Keystone
BERNA
23.02.18 - 16:570

Parlamento diviso sul secondo pilastro

Non vi è unità di vedute per quanto concerne i prelievi di capitale della porzione obbligatoria della previdenza professionale da parte dei pensionati

BERNA - Non vi è unità di vedute in Parlamento per quanto concerne i prelievi di capitale della porzione obbligatoria della previdenza professionale da parte dei pensionati. La Commissione della sicurezza sociale e della sanità (CSSS) del Consiglio nazionale, anch'essa piuttosto divisa, ha optato per una versione di compromesso.

La questione è effettivamente controversa. Il Consiglio federale vorrebbe impedire il prelievo anticipato sotto forma di capitale della parte obbligatoria della previdenza professionale ai pensionati o a chi vuole avviare di un'attività lucrativa indipendente. A suo modo di vedere soprattutto quest'ultimo caso comporta un elevato rischio di perdita del capitale di previdenza, per esempio in caso di fallimento dell'impresa, in seguito al quale queste persone si ritroverebbero a dipendere da prestazioni complementari.

Dal canto suo il Consiglio degli Stati ritiene che i pensionati non dovrebbero più prelevare il capitale della porzione obbligatoria della previdenza professionale, ma solo gli averi di quella sovra obbligatoria. A suo avviso il provvedimento non deve invece toccare chi si appresta a lanciare una propria attività indipendente. Oggi, i Servizi del Parlamento indicano che la CSSS-N si è allineata a questa decisione con 13 voti contro 10.

La Commissione propone inoltre che al momento della pensione le persone possano prelevare come capitale al massimo la metà dell'avere della previdenza professionale risparmiato obbligatoriamente, mentre l'altra metà sarà convertita in una rendita.

Questo compromesso - approvato con 13 voti contro 12 - vuole ridurre il rischio che i beneficiari di rendite ricorrano alle prestazioni complementari già dopo poco tempo. Una minoranza della Commissione chiedeva invece di permettere, come finora, la liquidazione in capitale argomentando che i pensionati sono in grado di gestire il capitale in modo responsabile. Una seconda minoranza, allineata alle posizioni del governo e del Consiglio degli Stati, vorrebbe invece vietare del tutto la liquidazione in capitale nella parte obbligatoria per garantire la previdenza per la vecchiaia.

Con 15 voti contro 9 la CSSS-N ha inoltre sancito il principio che prevede una riduzione del 10% dell'ammontare delle rendite complementari versate alle persone che hanno prelevato il capitale e lo hanno esaurito tutto o in parte prima di ricevere appunto tali prestazioni complementari.

Con 17 voti contro 3, la commissione si è espressa in favore del fatto che i disoccupati più anziani possano lasciare il proprio avere del secondo pilastro nell'istituto di previdenza del vecchio datore di lavoro e percepire successivamente una rendita.

Per prevenire «un'immigrazione indesiderata nel sistema sociale svizzero», la commissione ha deciso con 15 voti contro 8 in favore dell'introduzione di una durata di domicilio minima di dieci anni. Un domicilio nell'UE è computato in questo periodo in virtù dell'accordo sulla libera circolazione delle persone.

La CSSS-N ha stabilito - con 18 voti contro 7 - che chi beneficia di una rendita AI o per superstiti e, senza un valido motivo, utilizza all'anno oltre il 10% del proprio patrimonio, riceverà prestazioni complementari ridotte. Quanto ai beneficiari di una rendita AVS, è computato un consumo del patrimonio negli ultimi dieci anni prima del pensionamento secondo le stesse regole. In caso di patrimoni inferiori a 100'000 franchi, il limite è posto a 10'000 franchi all'anno.

Il dossier sarà affrontato dal Consiglio nazionale nel corso della sessione primaverile che inizia lunedì. Con 11 voti contro 7, la Commissione ha inoltre deciso di presentare una mozione per incaricare il Consiglio federale di affrontare in modo più sistematico gli abusi nell'ambito delle prestazioni complementari. Nel mirino c'è in particolare il patrimonio non dichiarato sotto forma di immobili all'estero.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Lo screening costa troppo e la gente vi rinuncia
Altra vicenda controversa sul tema dei costi della salute. Per l’esame della clamidia qui vengono addebitati 95 franchi, contro i 26 francesi e i 18 austriaci
SVIZZERA
3 ore
Lotto svizzero: un fortunato vince 1 milione di franchi
Il prossimo montepremi ammonterà a 20,3 milioni di franchi
ARGOVIA
7 ore
Bambino di 7 anni investito da un'auto
Urtato in una zona 30 a Suhr, il piccolo ha riportato ferite di media gravità. Al 60enne conducente bosniaco è stata ritirata la patente
ZURIGO
8 ore
Donazione di cellule staminali: la battaglia di Edi e dei suoi genitori
Il bambino, 10 anni, soffre di una forma potenzialmente letale di anemia aplastica. Una donazione potrebbe salvarlo. L'invito, per tutti, è a farsi testare
SVIZZERA
8 ore
Ermotti: una concentrazione del settore bancario europeo è «inevitabile»
Gli istituti si trovano in una posizione di svantaggio competitivo rispetto ai loro concorrenti statunitensi
SVIZZERA
11 ore
AVS, tasso di contribuzione in aumento da gennaio
L'incremento permetterà di registrare annualmente entrate supplementari pari a 2 miliardi di franchi
ZURIGO
12 ore
Esce di strada e si ribalta: feriti una madre e i suoi tre figli
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Humlikon. Le quattro persone coinvolte, una 36enne e tre bimbi dai sette ai due anni, sono stati trasportati in ospedale da un'ambulanza
BASILEA CITTÀ
13 ore
La chiama un falso poliziotto, gli consegna 90'000 franchi
Le hanno detto i suoi soldi non erano al sicuro, troppi furti nel quartiere. Lei ha prelevato e ha depositato la borsa con i contanti sotto la tettoia di un parcheggio per biciclette
SVIZZERA
16 ore
Parmelin accusato di censura: «Piano con i dati sull’inquinamento»
Il consigliere federale avrebbe chiesto all’istituto svizzero sulla scienza e la tecnologia dell’acqua di “contenersi” nella pubblicazione dei dati sull’inquinamento provocato dalle attività agricole
SVIZZERA
16 ore
Cinquanta milioni di franchi di penale per Sunrise
Abbandonato definitivamente il progetto di acquisizione di UPC Svizzera, ma Liberty Global spera ancora di trovare un nuovo accordo per la sua filiale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile