Keystone
SVIZZERA
18.04.18 - 09:590

Venezuela, le sanzioni sono «poco svizzere»

L'ambasciatore Cesar Mendez ha criticato il Consiglio federale per la sua decisione del 28 marzo scorso. E lo stesso ha fatto la Commissione politica estera sorpresa

BERNA - L'ambasciatore venezuelano in Svizzera Cesar Mendez ha fortemente criticato il Consiglio federale in merito alle sanzioni imposte da Berna lo scorso 28 marzo. Secondo il diplomatico sudamericano, il governo si è comportato in modo «poco svizzero», cedendo alle pressioni di Ue e Stati Uniti.

La decisione non corrisponde all'opinione della popolazione svizzera, ma solo a quella del governo federale, ha detto Mendez in un'intervista odierna alla "Basler Zeitung". Il cittadino elvetico non vuole interferire ovunque, ha precisato il diplomatico.

Lo scorso 28 marzo il Consiglio federale aveva emanato misure coercitive contro il Venezuela, aderendo alle sanzioni inflitte dall'Ue a seguito della violazione dei diritti umani e del deterioramento dello stato di diritto e delle istituzioni democratiche. Berna aveva decretato un embargo sul materiale d'armamento e sui beni che potrebbero essere usati a scopi repressivi, nonché sanzioni finanziarie e restrizioni di viaggio. Le misure hanno interessato sette persone.

Il Venezuela è convinto che la Svizzera abbia ceduto a pressioni esterne, riprendendo gli stessi argomenti utilizzati da altri Paesi. L'ambasciatore sudamericano si augura che la neutralità della Confederazione ritrovi la «retta via», poiché con queste sanzioni il Consiglio federale rovina le relazioni tra le due nazioni.

Secondo Mendez non sono previste contromisure a danno della Svizzera. Il Venezuela chiede tuttavia alla Confederazione di nominare formalmente un ambasciatore nel Paese sudamericano che non abbia solo il titolo, ma anche la funzione di ambasciatore. Ciò sarebbe un primo segnale da parte di Berna nei confronti del Venezuela.

Secondo Mendez all'interno del regime del presidente Nicolas Maduro vi sono abusi come in ogni altro Paese e ci sono molti casi di corruzione. Ma, ha aggiunto il diplomatico, nessun governo in questo mondo arriva al potere con l'intenzione di distruggere il Paese.

Commissione politica estera sorpresa

Non è solo l'ambasciatore venezuelano in Svizzera a criticare le sanzioni. Stando a una nota di ieri dei Servizi parlamentari, diversi membri della Commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-N) si sono detti sorpresi da questi provvedimenti.

Essi osservano infatti che le Nazioni unite non hanno adottato sanzioni nei confronti del Venezuela e che altri Stati, a loro avviso più criticabili in materia di rispetto delle libertà individuali o delle istituzioni democratiche, non sono oggetto di alcuna sanzione.

Diversi membri della CPE-N hanno inoltre rilevato che la Svizzera seguiva i provvedimenti promulgati dall'Ue nel caso del Venezuela, ma non nei confronti della Russia. Tale discrepanza ha portato la commissione ad interrogarsi sulla strategia del Governo in materia, tema questo che verrà affrontato nella prossima seduta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 2 anni fa su tio
Una cosa è poco ma sicura e cioè che la Svizzera ha ceduto alle pressioni di UE ed USA prendendo per buone le valanghe di fake news, mezze bugie, mezze verità, realtà distorte (senza nessun mezzo di prova...) a cui siamo ormai abituati giornalmente. Mi sbaglierò sicuramente ma perseverando a fare i lecchini di USA/UE con il tempo perderemo quella serietà/affidabilità/neutralità che ci ha finora sempre contraddistinto all'estero
TOP NEWS Svizzera
CITTÀ DEL VATICANO
2 ore
Vent'anni al servizio del Papa tra disciplina, turni e rinunce
Vent'anni a proteggere il Santo Padre nel periodo più tragico della Chiesa. Ritratto di una professione fuori dal comune
SVIZZERA
9 ore
«Ci prepariamo a dover trasferire i pazienti»
Da domani l'Hôpital du Valais alza l'allerta al livello più alto, che implica il bisogno di aiuto esterno
FRIBURGO
9 ore
Si schianta sulla chiesa con il parapendio
La Rega ha trasportato il 27enne, vittima dell'incidente, in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Terremoto di magnitudo 4,4 in Svizzera
L'epicentro è stato localizzato nel Canton Glarona
ARGOVIA
12 ore
L'assembramento per l'anniversario del centro commerciale fa discutere
In rete circolano le immagini di un evento tenuto sabato allo Shoppi Tivoli di Spreitenbach: «Irresponsabili».
URI
16 ore
Frana sul Susten, il passo è bloccato fino a nuovo avviso
C'è ancora rischio di nuovi smottamenti. Al momento del crollo in loco c'era una comitiva di escursionisti
NIDVALDO
19 ore
Abbandona l'auto (distrutta) in mezzo all'autostrada e fugge
Aveva avuto un incidente e ha deciso di allontanarsi. Diverse ore dopo si è però presentato in polizia.
SVIZZERA
20 ore
Affitti commerciali: non tutti hanno sofferto
Un terzo dei commerci in locazione ha conosciuto difficoltà a causa del semiconfinamento.
SVITTO
22 ore
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
22 ore
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile