Keystone
BERNA
10.04.18 - 17:500

Armi semiautomatiche, la direttiva Ue «va trattata»

«Si tratta di trasporre la direttiva Ue nel modo più pragmatico possibile a tutela delle tradizioni svizzere in materia di tiro»

BERNA - La partecipazione della Svizzera a Schengen non va messa a repentaglio. Con questa motivazione, la Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-N) ha deciso di trattare (15 voti a 9) il progetto governativo volto ad inasprire l'acquisto e il possesso di armi semiautomatiche come chiede una direttiva Ue in materia.

No quindi (15 voti a 9) a un rinvio che avrebbe incaricato il Governo di stralciare dal progetto tutte le limitazioni che vanno oltre quanto richiesto dalla direttiva UE sulle armi, nonché tutte le disposizioni che in un modo o nell'altro compromettono le tradizioni svizzere in materia di tiro, precisa una nota odierna dei servizi parlamentari.

Non ha trovato grazia agli occhi della maggioranza della commissione nemmeno la proposta di sospendere la trattazione del dossier «fintanto che la Corte di giustizia dell'Unione europea non si sia pronunciata sul fondamento legale della direttiva sulle armi».

Secondo la CPS-N, che tratterà nei particolari la revisione della legge sulle armi in un secondo tempo, si tratta di trasporre la direttiva Ue «nel modo più pragmatico possibile a tutela delle tradizioni svizzere in materia di tiro». Inoltre, col referendum facoltativo il popolo avrà la possibilità di pronunciarsi sul progetto. Ricordiamo che la Svizzera dovrà inglobare nel proprio diritto le nuove regole europee entro il 31 maggio 2019.

In base al progetto del Consiglio federale presentato il 2 marzo scorso, una volta prosciolti dall'obbligo di prestare servizio militare, i cittadini potranno ancora tenere l'arma dell'esercito col relativo caricatore da venti cartucce e continuare a utilizzarla per il tiro sportivo.

Tuttavia, sarà necessario dimostrare di essere membri di una società di tiro e di esercitarlo con regolarità. Inoltre si sarà tenuti a fornire nuovamente l'una o l'altra prova a distanza di cinque o dieci anni.

I Cantoni avranno inoltre tempo tre anni affinché gli attuali detentori di armi si facciano confermare il legittimo possesso presso gli uffici preposti. Tale conferma sarà necessaria soltanto se l'arma non risulta già iscritta in un registro o non è stata ceduta in proprietà direttamente dall'esercito al termine degli obblighi militari.

Anche i collezionisti e i musei potranno acquisire armi, a condizione di aver adottato tutte le misure necessarie per custodirle in sicurezza e di tenere un elenco delle armi che necessitano di un'autorizzazione eccezionale.

La nuova disposizione non si applica però ai cacciatori. Per praticare la loro attività prediletta essi non si servono infatti di armi semiautomatiche, ma utilizzano le classiche armi da caccia.

Commenti
 
siska 3 mesi fa su tio
Corretto e lo ammetto, oggi il socialismo vero non esiste più. Gli pseudo-socialisti in quel di Berna salgono in groppa al cavallo di troia facendo credere di essere socialisti in verità non lo sono in quanto sono dei massoni non ufficializzati al popolo. Gli altri? Cioé altri pensieri politici? fanno la medesima cosa. Ma lo sanno anche nel sud del mondo che la Svizzera é un paese di stampo massone. però massone o non massone poco importa ma é nella metà del novecento e dalla metà del novecento in poi che la Svizzera si é costruita una gran ricchezza con i soldi di chi e soprattutto da dove provenivano? Domanda da Frs. 1.-
1303 3 mesi fa su tio
Ma basta farci sodomizzare da paesi stranieri. Qui comandiamo noi
Equalizer 3 mesi fa su tio
Questo articolo trasuda di lubrificante a..... volete sapere come stanno le cose veramente? Ecco il link del tradimento di Sommaruga, Berna ed i suoi calabraghe e simpatizzanti. Leggete ed inorridite, altro che libertà svizzera etc etc. https://www.fedpol.admin.ch/dam/data/fedpol/sicherheit/waffen/schengen-besitzstand/2018-03-02/entw-i .pdf
Thor61 3 mesi fa su tio
@Equalizer In realtà sembrerebbe che la legge sia già stata approvata e firmata dal duo:.... .... In nome del Consiglio federale svizzero: Il presidente della Confederazione, Alain Berset Il cancelliere della Confederazione, Walter Thurnherr e meno male che siamo in Svizzera dove dovrebbe vigere la Democrazia Diretta, si, diretta dai socialisti.... ....PS Per far funzionare il link togliere lo spazio prima del punto finale (,pdf)
shooter01 3 mesi fa su tio
@Equalizer la solita servetta ha leccato le scarpe ai suoi padroni. Purtroppo la svizzera rimane ormai l'unico paese dove comandano i falliti sinistroidi. E per questo provo una profonda vergogna. La libertà qui è finita ma non ci arrederemo di certo a chi vuole favorire terroristi e delinquenti disarmando i cittadini onesti. Il socialismo va combattuto sempre e comunque.
Tags
armi
direttiva
direttiva ue
ue
tiro
armi semiautomatiche
progetto
materia
tradizioni
tradizioni svizzere
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report