keystone
BERNA
14.02.18 - 10:360

MEM: «Un attacco frontale alla piazza produttiva»

L'industria elvetica delle macchine, elettrotecnica e metallurgica si schiera contro l'iniziativa UDC contro la libera circolazione

BERNA - Occorre combattere con forza l'iniziativa UDC contro la libera circolazione delle persone tra Svizzera e Stati membri dell'UE. Lo chiedono le parti sociali dell'industria elvetica delle macchine, elettrotecnica e metallurgica (MEM). A loro avviso, un'adozione danneggerebbe gravemente il mercato svizzero del lavoro.

Il testo, promosso da UDC e Associazione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI), è «un attacco frontale alla piazza produttiva» del nostro Paese, si legge in una nota congiunta diffusa oggi da Impiegati Svizzera, Unia, Syna, Società svizzera degli impiegati di commercio, Società svizzera dei quadri (ASQ) e Swissmem/ASM.

L'Unione europea (UE) è di gran lunga il principale sbocco del settore MEM, che impiega 320'000 persone in Svizzera. L'80% della produzione viene infatti esportata e il 60% è destinato all'UE. Gli accordi bilaterali garantiscono alle aziende un accesso diretto al mercato interno europeo, sottolineano le parti sociali.

Il danno per l'industria MEM sarebbe enorme, mettono in guardia le organizzazioni del settore. Già oggi, il mercato del lavoro è in difficoltà in vari segmenti della branca e la situazione peggiorerà ulteriormente nei prossimi anni per ragioni demografiche.

Si potrà colmare solo in parte la penuria di manodopera qualificata sfruttando il potenziale locale. Di conseguenza, le aziende dipendono fortemente dall'accesso al mercato del lavoro europeo. Inoltre, viene sottolineato nella nota, le condizioni di lavoro della manodopera in svizzera sono protette dalle misure di accompagnamento.

«Gli accordi bilaterali sono una garanzia di successo per l'economia svizzera», secondo il consigliere nazionale Thomas Webel (PVL/ZH), presidente dell'ASQ, citato nella nota. «La competitività e il nostro benessere sono basati sulla libera circolazione delle persone.» Il 78% delle aziende dell'industria MEM considera gli accordi bilaterali importanti o indispensabili, rileva da parte sua Hans Hess, presidente di Swissmem.

I nostri istituti di ricerca e di formazione hanno anch'essi bisogno di scambi internazionali, rilevano ancora le parti sociali del settore. Per loro, solo la libera circolazione delle persone consente di continuare a proporre eccellenti formazioni di base e continue su suolo svizzero.

Le parti sociali si impegnano a favore del mantenimento degli accordi bilaterali e per buone relazioni a lungo termine con l'UE. Combatteranno pertanto fermamente l'iniziativa dell'UDC.

Tags
svizzera
mem
parti
accordi
circolazione
industria
parti sociali
accordi bilaterali
libera circolazione
mercato
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report