Keystone
GINEVRA
15.04.18 - 10:320

Un rinnovo di governo e parlamento da numeri record

Sono 31 gli aspiranti per i sette seggi del Consiglio di Stato e 623 quelli per le 100 poltrone del Gran Consiglio

GINEVRA - Nel canton Ginevra si elegge oggi il nuovo parlamento e si tiene anche il primo turno per il rinnovo del governo.

Per entrambi gli organi è stato registrato un numero di aspiranti mai raggiunto finora: 31 per i sette seggi del Consiglio di Stato e 623 (tra cui 230 donne) su 13 liste elettorali per le 100 poltrone del Gran Consiglio. Per conoscere la composizione del nuovo governo bisognerà tuttavia aspettare il secondo turno in programma il 6 maggio.

Il Consiglio di Stato - Per il Consiglio di Stato sono in lizza tutti i "ministri" del governo attuale - composto di due PLR, due PPD, un esponente del Mouvement Citoyens Genevois (MCG), un PS e un Verde - ad eccezione del presidente dell'esecutivo cantonale François Longchamp (PLR).

Stando ad un recente sondaggio della RTS, la riconferma si prospetta difficile per la socialista Anne Emery-Torracinta e non del tutto certa per il cristiano-democratico Luc Barthassat, che dirigono rispettivamente il dipartimento della pubblica educazione e il dipartimento dell'ambiente, dei trasporti e dell'agricoltura.

La prima è stata criticata in marzo per il modo con cui ha gestito il caso di Tariq Ramadan, l'islamologo svizzero di origini egiziane accusato di stupro in Francia e - la notizia è di venerdì - ora anche nella stessa Ginevra. A Luc Barthassat sono rimproverati risultati insufficienti nel settore dei trasporti.

Stando ai pronostici, il primo della futura classifica - e forse il solo candidato eletto già oggi con il sistema maggioritario - dovrebbe essere il "ministro" uscente del PLR Pierre Maudet, capo del dipartimento della sicurezza e dell'economia, la cui notorietà ha ampiamente superato i confini del cantone con la sua recente candidatura in Consiglio federale.

Dovrebbero pure essere riconfermati il direttore delle finanze cantonali Serge Dal Busco (PPD), il Verde Antonio Hodgers, capo del dicastero dell'urbanistica, dell'alloggio e dell'energia, nonché il MCG Mauro Poggia, direttore del dipartimento dell'impiego, degli affari sociali e della salute.

Per subentrare a Longchamp, il PLR propone la deputata e capo gruppo Nathalie Fontanet, mentre in casa socialista i più temibili avversari della Emery-Torracinta potrebbero essere la municipale di Ginevra Sandrine Salerno e il municipale di Vernier Thierry Apothéloz.

Stando agli osservatori, l'"Intesa" PLR-PPD dovrebbe conservare la maggioranza in seno al governo cantonale, ma la totalità dei seggi sarà comunque attribuita soltanto al termine del secondo turno, il 6 maggio.

Il Gran Consiglio - Per quanto riguarda il Gran Consiglio - la cui composizione attuale è di 24 PLR, 15 PS, 15 MCG, 11 PPD, 10 UDC, 10 Verdi, 8 fuori partito e 8 Ensemble à gauche - il partito che potrebbe trovarsi maggiormente in difficoltà è l'MCG, a causa della concorrenza di "Genève en Marche", la nuova formazione politica diretta da Eric Stauffer, all'origine dello stesso Mouvement Citoyens.

Potrebbero anche mancare il quorum del 7% per entrare nel legislativo i movimenti dell'estrema sinistra, riuniti finora in seno alla coalizione "Ensemble à Gauche". Due deputati di quest'ultima hanno deciso di lanciare una lista indipendente, che potrebbe condurre all'estromissione dal parlamento della sinistra alternativa.

I risultati del primo turno per il Consiglio di Stato saranno resi noti a partire dalle 12.45, quelli dell'elezione per il Gran Consiglio dalle 15.00 secondo i piani della Cancelleria. Un secondo spoglio, una particolarità ginevrina, dovrebbe dare i risultati definitivi dopo le 18.00.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
8 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
9 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
10 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
13 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
15 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
15 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
17 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
19 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile