Tipress
BERNA
05.03.18 - 19:000

Telefonia, nessun aumento delle radiazioni non ionizzanti

Il Consiglio degli Stati, con un solo voto di scarto, ha respinto la mozione della commissione incaricata

BERNA - Con un solo voto di scarto (22 a 21 e 2 astenuti), il Consiglio degli Stati ha detto "no" a un aumento del limite massimo di emissioni di radiazioni non ionizzanti delle antenne della telefonia mobile. Il Consiglio federale era a favore di questa mozione della commissione incaricata, allo scopo di «evitare il collasso delle reti di telefonia mobile e garantire il futuro della digitalizzazione del Paese».

La Commissione auspicava un «innalzamento moderato» di tale limite. «Lo sviluppo della rete di telefonia mobile viene frenato in Svizzera da condizioni molto severe per quel che concerne le radiazioni non ionizzanti», ha sostenuto in aula a nome della commissione Hans Wicki (PLR/NW). Abbassando il limite si eviterebbe la proliferazione delle antenne.

Stando alla commissione, le disposizioni dell'ordinanza sulla protezione delle radiazioni non ionizzanti (ORNI) sono troppo severe e devono essere temperate per evitare che la Svizzera perda competitività e resti indietro rispetto all'Ue.

A suo avviso, tenendo conto che il volume dei dati scambiati raddoppia ogni anno e che i dispositivi connessi a Internet nella Confederazione nel 2020 saranno 70 milioni, è evidente che il settore vada disciplinato.

Per far fronte alla digitalizzazione dell'economia e della società, secondo la CTT-S si impone l'implementazione di impianti conformi alla norma 5G. Un'operazione che richiede però molte nuove antenne, la cui costruzione ha incontrato difficoltà.

Durante il suo intervento, la consigliera federale Doris Leuthard ha detto di condividere l'intento della mozione. Il governo è disposto a elaborare misure sul tema, garantendo allo stesso tempo la protezione precauzionale della salute contro le radiazioni prodotte dalla telefonia mobile.

I contrari alla mozione hanno però replicato esprimendo le loro preoccupazioni per le conseguenze sulla salute. «Non ci sono abbastanza studi sugli effetti a lungo termine delle radiazioni non ionizzanti», ha affermato Brigitte Häberli-Koller (PPD/TG).

«I parlamentari hanno ricevuto oltre un centinaio di lettere da persone sensibili alle radiazioni preoccupate da un possibile aumento del limite massimo, dobbiamo tenere in considerazione le loro richieste», ha aggiunto la turgoviese. Non bisogna prendere decisioni affrettate e non lasciarsi condizionare dalle aziende del settore, ha sostenuto da parte sua la vodese Géraldine Savary (PS/VD).

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 min
La ripresa congiunturale? Solo nel 2021
Gli esperti della SECO pronosticano che il PIL continuerà a crescere anche l'anno prossimo (+1,7%) e quello seguente (+1,2%)
SVIZZERA
44 min
Clorotalonil, scatta il divieto in tutto il Paese
L'UFAG ha revocato l'autorizzazione ai prodotti fitosanitari contenenti il fungicida. L'utilizzo sarà vietato dal prossimo 1° gennaio
BERNA
1 ora
Preventivo, dissimulazione del viso e disoccupati anziani
Riprendono con questi temi i lavori al Consiglio nazionale dopo il rinnovo del Consiglio federale di ieri
SVIZZERA
3 ore
«I genitori devono capire che la violenza non funziona»
Per molti lo schiaffo è ancora considerato come un gesto innocuo. Gli esperti mettono in guardia. Le storie dei lettori
ARGOVIA
13 ore
Freddy Nock condannato a due anni e mezzo di prigione
Il funambolo 55enne è stato riconosciuto colpevole di tentato omicidio intenzionale nei confronti di sua moglie
TURGOVIA
14 ore
Ciclista 15enne investito e ucciso da un'auto
Alla guida dell'automobile c'era una donna di 27 anni
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro, Pfister attacca Cassis: «Mostri più polso»
Il presidente del PPD ne ha pure per il segretario di Stato Roberto Balzaretti: «Ha fatto pubblicità per l'accordo e lo ha presentato come se fosse la miglior possibilità. Va sostituito»
SVIZZERA
18 ore
I Verdi «erano e rimangono pronti»
La candidata Regula Rytz ha reagito con toni battaglieri alla sconfitta di questa mattina, tracciando la via per il prossimo quadriennio: «Servirà un segnale ancora più forte»
FOTO
LUCERNA
21 ore
Beccate tre "auto-igloo"
La visibilità dai vetri dei veicoli era chiaramente insufficiente per circolare: «Prendetevi il vostro tempo. La sicurezza è fondamentale»
STATI UNITI
22 ore
UBS accusata di truffa: a giudizio negli USA
Il Dipartimento di giustizia accusa la maggiore banca svizzera di aver causato agli investitori perdite "catastrofiche" con crediti ipotecari residenziali
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile