Keystone
BERNA
16.02.18 - 10:410

Parmelin sarà alla Conferenza di Monaco sulla sicurezza

È previsto un colloquio di lavoro con il ministro della difesa francese Florence Parly

BERNA - Il consigliere federale Guy Parmelin, capo del DDPS, parteciperà nuovamente alla Conferenza di Monaco sulla sicurezza che si svolgerà da venerdì 16 febbraio a domenica 18 febbraio. È tra l’altro previsto un colloquio di lavoro con il ministro della difesa francese Florence Parly nonché uno scambio con altri omologhi in occasione di un pranzo di lavoro organizzato da Ursula von der Leyen, ministro della difesa tedesco.

L’annuale Conferenza sulla sicurezza di Monaco è uno dei fori principali in materia di politica di sicurezza a livello mondiale incentrata sulle relazioni transatlantiche. Offre ai rappresentanti di alto livello delle cerchie governative, delle organizzazioni internazionali, dell’economia e della scienza la possibilità di un’analisi e una discussione approfondite sulle sfide attuali in materia di politica di sicurezza.

Il consigliere federale Guy Parmelin vi partecipa per la terza volta. Ai margini della conferenza s’incontrerà con la sua omologa francese Florence Parly per un colloquio approfondito, in cui si discuterà, tra l’altro, dello stato delle trattative in merito al nuovo accordo globale sulla cooperazione in ambito militare, avviato da Parmelin e Parly in occasione del loro incontro a fine ottobre 2017. Il capo del DDPS parteciperà anche a un pranzo organizzato dal ministro della difesa tedesco, Ursula von der Leyen, in cui sono previsti anche colloqui con altri omologhi, in particolare quelli europei.

Il programma della conferenza di quest’anno comprende un’ampia gamma di temi con un’attenzione particolare rivolta all’evoluzione dell’ordinamento internazionale in materia di sicurezza, ai conflitti regionali nonché alle innovazioni tecnologiche. All’ordine del giorno vi saranno, tra l’altro, discussioni sul futuro e sulla capacità d’azione dell’Unione europea e i suoi rapporti con la Russia e gli Stati Uniti. Saranno inoltre oggetto di discussioni la minaccia all’ordinamento liberale internazionale e i numerosi conflitti nel Vicino e Medio Oriente. Costituiranno un tema centrale anche le questioni relative al disarmo, soprattutto il conflitto concernente il programma nucleare nordcoreano.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
BERNA
2 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
2 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
SVIZZERA
18 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
19 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
21 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
21 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
23 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
1 gior
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile