Keystone
SVIZZERA
31.01.18 - 06:070
Aggiornamento : 10:04

Il piano di Cassis per l'Ue aprirà le porte al dumping?

Il consigliere federale presenterà oggi la sua strategia per risolvere le tensioni con Bruxelles

BERNA - Svizzera, Ue, accordi bilaterali e misure collaterali. Un piatto ricco (e forse indigesto?) quello che ha fra le mani Ignazio Cassis che oggi presenterà il suo piano per affrontare la delicatissima “questione europea”.

Cosa dobbiamo aspettarci?

Il tema sarà innanzitutto l’accordo quadro istituzionale con l’Ue. Gli accordi bilaterali dovrebbero essere reimpostati su nuove basi, che regolino per esempio la procedura in caso di contenzioso. Bruxelles insiste per una firma in tempi brevi e ha quindi concesso l’equivalenza della borsa svizzera solo a tempo determinato. Ciò non è piaciuto al Consiglio federale, che come reazione ha messo in discussione il miliardo di coesione.
 
Come procederà Cassis?

Stando a quanto anticipato da TagesAnzeiger e Sonntagszeitung, visto il comune desiderio di procedere speditamente, è quasi sicuro che l'accordo quadro venga inserito all'interno di un pacchetto. La Svizzera, quindi, dovrà probabilmente prepararsi a mettere mano anche alle misure collaterali legate alla libera circolazione delle persone.

Ok, ma cosa sono queste misure?

Le misure collaterali sono state introdotte per evitare il fenomeno del dumping salariale in Svizzera. Obbligano i datori di lavoro stranieri a rispettare il salario minimo e le condizioni di lavoro svizzere. Sono particolarmente importanti –  e politicamente delicati – quando entrano in gioco nel caso di artigiani o indipendenti stranieri che operano in Svizzera che devono dare un preavviso di 8 giorni e versare un deposito cauzionale.

Ma che problemi ha l'Ue con le misure collaterali?

Infastidiscono soprattutto la Germania, che ritiene renda «le aziende tedesche meno interessanti per i consumatori svizzeri», parole del primo ministro del Baden-Württemberg Winfried Kretschmann. Critica anche Bruxelles reputa la regola degli 8 giorni «discriminatoria e sproporzionata» oltre che illegale rispetto agli accordi sulla libera circolazione.

E in Svizzera, che ne pensa la politica?

L'Udc vorrebbe abolire sia le misure d'accompagnamento sia la libera circolazione delle persone. La sinistra e i sindacati, invece, sono per il mantenimento di entrambi: «Perdere le misure sarebbe devastante», commenta Unia.

Ma lo sarebbe davvero?

Da una parte i controlli sarebbero molto più difficili, come conferma Daniel Lampart dell'Unione sindacale svizzera, in un settore già particolarmente torbido. L'effetto del dumping, per altri, non è comprovato. Il motivo? «È comunque una frazione molto piccola del totale», replica Marco Salvi di Avenir Suisse, «anche in Ticino si parla del 1,6% del totale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CITTÀ
1 ora
Basilea istituisce un gruppo d'intervento per salvare la vita notturna
Lo ha deciso il Gran Consiglio. I liberali: «Non servirà a nulla, si chiuderà comunque a mezzanotte».
BERNA
8 ore
Quando le norme anti Covid-19 valgono solo a metà
La denuncia di una mamma: «Era impossibile acquistare il biglietto, il controllore è in cattiva fede».
SVIZZERA
10 ore
«Sicuri di vincere la causa con Swisscom»
Il Ceo di Sunrise è oltremodo positivo per quanto riguarda l'azione di risarcimento danni per oltre 350 milioni.
SVIZZERA
11 ore
Parrucchieri: da sabato saloni riaperti al 100%
Tutti gli spazi saranno sfruttabili. Le misure di sicurezza sono state adattate
BASILEA CITTÀ
12 ore
Gli stranieri possano votare e siano eleggibili: mozione accolta a Basilea
Il Cantone sarebbe il primo ad ammettere dei residenti non svizzeri a cariche elettive.
SVIZZERA
15 ore
«Lesbiche e gay devono potersi sposare»
Il dossier potrebbe slittare a settembre. Ma i gruppi parlamentari (eccetto l'UDC) sono d'accordo sul progetto
SVIZZERA
16 ore
Spazio al coworking in 80 stazioni regionali
Si tratta di una rete che sarà realizzata nei prossimi dieci anni dalle FFS in collaborazione con Village Office
BERNA
16 ore
Neonata nel sacco dei rifiuti, madre accusata d'infanticidio
Conclusa l'inchiesta per la vicenda che risale al gennaio del 2019
ARGOVIA
16 ore
Bimba di 22 mesi investita e uccisa da un treno
Il dramma si è consumato alla stazione di Würenlos. Inutile il pronto intervento dei soccorsi
ZURIGO
16 ore
Personale ospedaliero sempre più "disturbato" a causa del Covid
Si moltiplicano i casi di disturbi mentali come conseguenza della pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile