BERNA
13.09.17 - 10:310

Reti elettriche, ripercuotere costi su economie domestiche

Lo ha ribadito, con 28 voti contro 12 e 4 astenuti, il Consiglio degli Stati nell'ambito del progetto sulla trasformazione e l'ampliamento delle reti elettriche

 

BERNA - Le imprese elettriche devono di nuovo poter ripercuotere integralmente i costi della loro produzione sulle economie domestiche. Lo ha ribadito, con 28 voti contro 12 e 4 astenuti, il Consiglio degli Stati nell'ambito del progetto sulla trasformazione e l'ampliamento delle reti elettriche.

I "senatori" hanno così mantenuto la loro decisione di abolire il cosiddetto "metodo del prezzo medio". Esso prevede che l'utile che il gestore della rete trae dall'accesso al mercato (acquistando per esempio elettricità a basso costo alla borsa dell'energia) venga ridistribuito ai consumatori finali.

«Questo metodo è troppo vincolante per i distributori di elettricità. Occorre concedere loro maggiore libertà affinché possano vendere l'energia a basso prezzo ai loro grossi clienti, per conservarli», ha sottolineato Robert Cramer (Verdi/GE).

Con l'abolizione del «metodo del prezzo medio» le economie domestiche dovranno sopportare tutti i costi della produzione. Il Tribunale federale aveva vietato questa pratica, ha sottolineato invano la consigliera federale Doris Leuthard.

«Per sostenere talune imprese che hanno perso il processo e sono arrabbiate, decidete senza alcuna consultazione di fare un cambiamento che avrà conseguenze tangibili sulle economie domestiche e le PMI. È difficile da capire», ha deplorato la ministra dell'energia.

La proposta accolta oggi dagli Stati era stata bocciata dal Nazionale che aveva elaborato una sua soluzione per sostenere l'energia idroelettrica. L'idea era di fornire ai consumatori unicamente elettricità che proviene da centrali svizzere, le quali producono corrente da fonti rinnovabili non sovvenzionate. In altre parole, il settore idroelettrico. Questa proposta era poi stata rinviata in commissione per studiarne le conseguenze.

La Camera dei cantoni giustifica la decisione odierna con la volontà di rafforzare la posizione dei gestori delle reti di distribuzione che producono autonomamente elettricità, a partire da energia idroelettrica in particolare.

Il progetto ritorna quindi al Consiglio nazionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
2 ore
Sangallese a Minsk scrive all'amica: «Sono stata arrestata!»
La donna è riuscita anche ad inviare un video in cui si sentono i lamenti delle altre prigioniere
SVIZZERA / ITALIA
6 ore
Liguria contro la quarantena svizzera, ma Berna non molla
La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio
SVIZZERA / BIELORUSSIA
6 ore
Anche una svizzera tra le donne arrestate a Minsk
Sarebbe tra le 300 donne fermate durante l'azione di protesta contro Lukashenko sabato scorso
GRIGIONI
7 ore
Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato
La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.
FOTO
SVIZZERA
8 ore
Record di neve in Vallese, diversi incidenti nei Grigioni
A Montana sono stati misurati 25 centimetri di manto fresco, a Davos quasi 30
FRIBURGO
18 ore
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
20 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
22 ore
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
SVIZZERA
23 ore
Il presidente del PS si mette in quarantena
Christian Levrat ha precauzionalmente annullato tutti i suoi impegni in attesa del risultato del test.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile