Keystone
VENEZUELA/SVIZZERA
03.04.18 - 16:010

«Le sanzioni svizzere sono grottesche e illegali»

Il Venezuela ha ufficialmente protestato ieri per il divieto d'entrata e di transito sul territorio elvetico imposta da Berna a sette alti funzionari del Paese sudamericano

CARACAS/BERNA - Il Venezuela ha ufficialmente protestato ieri contro le sanzioni recentemente imposte dalla Svizzera nei confronti di sette alti funzionari venezuelani ai quali è stata vietata l'entrata e il transito sul territorio elvetico.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), contattato dall'ats, ha confermato che «l'incaricato d'affari dell'ambasciata svizzera è stato citato al ministero degli affari esteri a Caracas». Secondo una portavoce del DFAE, contro la Confederazione non è stata adottata alcuna misura di ritorsione.

Una nota è stata trasmessa all'incaricato degli affari. In essa il capo della diplomazia venezuelana Jorge Arreaza afferma che queste sanzioni, da parte di un Paese «storicamente neutro» come la Svizzera, non sono inclini a creare le "condizioni di un dialogo" e «rafforzano le posizioni estremiste che cercano esiti violenti».

«Grottesche" e "illegali» - La decisione delle autorità elvetiche annunciata il 28 marzo - secondo Arreaza - mostra la loro «subordinazione ai Paesi membri dell'Unione europea e al governo degli Stati Uniti» che hanno emanato sanzioni contro il regime di Nicolas Maduro. Queste sanzioni così come quelle imposte dal Panama sono «grottesche e illegali», ha d'altra parte ritenuto ieri la Corte suprema venezuelana.

Tra i responsabili interessati dalle sanzioni svizzere vi sono il presidente dell'Assemblea nazionale venezuelana Diosdado Cabello, considerato come il numero due del regime, il presidente della Corte suprema Maikel Moreno, e il ministro dell'interno Nestor Riverol.

Fa parte delle sanzioni anche un embargo sui beni di equipaggiamento militari e sui beni suscettibili di essere utilizzati con fine di repressione. Un divieto equivalente si applica anche ad attrezzature, tecnologie e software che possono servire alla sorveglianza o all'intercettazione delle comunicazioni telefoniche o di internet.

Il Consiglio federale ha dichiarato la settimana scorsa di essere «seriamente preoccupato» dalle ripetute violazioni delle libertà individuali in Venezuela, dove il principio della separazione dei poteri è severamente compromesso. Interrogato oggi dall'ats su possibili nuove sanzioni nei confronti di Caracas il DFAE ha affermato che «la Svizzera continua a seguire attentamente la situazione e gli sviluppi sul posto e valuterà di conseguenza».
 
 

Commenti
 
tip75 8 mesi fa su tio
la nostra svizzera farebbe bene a mantenere la neutralità per la quale negli anni è stata famosa e non continuare (come fa da tempo) a prendere posizioni esprimere opinioni e parteggiare per altre nazioni ...questo modo di fare discutibile da adito a definire il suo atteggiamento un tantino di interesse
miba 8 mesi fa su tio
La Svizzera continua a seguire attentamente la situazione e gli sviluppi sul posto e valuterà di conseguenza. Scusate la franchezza ma onestamente io qualche dubbio in merito ce l'ho........
Tags
sanzioni
svizzera
affari
dfae
grottesche illegali
venezuela
sanzioni svizzere
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report