Keystone
BERNA
23.03.18 - 08:290

Il PLR punta a diventare il secondo partito svizzero

Lo ha dichiarato la presidente liberale-radicale Petra Gössi in una intervista, in vista delle federali 2019

BERNA - Alle elezioni federali del prossimo anno, il PLR vuole diventare il secondo partito svizzero, dietro all'UDC e davanti ai socialisti. Lo ha dichiarato la presidente liberale-radicale Petra Gössi in una intervista pubblicata oggi dal Bund e dal Tages-Anzeiger.

Secondo la consigliera nazionale svittese le possibilità di riuscita sono concrete: alle legislative del 2015 il PLR era progredito di 1,5 punti e aveva convinto il 16,4% degli elettori. Il PS era invece rimasto stabile (+0,1 punti al 18,8%).

Per Gössi uno dei temi che contrassegneranno la campagna elettorale sarà senza dubbio il dossier europeo: si discuterà infatti delle iniziative dell'UDC «contro i giudici stranieri» e contro la libera circolazione delle persone, così come della revisione della legge sulle armi.

Sul tema Europa, Gössi ricorda che il suo partito si oppone all'adesione della Confederazione all'Ue, sostenendo invece la via bilaterale. Il PLR intende anche concentrarsi sulla digitalizzazione dell'economia e le sue opportunità. Se la Svizzera non sarà ai vertici, il Paese perderà posizioni in materia di competitività economica, ha osservato.

Gössi è anche preoccupata dal constante declino del PPD, che alle federali del 2015 aveva perso 0,7 punti all'11,6%. Il sistema politico svizzero tende sempre più a concentrarsi in tre poli, uno socialista, uno nazional-conservatore e uno liberale. Questa tendenza è problematica per il PLR poiché c'è il rischio che lo schieramento conservatore venga ancora rafforzato da «transfughi» popolari-democratici.

Sul piano personale, Gössi resta sul vago circa una sua possibile candidatura al Consiglio federale. «La questione non si pone», afferma sostenendo che il suo obiettivo è condurre il partito alle prossime elezioni federali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
57 min
«In arrivo un'ondata di fallimenti»
È cupa la previsione di Heinz Karrer, Presidente di economiesuisse
GLARONA
1 ora
La terra trema ripetutamente nelle Alpi glaronesi
La scossa più forte è stata avvertita nella giornata di martedì
GINEVRA
1 ora
«Covid-19 come la peste, non finirà mai»
«La medicina ha fatto una figuraccia; sbagliato dare agli scienziati un credito illimitato».
VAUD
9 ore
Con l'app di tracciamento l'attenzione sulla Svizzera è alta
Il sistema decentralizzato DP-3T attira l'attenzione di molti paesi per la protezione della privacy
SVIZZERA
11 ore
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
SVIZZERA
17 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
17 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
18 ore
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
GINEVRA
18 ore
EasyJet: «I dipendenti sono sotto shock»
I sindacati deplorano l'annuncio, definito «brutale», della soppressione degli impieghi
SVIZZERA
19 ore
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile