inasprire le norme sulle armi entro la fine del 2019. La nuova direttiva era stata proposta dalla Commissione Ue il 18 novembre 2015, pochi giorni dopo la seconda strage di Parigi e il Parlamento europeo l'ha approvata il 14 marzo 2017.

La Svizzera è chiamata ad adeguare la propria legislazione in quanto paese membro dello Spazio Schengen, ma il Consiglio federale, che ha approvato il messaggio al parlamento lo scorso 2 marzo, ha optato per un'applicazione "pragmatica", sfruttando il margine di manovra disponibile per salvaguardare la tradizione elvetica in materia di tiro.

L'UDC proporrà di non entrare in materia. Chiederà il rinvio al governo per cancellare le regole che ostacolano la tradizione elvetica nel settore e che vanno oltre la direttiva di Bruxelles.

La commissione - per 15 voti contro 9 - ha poi respinto la richiesta dei democentristi di rinviare il dibattito in attesa di sentenze sull'argomento della Corte di giustizia dell'Ue. Respinta anche una richiesta di sinistra che vorrebbe tenere sotto controllo i caricatori.

La maggioranza ha anche deciso non inserire l'arma di ordinanza militare consegnata alla fine del servizio fra quelle proibite. Il progetto del Consiglio federale assicurava comunque già che le armi di servizio potessero continuare a essere conservate a casa dopo aver terminato i giorni in grigio-verde.

Decine di proposte di minoranza sono arrivate da destra e da sinistra. Alcune sono state respinte solo di misura, come quella che domanda di non imporre una scadenza di 20 giorni agli armaioli per segnalare una transizione ai Cantoni.

L'argomento è controverso. In consultazione l'associazione di settore Pro Tell si è battuta contro qualsiasi inasprimento del diritto delle armi in Svizzera. La trasposizione del diritto Ue è visto semplicemente come un pretesto per indurire la legislazione in materia. La Federazione svizzera dei tiratori (FST) ha promesso il lancio di un referendum e la stessa cosa ha fatto l'Associazione svizzera di sottufficiali (ASSU).
 

Commenti
 
shooter01 6 gior fa su tio
Assolutamente no ad ulteriori giri di vite ad una legislazione sulle armi che funziona e lo ha dimostrato, mentre le scriteriate leggi dell'unione europea si sono sempre dimostrate un totale fallimento, da quelle sul terrorismo a quelle sull'immigrazione, e persino quelle che dovrebbero regolare il libero scambio. Ulteriori inasprimenti porterebbero solamente confusione e il fiorire del mercato nero, quello che piace alla sinistra ma è realmente un pericolo che io personalmente temo. Adesso è ora di finirla di accettare passivamente qualsiasi direttiva ue senza neppure far valere il nostro diritto di negoziazione. Noi non siamo in europa. Se questo non piace ai sinistri, possono sempre andarsene e raggiungere uno dei paradisi dell'unione europea.
OCP 6 gior fa su tio
"La nuova direttiva era stata proposta dalla Commissione Ue il 18 novembre 2015, pochi giorni dopo la seconda strage di Parigi e il Parlamento europeo l'ha approvata il 14 marzo 2017." Ecco come stanno realmente le cose: 1. Schengen prometteva più sicurezza ma si è rilevata un totale fallimento 2. Gli attentatori di Parigi (e anche per gli altri attentati) sono sicuro che NON hanno acquistato delle armi legalmente 3. Si vuole controllare tutto e tutti mentre si sa benissimo che arriva gente con la copertura di "rifugiato" che non si è neppure sicuri di come si chiama veramente. Se prendi un aereo di controllano anche il bu del c.. mentre con i barconi arriva di tutto e di più. È come quello che per paura dei ladri vuole chiudere a chiave il portone blindato ma lascia spalancate tutte le finestre al PT. Conclusione: La politica europea, fatta da incapaci, non sa e ho l'impressione che non vuole neppure risolvere il problema e allora, da emeriti mediocri, pensano che con queste fregnacce di leggi (che tra l'altro ai terroristi non gli frega una beneamata sega delle leggi... ma va che scoperta!!) possano risolvere qualche cosa o almeno fare credere (e qualche imbecille ci crede davvero) che sia una soluzione. Meno male che non fanno i medici, altrimenti a chi si presenterebbe al pronto soccorso con una gamba spatasciata gli farebbero un bacino sulla bua e lo rimanderebbero a casa... stanno facendo la stessa cosa.
Danny50 6 gior fa su tio
Avanti a calare le braghe alla piovra. Un bel giorno il bue si sveglierà dal letargo e forse (se ne avrà ancora la possibilità) manderà a quel paese UE e servitori a Berna.
Thor61 6 gior fa su tio
@Danny50 Il bue sa già dove andrà a finire la nazione, non stanno dormendo, il punto è che non gli interessa, tanto a lui/loro qualcosa in tasca prima o poi arriverà.
Tags
armi
svizzera
ue
commissione
legislazione
dibattito
nazionale
consiglio
consiglio federale
materia
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report