Tipress
BERNA
03.11.17 - 14:340

Ritardi per la legge sugli istituti finanziari

L'oggetto sarà trattato dal Consiglio degli Stati soltanto nella sessione primaverile 2018

BERNA - La nuova legislazione per regolamentare banche e altri fornitori di servizi finanziari accumula ritardi: a causa dell'elevato numero di divergenze, l'oggetto sarà trattato dal Consiglio degli Stati soltanto nella sessione primaverile 2018. Lo indicano oggi i Servizi del Parlamento in una nota.

La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) ha proseguito l'esame delle numerose divergenze nella legge sui servizi finanziari e nella legge sugli istituti finanziari. Si tratta di una revisione che mira a proteggere maggiormente i clienti privati di banche e di gestori patrimoniali dagli investimenti a rischio, nonché ad aumentare la sorveglianza degli intermediari finanziari.

Sull'onda della crisi finanziaria del 2008 e in risposta ad una nuova direttiva europea, il Consiglio federale aveva fissato nuovi obblighi per gli operatori. Il Consiglio degli Stati, lo scorso dicembre, aveva edulcorato i due progetti di legge e nella recente sessione autunnale anche il Consiglio nazionale ha votato un ulteriore allentamento delle proposte fatte dal governo.

Tra le due camere vi sono tuttavia un gran numero di divergenze. La Commissione indica oggi di voler «perlopiù seguire le decisioni del Consiglio nazionale». Un'eccezione è quella all'obbligo di pubblicare un prospetto se l'offerta pubblica non supera un valore complessivo di 8 milioni di franchi - e non solo un valore complessivo di 2,5 milioni di franchi - su un periodo di 12 mesi.

La CET propone anche di alleggerire la responsabilità in caso di indicazioni inesatte o fuorvianti: a suo modo di vedere la responsabilità deve venire meno se si è agito con la necessaria diligenza; non si fa quindi più riferimento alla colpa.

I contenziosi tra fornitori di servizi finanziari e clienti devono, se possibile, essere regolati per mezzo di un organo di mediazione e questa procedura deve continuare ad essere gratuita per il cliente. Il Nazionale dal canto suo chiedeva che fosse «a prezzo conveniente» per il cliente.

Per quanto riguarda la multa da infliggere a banchieri e gestori patrimoniali che non hanno informato in maniera comprensibile e chiara i rispettivi clienti privati sui rischi di determinati investimenti, la Commissione insiste sui 100'000 franchi proposti dagli Stati, mentre il Nazionale ha deciso di abbassarla a 50'000.

La Commissione propone infine di mantenere la decisione del Consiglio degli Stati anche riguardo al capitale minimo e alle garanzie: i gestori patrimoniali non devono essere obbligati a stipulare un'assicurazione di responsabilità civile professionale. La legge deve dare loro la possibilità di scegliere tra questa opzione e quella di «disporre di garanzie appropriate».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
GIURA
23 min
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
FOTO
GRIGIONI
2 ore
Il masso sulla Tesla interrompe la vacanza
Brutta disavventura per una coppia diretta in Engadina
GINEVRA
2 ore
Gli infermieri chiedono una negoziazione degli orari
Al centro delle loro rivendicazioni vi è una modifica del piano orario che impone una pausa di un'ora a metà giornata
LUCERNA
3 ore
Le opere del lockdown raccolgono 36'300 franchi
Il ricavato degli "schizzi" di solidarietà finirà a una Fondazione che sostiene gli artisti figurativi
SVIZZERA
7 ore
A Zurigo si manifesta contro «la bugia del coronavirus»
Sono circa 500 le persone che si sono riunite per protestare contro il Covid-19 e le misure che ne sono conseguite
SVIZZERA
9 ore
Un secondo lockdown? «Uno scenario terrificante»
Succede in Israele, e nel Regno Unito, cosa deve fare la Svizzera per evitare un secondo confinamento?
SVIZZERA
9 ore
In fiamme sul passo del Julier
Il conducente si è fermato quando ha notato del fumo uscire dal motore dell'auto
SVIZZERA
10 ore
Non ci sarà più uno svizzero a capo dell'OSCE
L'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa non sarà più guidata da Thomas Greminger
GRIGIONI
11 ore
Ladro ruba la colletta del funerale di un bimbo di 5 anni
L’appello dei genitori: «Se hai un cuore riporta quei soldi, servivano per curare i bambini malati»
SVIZZERA
12 ore
In gita sul Titlis, precipitano in un crepaccio: un morto
Coinvolti tre alpinisti di età compresa tra i 35 e i 37 anni
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile