BERNA
12.04.17 - 11:030

Il Governo vuole una banca dati nazionale degli indirizzi

Attualmente, in mancanza di un registro nazionale, si verificano problemi amministrativi

BERNA -  Il Consiglio federale vuole istituire un registro nazionale degli indirizzi del domicilio di ogni abitante della Svizzera. Attualmente, in mancanza di una tale banca dati centralizzata a disposizione di tutte le amministrazioni pubbliche, si verificano problemi amministrativi, spiega una nota pubblicata oggi dal governo. Il progetto, assicura l'esecutivo, fornirà massime garanzie in termini di protezione dei dati e sicurezza dell'informazione.

Se sul piano comunale e cantonale sono in massima parte già disponibili, i dati corrispondenti mancano invece sul piano intercantonale e nazionale. Questa lacuna provoca problemi e difficoltà per molti processi amministrativi: il Consiglio federale cita ad esempio la riscossione della tassa d'esenzione dal servizio militare e dei premi di cassa malattia e lo svolgimento delle procedure d'esecuzione nel caso in cui il debitore traslochi in un altro cantone.

Un registro nazionale degli indirizzi affidabile permetterebbe di evitare queste difficoltà e di semplificare considerevolmente i processi amministrativi, sostiene il Consiglio federale, che ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare un progetto preliminare da inviare in consultazione entro la fine di agosto del 2018.

Un gruppo di lavoro del DFGP si è già occupato della questione dopo un primo rapporto adottato dal governo nel novembre del 2014. Allo stato attuale, gli esperti prediligono l'idea di utilizzare gli indirizzi di cui si avvale già l'Ufficio federale di statistica (UST) per realizzare il censimento basato sui registri (pratica in uso dopo la fine del capillare censimento federale). Questa soluzione potrebbe essere messa in atto rapidamente e a prezzi contenuti e avrebbe il vantaggio di poter contare sulle procedure "ben collaudate" già oggi in atto tra UST da un lato e Cantoni e Comuni dall'altro.

La soluzione scelta terrà conto dei requisiti in materia di protezione dei dati e sicurezza dell'informazione, sottolinea l'esecutivo. Nel registro centrale non saranno archiviate informazioni sensibili e i dati dovranno essere utilizzati soltanto a fini amministrativi. Le autorità potranno farvi capo unicamente nell'adempimento dei compiti conferiti dalla legge. Anche il termine di conservazione sarà limitato. Inoltre, conformemente al diritto già in vigore, ogni persona potrà chiedere informazioni sui dati che la riguardano.

Analizzando la questione in un rapporto, nell'autunno del 2014 il Consiglio federale aveva rinunciato allo scambio automatico di indirizzi tra la Posta e gli uffici controllo abitanti. Il governo aveva riconosciuto che il gigante giallo avrebbe potuto approfittare dello scambio fornendo servizi ancora più efficienti, ma un tale sistema avrebbe implicato l'utilizzo del numero AVS quale identificativo univoco, con il rischio di abusi.

Aveva allora ipotizzato quattro soluzioni alternative: appoggiarsi su piattaforme cantonali esistenti, far capo a piattaforme della Confederazione, ampliare il registro UPI (per Unique Person Identification) dell'Ufficio centrale di compensazione o istituire una banca dati centrale. Quest'ultima è la variante ritenuta oggi più valida dal governo.

TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
1 ora
«A Davos gli scienziati e i giovani leader possono lasciare il segno»
La presidente della commissione europea Ursula von der Leyen ha inaugurato oggi il 50esimo Forum economico mondiale nella località grigionese
FRIBURGO
1 ora
Rapina alla banca di Attalens, gli autori confessano
I due, 10 giorni fa, avevano minacciato i dipendenti dell'istituto e un cliente con una pistola, prima di fuggire con diverse decine di migliaia di franchi
SAN GALLO
2 ore
«Sono stata trattata come una ladra»
Alla cassa automatica una studentessa voleva pagare separatamente alcuni articoli. Ma è finita in un controllo a campione ed è stata accusata di tentato furto
SVIZZERA / CANTONE
4 ore
Il guasto di Swisscom dovuto a «materiale difettoso»
La principale società di telecomunicazioni ha reso noto i motivi della panne che venerdì mattina ha paralizzato le proprie reti di telefonia fissa in quasi tutto il Paese (Ticino compreso)
SVIZZERA
4 ore
La notte più fredda si ferma a -24 gradi
La temperatura è stata registrata a Samedan. A Stabio il termometro è sceso di cinque gradi sotto allo zero
VAUD
6 ore
Quella tragica carambola che ha ucciso un uomo
L'incidente, avvenuto sabato a Bussigny, ha provocato anche quattro feriti gravi. Tre i veicoli coinvolti. La polizia cerca testimoni per comprendere la dinamica
FOTO
SAN GALLO
6 ore
«Ho pensato fosse uno scherzo, poi ho visto il sangue»
Durante le riprese di un film in un bar di Rapperswil-Jona, si è sfiorato il dramma. I membri della troupe raccontano quei momenti di terrore
VALLESE
7 ore
Operaio della Lonza ucciso da una fuga di gas
La tragedia è avvenuta questo fine settimana nello stabilimento di Visp. La vittima lavorava da 28 anni per l'azienda
SVIZZERA
8 ore
4'500 soldati per il WEF, così proteggeremo Donald Trump
Il loro compito sarà di tenere praticamente blindato l’intero centro di Davos e tutte le zone limitrofe
ZUGO
10 ore
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile