Keystone
SVIZZERA
04.05.18 - 16:110

Von Wattenwyl all'insegna della cybersicurezza e dell'Ue

Vertici dei partiti di governo e una delegazione del Consiglio federale si sono riuniti oggi per i tradizionali colloqui

BERNA - La cybersicurezza è stata al centro dei colloqui tenutosi oggi alla casa von Wattenwyl tra i vertici dei partiti di governo e una delegazione del Consiglio federale. Si è discusso pure di relazioni tra la Svizzera e l'Unione europea, nonché di governance delle aziende parastatali, di questioni fiscali e di politica agricola.

Oltre al presidente della Confederazione Alain Berset, hanno partecipato ai colloqui per l'esecutivo anche il consigliere federale Ueli Maurer e il cancelliere della Confederazione Walter Thurnherr, indica il governo in una nota odierna.

I cyber-rischi rappresentano una delle sfide più importanti cui sono confrontate le società democratiche. Per questo la Confederazione deve riconsiderare e, all'occorrenza, riprogettare la propria organizzazione in questo settore, ha ricordato Ueli Maurer ai vertici dei partiti e dei gruppi parlamentari di PPD, PLR, PS e UDC. Anche il Parlamento in varie circostanze ha impartito al Governo direttive chiare in tal senso.

La discussione si è incentrata sia sulla collaborazione tra i dipartimenti federali sia sul rafforzamento delle strutture di gestione nell'ambito della ciybersicurezza. Il Consiglio federale auspica l'introduzione di un coordinamento fra i dipartimenti allo scopo di rilevare migliori misure organizzative e risorse necessarie. Esecutivo e partiti di governo hanno insistito sulla necessità di collaborare anche con gli attori privati.

Relazioni con l'UE - La delegazione del Consiglio federale ha inoltre fatto il punto della situazione sui negoziati in corso sulle questioni istituzionali con l'Unione europea. È stata in particolare presentata la soluzione arbitrale abbozzata dai negoziatori per la risoluzione delle controversie tra Berna e Bruxelles ed è stata ribadita la volontà del Consiglio federale di salvaguardare le misure di accompagnamento all'Accordo sulla libera circolazione delle persone, si legge nella nota.

Il Governo ha ribadito che l'accordo istituzionale non è fine a se stesso, ma rappresenta uno strumento che permette di gestire in modo efficiente gli accordi di accesso al mercato. Per quanto riguarda il secondo contributo della Svizzera destinato ad alcuni Stati membri dell'UE, il Consiglio federale ha precisato che, una volta conclusa la consultazione avviata lo scorso 28 marzo, ne analizzerà i risultati riesaminando in parallelo lo stato generale delle relazioni tra Berna e Bruxelles.

I partecipanti ai colloqui sono stati pure informati in merito a come il Governo intende garantire i diritti e i doveri reciproci esistenti tra la Confederazione e il Regno Unito nella fase di transizione della Brexit prevista dal 29 marzo 2019 al 31 dicembre 2020.

Governance aziende e questioni fiscali - Alla casa von Wattenwyl si è parlato anche della gestione delle aziende della Confederazione. Il Consiglio federale ritiene che le attuali basi legali siano adatte a gestire in modo appropriato queste aziende. Tuttavia, Governo e partiti reputano necessario proseguire la riflessione per individuare ancor migliori modalità di governance delle aziende parastatali.

Su richiesta dei partiti, il consigliere federale Maurer ha poi illustrato le possibili misure per rafforzare la piazza economica svizzera. Entro fine anno il Dipartimento federale delle finanze (DFF) prevede di sottoporre al Consiglio federale una serie di proposte di riforma. Sulla base di queste informazioni l'esecutivo potrà quindi decidere come procedere con i dossier concernenti la riforma dell'imposta preventiva e la soppressione delle tasse di bollo.

Infine, il Consiglio federale ha fornito ai partiti informazioni sullo stato attuale dei lavori riguardanti l'evoluzione della politica agricola a partire dal 2022 (AP22+). Il ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann, responsabile dell'agricoltura, non era presente ai colloqui perché impegnato nel suo viaggio negli Stati del Mercosur.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Würenlingen ricorda l'attentato di 50 anni fa con 47 morti
Durante la commemorazione sono state deposte corone di fiori e accese 47 candele
FOCUS
16 ore
Crypto, un Grande Fratello tutto svizzero
Tutto quello che c’è da sapere su uno spionaggio internazionale che vede coinvolta una società di Zugo
SVIZZERA
17 ore
Erano sulla nave MS Westerdam, svizzeri in quarantena
I test iniziali sui passeggeri erano risultati negativi, ma un'americana si è ammalata. Segreti i cantoni di provenienza
SVIZZERA
20 ore
«Il roaming è una truffa, è il momento di intervenire»
Lo chiede l'associazione dei consumatori, che vorrebbe limiti massimi di prezzo fissati dal Consiglio federale
SVIZZERA / CINA
20 ore
Tornano altri cinque svizzeri, poi la quarantena
Con loro anche due parenti cinesi. Il periodo di isolamento contro il coronavirus lo faranno sul nostro territorio
SVIZZERA
20 ore
Due reclute su 10 fuori dal militare per ragioni mediche
Le persone soggette all'obbligo di leva che sono state rimandate per vari motivi sono state 1580.
SVIZZERA
21 ore
UPC taglia 160 posti di lavoro in Svizzera
Si tratta del 10% della forza lavoro complessiva.
TURGOVIA
22 ore
Un altro rapinatore mascherato si aggira per Kreuzlingen
L'uomo ha colpito ieri sera un distributore di benzina ed è fuggito con il bottino
FOTO
SVIZZERA
22 ore
I cuochi dell'esercito svizzero sono i migliori al mondo
Lo Swiss Armed Forces Culinary ha vinto l'oro alle Olimpiadi di Stoccarda
SVIZZERA
1 gior
Anno da record per Sika
Il gruppo chimico di Zugo ha fatto registrare un fatturato di 8.1 miliardi di franchi nel 2019
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile