keystone
BERNA
18.08.17 - 16:390

Emissioni CO2, niente trasferimento del saldo

BERNA - La Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia degli Stati (CAPTE-S), con 7 voti contro 6, propone di respingere una mozione presentata dal consigliere nazionale Fabio Regazzi (PPD/TI), che chiedeva di trasferire il saldo di riduzione delle emissioni di CO2 al periodo di rendiconto successivo.

A suo avviso con questa proposta era "possibile scoraggiare gli importatori di automobili dal correggere il risultato a fine periodo, importando veicoli con emissioni di CO2 particolarmente elevate, e motivarli a raggiungere risultati sempre migliori".

La maggioranza della commissione dubita però che questa misura possa contribuire alla riduzione delle emissioni. Inoltre, la CAPTE-S ritiene che la Svizzera dovrebbe evitare di adottare soluzioni diverse da quelle praticate in seno all'UE.

Niente supercrediti - Con la stessa ripartizione dei voti, la maggioranza della commissione ha pure respinto una seconda mozione di Regazzi che chiede di reintrodurre i cosiddetti supercrediti, una regolamentazione transitoria applicata dal 2012 al 2015.

Secondo il consigliere nazionale ticinese, in tal modo gli importatori continuerebbero ad essere interessati a importare un numero quanto più alto possibile di veicoli a basse emissioni di CO2, rafforzando così il grado di efficienza delle prescrizioni sulle emissioni in vigore.

La commissione, d'accordo con il Consiglio federale, ricorda che l'allestimento degli incentivi sarà concretizzato nell'ordinanza sul CO2. L'UE ha già definito i supercrediti da applicare nel periodo 2020 a 2022 alle nuove automobili. La richiesta dell'autore della mozione è pertanto giustificata, ma i tempi non sono ancora maturi per definire i relativi dettagli.

Una minoranza della CAPTE-S propone invece di accogliere entrambe le mozioni sostenendo che le misure proposte permetterebbero di ridurre le emissioni di CO2 delle automobili.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
19 min
Sparatoria nel sottopassaggio, una persona in ospedale
Non è chiaro se l'uomo armato sia ancora a piede libero o se sia già stato assicurato alla giustizia
GINEVRA
2 ore
Quelle munizioni in fondo al Lemano che preoccupano
Si parla di centinaia di tonnellate, depositate dalla società Hispano-Suiza negli anni '50 e '60
SVIZZERA
2 ore
Bocciata l'estradizione, ma resterà in cella a Sion
L'uomo, cittadino cinese, è stato arrestato in Svizzera a giugno. È nel mirino del Dipartimento di giustizia americano
SVIZZERA
3 ore
Medicinali, una "fattura" record da 7,8 miliardi nel 2018
Nuovo primato per i medicamenti a carico dell'assicurazione di base. L'aumento dal 2010 è stato pari al 46%
SVIZZERA
4 ore
Morte da amianto, la giustizia dovrà riesaminare il caso
Il Tribunale federale ha parzialmente accolto il ricorso della famiglia di un ferroviere, deceduto nel 2004
BERNA
4 ore
Thule richiama alcuni tendalini da camper
Il rischio? Infortunio o lesioni
SVIZZERA
4 ore
I passeggeri svizzeri non sentono l'effetto Greta
Swiss non ha notato cambiamenti, ma riconosce di percepire alcune «preoccupazioni» da parte della clientela
SVIZZERA
4 ore
«Se Cassis dovesse perdere il seggio non mi aspetto una rivolta in Ticino»
La presidente dei Verdi ha annunciato la propria candidatura per il Consiglio federale. Ecco cosa ne pensa il politologo Nenad Stojanovic
SVIZZERA
7 ore
Uccise il fidanzato "Godzilla", condanna confermata
Inizialmente la donna, che invocava la legittima difesa, era stata assolta. Ma aveva sparato due colpi anche quando lui era a terra inerme
ZURIGO
7 ore
Alle porte il Black Friday, fra successo e qualche critica
In controtendenza è stato ideato il Fair Friday, un modo di fare acquisti più ragionato
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile