Keystone
Il capo del Dipartimento federale delle finanze Ueli Maurer
SVIZZERA
14.02.18 - 15:000
Aggiornamento 16:30

Finanze: dovevano essere cifre rosse, invece sono nerissime

I conti della Confederazione del 2017 chiudono con un'eccedenza di 2,8 miliardi di franchi, contro un deficit previsto di 250 milioni

BERNA - I conti della Confederazione del 2017 chiudono con un'eccedenza ordinaria di 2,8 miliardi di franchi, contro un deficit previsto di 250 milioni. Il surplus raggiunto sarebbe in realtà però di 4,8 miliardi. Per la prima volta infatti sono stati contabilizzati 2 miliardi di accantonamento per i futuri rimborsi.

Il netto miglioramento del risultato rispetto a quanto preventivato è dovuto principalmente ai ricavi dell'imposta preventiva, risultati maggiori di quanto stimato, afferma oggi il ministro delle finanze Ueli Maurer in una conferenza stampa a Berna.

I ricavi in generale sono superiori del 3,9% a quanto valutato, mentre quelli derivati dall'imposta preventiva hanno registrato una crescita addirittura del 32,4% pari a 2 miliardi di franchi. Da una parte, questa progressione si spiega con entrate più importanti provenienti dai dividendi, dall'altra con il fatto che i rimborsi non sono aumentati nella stessa misura.

Si presume che il livello relativamente basso dei rimborsi sia legato agli interessi negativi, dichiara Maurer. In un contesto simile alle imprese conviene chiedere il rimborso dell'imposta preventiva più tardi del solito.

Le relative istanze non trasmesse saranno però presentate al più tardi tre anni dopo la trattenuta dell'imposta, ovvero non appena gli interessi saranno nuovamente positivi. «Si sta pensando se accorciare questa scadenza», afferma Maurer, anche se bisogna considerare che molti dividendi si trovano all'estero. È quindi per questo che si è proceduto a un accantonamento, che verrà ancora sottoposto per conoscenza alle Commissioni delle finanze, spiega il ministro delle finanze.

«Non si tratta comunque di nessuna manipolazione», assicura il direttore dell'Amministrazione federale delle finanze Serge Gaillard, «ma di accantonamenti prudenti calcolati sulla base delle istanze ricevute dall'Amministrazione federale delle contribuzioni».

Altre maggiori entrate provengono dall'imposta federale diretta (+0,8 miliardi), mentre l'imposta sul valore aggiunto (IVA) è rimasta al di sotto del preventivo (-0,4 miliardi).

Ricavi straordinari grazie a COMCO e Swissair - Alcuni ricavi straordinari sono stati inoltre realizzati per un importo di 177 milioni. La Commissione federale della concorrenza (COMCO) ha incassato multe per 99 milioni, inoltre 78 milioni sono stati incassati nel quadro della liquidazione concordataria di Swissair.

Per quanto riguarda le spese, la differenza rispetto alle previsioni è piuttosto lieve (-0,6%) e chiaramente sotto la media di questi ultimi dieci anni (-2,0%). Gli scarti più importanti sono quelli della previdenza sociale (-333 milioni), del traffico (-155 milioni), così come quelli della formazione e della ricerca (-111 milioni).

Rispetto all'anno precedente invece le uscite della Confederazione sono cresciute di 1,3 miliardi a 68,3 miliardi (+2,0%). Oltre al progressivo aumento dei contributi alle assicurazioni sociali e ai Cantoni nel settore della previdenza sociale, le uscite sono determinate principalmente dal settore Educazione e ricerca e dalle fideiussioni per la navigazione marittima. Le uscite nel settore Trasporti sono per contro calate leggermente.

Per quanto riguarda l'ambito Educazione e ricerca (7,6 miliardi, +5,7% rispetto al 2016), le uscite sono cresciute fortemente soprattutto a seguito della piena partecipazione della Svizzera al programma quadro di ricerca dell'UE "Orizzonte 2020".

Modello contabile ottimizzato - Bisogna inoltre tenere in considerazione che ad inizio 2017 il modello contabile è stato ottimizzato. In particolare, gli aggi vengono ripartiti sulla durata dei prestiti della Confederazione e non sono più contabilizzati esclusivamente nell'anno di emissione. Ne consegue che il debito lordo è aumentato per un importo pari agli aggi non ancora ammortizzati. Il volume del debito di 98,8 milioni registrato a fine 2016 è salito a 104,2 miliardi. Partendo da questo valore, nel 2017 il debito lordo è cresciuto a 105,2 miliardi.

Le tasse di bollo sono cresciute del 20,5% nel 2017 rispetto al consuntivo dell'anno prima. Quanto alla decisione di abolirle, annunciata dal Consiglio federale in dicembre in risposta alla limitazione dell'equivalenza della Borsa svizzera imposta dall'UE, Maurer ha affermato che il governo deciderà verosimilmente nei primi sei mesi di quest'anno.

Eccedenze anche per prossimi anni - Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha anche fissato il piano finanziario 2019-2021, che presenta eccedenze di un po' più di un miliardo sia per il 2019 che per il 2020 e di 1,9 miliardi per il 2021.

Il miglioramento dei risultati strutturali si spiega principalmente con la revisione al rialzo delle stime dei ricavi. In effetti, i ricavi dell'imposta preventiva soprattutto, ma anche quelli dell'imposta federale diretta e dell'imposta sul valore aggiunto dovranno essere più elevati di quelli attesi l'estate scorsa.

Il governo invita però a relativizzare le previsioni, dato che l'evoluzione futura delle entrate dell'imposta preventiva non è prevedibile. Inoltre, attualmente si stanno discutendo riforme e progetti che dal 2021 comporterebbero oneri supplementari di diversi miliardi. In tal caso nel 2021 non vi sarebbe più alcun margine di manovra, ma piuttosto un deficit strutturale nell'ordine di miliardi.

Commenti
 
vulpus 6 gior fa su tio
SE si fanno deficit c'è la critica, se ci sono utili pure. La sinistra è maestra in questo. Se poi la mucca rilascia qualche goccia di latte, ci si accapiglia per chi lo deve bere. La confederazione ha una montagna di debiti, e i cittadini pagano tante (troppe imposte) .È inutile oggi iniziare a voler destinare questi soldi alle solite vie senza benefici.Le generazioni future hanno il diritto di non essere annegate nei debiti.
betha 6 gior fa su tio
@vulpus le generazioni future hanno anche diritto agli studi e alla cultura; millantare deficit inesistenti per poi tagliare e alla fine avere cifre in nero non è una politica lungimirante; ma da chi difende solo i miliardari c'era d'aspettarselo.
Bandito976 6 gior fa su tio
Allora forza! Regalate qualche miliardo all'UE.
roma 6 gior fa su tio
...ma chi li fa i conti su a berna? sono 20 anni che annunciano deficit catastrofici e poi fanno utili miliardari. bon, se non altro adesso i soldi per l'avs ci sono (se non li inviano all'estero).
betha 6 gior fa su tio
@roma li usano per l'esercito e per far passare sgravi fiscali a vantaggio di pochi, il surplus è dovuto anche ai tagli all'avs
GI 6 gior fa su tio
Quindi possiamo aspettarci (finalmente) un certo "sollievo" per quanto riguarda l'IFD ?? Non sarebbe male !! Grazie signor Maurer & Co.
betha 6 gior fa su tio
il solito giochino contabile, tagli alla cultura, formazione, socialità, avs e al personale per poi avere eccedenze miliardarie e giustificare i regali milionari alle industrie della nuova riforma ;
Equalizer 6 gior fa su tio
Sempre detto che paghiamo troppe imposte
Potrebbe interessarti anche
Tags
miliardi
ricavi
imposta
debito
finanze
imposta preventiva
franchi
miliardi franchi
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report