BERNA
30.06.17 - 10:250

Il Governo cantonale contrario a un secondo centro per richiedenti l’asilo a Lyss

BERNA - Il governo bernese non vuole un secondo centro federale per richiedenti asilo a Lyss. In una presa di posizione odierna, l'esecutivo cantonale si dice sorpreso che la Confederazione abbia previsto due strutture di accoglienza nello stesso agglomerato.

Dal punto di vista del canton Berna, ciò sarebbe contrario agli obiettivi volti a ripartire in modo equo le infrastrutture in materia di asilo, si legge in una nota. Stando alla Confederazione, il secondo centro federale per asilanti avrebbe dovuto sorgere sul sito della piazza d'armi e della caserma di Lyss.

Per il governo bernese, tale sito costituisce un'ubicazione ideale per un complesso residenziale. Nel piano regionale dei trasporti e dell'urbanizzazione, l'associazione seeeland.biel/bienne ha designato il sito quale settore prioritario per l'estensione degli insediamenti abitativi che presentano un potenziale di densificazione.

Secondo l'esecutivo cantonale, la Confederazione non ha sufficientemente preso in considerazione tali aspetti. Il governo bernese chiede quindi che venga riesaminata la variante che implicava un solo grande centro federale per richiedenti asilo a Kappelen.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 3 anni fa su tio
Fatene uno a casa della Sommaruga poi ne riparliamo!
Monello 3 anni fa su tio
....certo certo frontiere aperte ..buonismo non stop...facciamoli entrare tutti poverini ....poi alla fine li rimandano in Ticino !
Danny50 3 anni fa su tio
Fatelo a Lugano, sul lungolago
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
3 ore
«Fate molta attenzione agli alberi»
È l'allarme lanciato dalla polizia sangallese
BERNA
3 ore
Da mezzanotte la Svizzera con misure più severe
Come noto i provvedimenti precedenti, come la chiusura dei ristoranti, sono stati prolungati di cinque settimane.
SVIZZERA
3 ore
Ridurre le emissioni? Paga anche economicamente
I maggiori risparmi sono attuabili nel settore dei trasporti e del riscaldamento degli edifici.
SVIZZERA
4 ore
Il tasso di riproduzione è sceso allo 0,83
In Ticino la situazione è ancora migliore rispetto alla media svizzera: il 2 gennaio era dello 0,71.
SVIZZERA
5 ore
«I ragazzi a scuola sono più al sicuro che altrove»
Lo sostiene Stefan Wolter, da qualche settimana membro della task force della Confederazione.
BERNA
7 ore
Vaccino: «La Svizzera ha agito bene, le critiche sono inopportune»
Il responsabile di Moderna loda il lavoro del governo federale: «Ha puntato sui cavalli giusti»
GRIGIONI
7 ore
Due sciatori travolti da una valanga, uno di loro non ce l'ha fatta
L'uomo stava praticando fuoripista su un pendio del monte Casanna, sopra a Klosters.
SVIZZERA
8 ore
Un imprenditore fa causa a Berna: chiede otto milioni di franchi
Urs Ledermann sostiene che la sua impresa di pulizia sia stata rovinata a seguito delle restrizioni anti-covid.
ZURIGO
9 ore
Alcuni operatori della sanità vogliono un'associazione anti-vaccino
Gli interessati si sono organizzati tramite il servizio di messaggistica Telegram.
SVIZZERA
9 ore
Coronavirus e scuole: altro cambiamento di strategia?
L'UFSP sta studiando possibili provvedimenti. Finora era stata lasciata carta bianca ai cantoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile