Keystone
BERNA
03.11.17 - 11:400

Scambio di informazioni anche con la Nuova Zelanda

Per la Commissione dell'economia e dei tributi il rinvio dell'accordo sul fisco chiesto dal Consiglio nazionale è da respingere. "No" anche all'amnistia fiscale generale

BERNA - Lo standard dello scambio automatico di informazioni in materia fiscale è da estendere a tutti i 41 Paesi proposti dal Consiglio federale. È l'opinione della Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S), secondo cui il rinvio chiesto dal Consiglio nazionale per l'accordo con la Nuova Zelanda è da respingere.

Dopo che il Parlamento aveva approvato lo scambio automatico con 38 Stati, il Consiglio federale aveva proposto di estendere questo standard ad altri 41, tra cui figura la nuova Zelanda. Durante la sessione autunnale, il Consiglio nazionale non era entrato in materia su questa intesa e - soprattutto per l'opposizione della destra - aveva rinviato al Governo l'accordo con la Nuova Zelanda: la Camera del popolo, pur non essendo di per sé contraria allo scambio automatico, chiedeva al Consiglio federale di negoziare col governo di Wellington una convenzione di sicurezza sociale per proteggere i pensionati svizzeri che vivono in questo Paese.

La questione deriva dal fatto che la Nuova Zelanda accorda una rendita ai pensionati che hanno vissuto sul suo territorio per lo meno dieci anni, dalla quale viene dedotta un'eventuale rendita percepita all'estero. Per evitare di venir penalizzati, alcuni pensionati elvetici preferiscono non dichiarare alle autorità di Wellington quanto percepito dalla Svizzera e tengono questi fondi su conti nella Confederazione.

Per la CET-S ciò non giustifica la decisione di non autorizzare lo scambio automatico dei dati bancari: con 9 voti contro 1 e un'astensione, propone quindi di respingere il rinvio. La Nuova Zelanda - rileva la Commissione - rispetterà al pari della Svizzera "il principio di specialità" , si legge in una nota odierna dei Servizi del Parlamento. I dati potranno quindi essere forniti soltanto a fini fiscali e non per motivi legati alla sicurezza sociale. Il Consiglio federale ha garantito alla CET-S che farà pervenire un foglio informativo ai cittadini svizzeri interessati sulle possibilità di regolarizzazione offerte dalla Nuova Zelanda.

La lista degli Stati con cui Berna intende scambiare automaticamente informazioni fiscali comprende Paesi come la Cina, la Russia, l'India, il Brasile, l'Indonesia, il Messico, la Colombia, l'Argentina, gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita, non certo ai primi posti per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani oppure conosciuti per l'alto grado di corruzione. Da qui la forte opposizione dell'UDC durante i dibattiti alla Camera del popolo. Gli Stati, dal canto loro, affronteranno questo dossier durante la prossima sessione invernale.

La Commissione, esprimendo preoccupazione per il possibile perseguimento di alcune persone a causa dell'introduzione dello scambio automatico di informazioni con alcuni Paesi, ha anche depositato una mozione che incarica il governo di sottoporre al Parlamento una correzione della Legge sullo scambio automatico. La modifica dell'articolo 19 dovrebbe rafforzare la protezione giuridica individuale, facendo in modo che nessuno scambio di informazioni possa avvenire se c'è il rischio di incappare in una violazione dei beni giuridici essenziali.

Contrari all'amnistia fiscale - La Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati (CET-S) è contraria ad accordare una amnistia fiscale generale a livello nazionale. Ha quindi bocciato, con 11 voti contro 1, un'iniziativa cantonale in questo senso depositata presso l'Assemblea federale dal Consiglio di Stato del canton Friburgo.

Lo hanno comunicato oggi Servizi del Parlamento. Secondo la CET-S, considerata la possibilità già esistente e ampiamente utilizzata dell'autodenuncia esente da pena per gli evasori fiscali, non vi è «alcun motivo per accordare un'ulteriore amnistia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
2 ore
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
BERNA
4 ore
Le spara «per passione», arrestato
Una donna di Thun ferita da un colpo di pistola. È in gravi condizioni. In manette un uomo
SVIZZERA
4 ore
Le piazze svizzere contro il 5G
Manifestazioni oggi a Berna, Ginevra e Zurigo. I dimostranti «preoccupati per la salute»
DAVOS
4 ore
Tagliata fuori dalla foto con Greta
L'attivista ugandese Vanessa Nakate polemizza con l'agenzia AP: «Discriminata perché di colore»
VAUD
9 ore
Il predatore sordo che la giustizia non ha saputo fermare
Per almeno un decennio un giovane ha abusato sessualmente di diverse ragazze con il suo stesso handicap. E questo nonostante le condanne
FOTO
ARGOVIA
11 ore
Il piede incastrato tra gas e freno, poi lo schianto
Il tamponamento, avvenuto ieri sera ad Aarburg, ha provocato il ferimento di sei persone
NIDVALDO
12 ore
Camionista ubriaco fermato sull'A2
L'uomo, diretto verso sud, è stato intercettato ieri sera a Beckenried. La polizia nidvaldese gli ha ritirato la patente
ARGOVIA
12 ore
Minaccia un tassista con il coltello: arrestato un 26enne ad Aarau
Fuggito a mani vuote, l'aggressore è stato in seguito fermato dalla polizia
SVIZZERA
13 ore
Gli 007 elvetici «non sorvegliano i politici»
Il direttore del SIC difende l'operato dei servizi segreti svizzeri e smonta la polemica. Anche se i dubbi su certe attività rimangono
SVIZZERA
15 ore
Traffico nei cieli per il WEF, nonostante il clima
Durante il Forum sono stati rilevati mille movimenti aerei in più. Numero stabile rispetto allo scorso anno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile