keystone
BERNA
13.03.18 - 07:410
Aggiornamento : 12:40

Sicurezza delle informazioni al Nazionale, giudici stranieri agli Stati

Troppi dubbi sul tavolo della Camera bassa. La maggioranza della commissione preparatoria propone di non entrare in materia

BERNA - La seduta odierna del Consiglio nazionale sarà quasi interamente dedicata all'esame della nuova legge sulla sicurezza delle informazioni. La maggioranza della commissione preparatoria propone di non entrare in materia: troppi sono ancora i dubbi.

In un primo tempo, la Commissione della politica di sicurezza del Nazionale (CPS-N) era entrata in materia sul relativo disegno di legge, ma aveva incaricato il Dipartimento della difesa (DDPS) di fornirle una valutazione più precisa riguardo alle ripercussioni finanziarie e sul personale.

Dopo aver preso atto di questi ragguagli aggiuntivi, la maggioranza della CPS-N è giunta alla conclusione che la legge porterebbe all'istituzione di un apparato di protezione delle informazioni troppo costoso, voluminoso e complesso, capace di sottrarsi al controllo del Parlamento, e va pertanto bocciata.

Una minoranza oggi si batterà per l'entrata in materia poiché ritiene che necessario intervenire per migliorare la sicurezza delle informazioni nell'ambito di competenza della Confederazione. Le attuali disposizioni sono infatti ritenute lacunose.

Nel caso in cui il Nazionale decidesse di non entrare in materia, il progetto ritornerebbe al Consiglio degli Stati, che dal canto suo ha già approvato il disegno di legge senza voti contrari.

Il Consiglio degli Stati (08.15-13.00) si occuperà invece dell'iniziativa "Per l'autodeterminazione" (detta anche "Contro i giudici stranieri"). La maggioranza della commissione preparatoria propone di bocciarla senza opporgli alcun controprogetto.

Depositata il 12 agosto 2016, l'iniziativa proposta dall'UDC chiede che la Costituzione federale prevalga sul diritto internazionale. Prevede inoltre l'obbligo per le autorità di denunciare, se necessario, i trattati internazionali che contraddicono la Costituzione.

Inserire invece nella Costituzione una norma generale che sancisca esplicitamente il suo primato costituirebbe un segnale che metterebbe in pericolo la reputazione di Berna quale partner affidabile nelle relazioni giuridiche fra Stati, sostiene la commissione che ricorda come il diritto internazionale non è "straniero": la Confederazione è infatti tenuta a conformarvisi soltanto se ne ha approvato le normative.

Una minoranza vorrebbe vorrebbe contrapporre all'iniziativa un controprogetto diretto. Un'altra minoranza propone di accettare l'iniziativa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Covid-19 in Svizzera, un decesso e altri 20 casi
Per il terzo giorno consecutivo, si segnala che il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
BASILEA
5 ore
Art Basel salta, per quest'anno
La più importante fiera d'arte al mondo era stata dapprima rimandata a settembre. Invece non si terrà
ARGOVIA
5 ore
Arrestato un "bombarolo" dilettante
In manette un 42enne che ha fabbricato e fatto esplodere un ordigno nella campagna argoviese
SVIZZERA
8 ore
«Ogni anno perdiamo migliaia di soldati»
Non c'è una guerra in corso. Ma un'emorragia di reclute, che preoccupa non poco Berna
LUCERNA
9 ore
Maestro mezzo nudo e con la lingua di fuori invia selfie agli studenti
Polemica in una scuola media per scatti ritenuti inappropriati. Insegnante allontanato.
SVIZZERA
21 ore
Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti
Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.
SVIZZERA
21 ore
A novembre la SSR lancerà una piattaforma streaming
Si chiamerà Play Suisse e ospiterà produzioni svizzere doppiate o sottotitolate in tutte le lingue nazionali
SVIZZERA
22 ore
La Svizzera si tinge di blu
Con gli ulteriori allentamenti previsti per mezzanotte, il Paese entra in una nuova fase della lotta contro il Covid-19.
BERNA
1 gior
Canapa CBD: 33 milioni restituiti ai produttori
Il denaro era stato versato in tasse sul tabacco, riscosse però non legalmente
ZURIGO
1 gior
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile