SVIZZERA
05.05.18 - 14:040

Giudici stranieri: «L'iniziativa UDC è una minaccia ai diritti umani»

I membri di Amnesty Svizzera hanno adottato una risoluzione, invitando gli elettori a respingere il testo

BERNA - I membri di Amnesty Svizzera, riuniti oggi in assemblea a Berna, hanno invitato a difendere il sistema europeo di protezione dei diritti umani. Esortano anche gli elettori a respingere chiaramente l'iniziativa dell'UDC "Il diritto svizzero anziché giudici stranieri".

I membri della sezione elvetica di Amnesty International (AI) hanno adottato una risoluzione contro questa iniziativa, che dovrebbe essere sottoposta in votazione il prossimo 28 novembre. Secondo l'ONG, «essa rappresenta una minaccia ai diritti umani».

Se fosse adottato, il testo potrebbe avere quale conseguenza un ritiro della Svizzera dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU) e un indebolimento della protezione dei diritti umani, si legge in una nota odierna di Amnesty.

La CEDU, una linea rossa - L'iniziativa detta "dei giudici stranieri" interviene in un momento in cui le crisi dei diritti umani in Paesi come la Russia o la Turchia dimostrano la necessità di una protezione europea comune di questi diritti, precisa la risoluzione.

«Laddove i governi autoritari limitano le libertà e i diritti del loro popolo, la CEDU rappresenta una linea rossa il cui superamento avrebbe gravi conseguenze», si legge nel testo.

Avvertimenti dalla Russia - Nel corso di una tavola rotonda pubblica alla quale hanno assistito 300 militanti, Sergei Nikitin, ex direttore di Amnesty Russia, ha dipinto un quadro cupo della situazione dei diritti umani nel suo Paese.

«Il mio Paese ha poco rispetto per i diritti umani. Il Cremlino utilizza questo termine solo se può trarne vantaggio, in particolare per condannare l'Occidente. La maggior parte delle persone ignorano le violazioni dei diritti umani o le giustificano sulla base della propaganda di Stato», ha dichiarato Nikitin.

«Speriamo che la Svizzera (...) manderà un segnale chiaro in difesa della CEDU e dei diritti umani in Europa al momento del voto popolare», ha aggiunto.

E dalla Turchia - Dal canto suo Idil Eser, direttrice della sezione turca di Amnesty International, ha descritto le misure di rappresaglia con cui, dopo il fallito colpo di Stato del luglio 2016, il governo tenta di soffocare la società civile turca.

«Con il pretesto dello stato di emergenza, le autorità turche hanno di fatto avviato un progetto di smantellamento della società civile, di detenzione dei giornalisti e dei difensori dei diritti umani, e di chiusura delle ONG. La conseguenza è un clima di paura», ha concluso la Elser, lei stessa incarcerata per tre mesi nel 2017 in seguito all'accusa di terrorismo.

Commenti
 
Mattiatr 11 mesi fa su tio
Io trovo giusta e lecita l'iniziativa UDC. Finché saremo un paese indipendente e sovrano dovremo mantenere i tre poteri al di sopra di ogni imposizione straniera. In fondo i confini rimarranno i nostri e al loro interno sceglieremo noi cosa vogliamo. Il giorno che verremo invasi da qualche nazione le cose cambieranno ma fino ad allora la sovranità svizzera dovrà essere rispettata. Bisogna smetterla di fare gli zombie e di sorridere e annuire come faccio io all'estero quando non capisco :-D. Buona giornata a tutti.
Lonely Cat 11 mesi fa su tio
Se è per questo la Svizzera viola già i diritti umani con Via Sicura. L’articolo 17 comma 2 recita: “Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua proprietà”. Cominciamo a correggere questa vergogna.
moma 11 mesi fa su tio
Dalla Svizzera, già diventata zerbino per suinicolture a disposizione di tutti, ora pretendono tutto e di più e la Berna Federale s'inchina. In questo caso do ragione all'UDC.
MIM 11 mesi fa su tio
Per Amnesty la CH non rispetta i diritti umani? Da quando? Ma ci sono o ci fanno?
shooter01 11 mesi fa su tio
una vergogna organizzazioni che non riescono a combinare nulla dove serve e fanno la voce grossa in quai paesi dove altri gli garantiscono quella libertà che sbandierano. Profondo disprezzo
Tato50 11 mesi fa su tio
Ci paragonano alla Russia e alla Turchia quando abbiamo già dei Giudici talmente garantisti che vale la pena essere delinquenti. Non abbiamo bisogno di essere messi sotto "tutela" da perfetti sconosciuti ;-(
Mattiatr 11 mesi fa su tio
@Tato50 Ma sei proprio rimasto in dietro, ti consiglio di leggerti qualche giornale attuale. La Svizzera ora è un regime militarista con tanto di testate nucleari e 007 muniti di spade laser e morte nera.
Tato50 11 mesi fa su tio
@Mattiatr Io rimasto indietro ? Ma se ho già letto il giornale di domani ;-)) Le testate nucleari lasciamole da parte, abbiamo già abbastanza teste di... e cerchiamo un modo indolore per eliminarle ;-))
Mattiatr 11 mesi fa su tio
@Tato50 Possiamo sempre lanciarli entrambi da un aereo ;-D
Tato50 11 mesi fa su tio
@Mattiatr Buona idea ; sacco militare in spalla con dentro un po' di roba per far peso e dirgli Ê UN PARACADUTE ;-))
Danny50 11 mesi fa su tio
Un vero slogan di propaganda di stile Goebbels. La Svizzera non ha bisogno di essere sotto tutela di giudici europei che tollerano la Turchia per essere compatibili con i diritti umani. Comparare la Svizzera a Russia e Turchia puó essere fatto solo da questi dementi deviati e cerebrolesi.
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report