BERNA
22.02.17 - 12:250

No alla normativa per maggiore trasparenza in materia di lobbismo

BERNA - Non è necessaria una maggiore trasparenza per i lobbisti che frequentano Palazzo federale. Ne è convinta la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati, che seppur di misura - con 6 voti a 5 e 1 astenuto - propone di non entrare in materia su un progetto di legge elaborato sulla base di un'iniziativa parlamentare in tal senso del "senatore" Didier Berberat (PS/NE).

Con il suo atto parlamentare, che era stato approvato (20 voti a 17) nel marzo del 2016 dalla Camera dei Cantoni, Berberat chiedeva l'accreditamento obbligatorio per i lobbisti e l'adozione di un eventuale limite alla loro presenza sotto il "Cupolone", prendendo spunto da quanto avviene già per i giornalisti che seguono da vicino l'attività parlamentare.

Attualmente, i deputati hanno la possibilità di far accreditare due persone esterne, siano essi collaboratori personali oppure rappresentanti di gruppi di interesse. Questa regolamentazione è però stata più volte criticata, come in occasione del caso di lobbismo che aveva visto coinvolta l'ex presidente del Consiglio nazionale Christa Markwalder (PLR/BE) e un partito filogovernativo kazako.

L'anno scorso, la stessa commissione delle istituzioni politiche si era espressa a favore dell'iniziativa parlamentare. Oggi però, con il voto determinante del suo presidente Peter Föhn (UDC/SZ), ha deciso di non entrare nel merito della nuova normativa. I "senatori" potrebbero tuttavia non seguire la raccomandazione della propria commissione preparatoria.

Con il progetto si intende istituire un registro degli accreditamenti in cui i lobbisti sono tenuti a indicare il nome del loro datore di lavoro e i loro mandati. Inoltre un numero limitato di lobbisti riceverebbe l'autorizzazione ad accedere a Palazzo federale per la durata della sessione.

In commissione hanno prevalso gli argomenti secondo cui un simile sistema risulta troppo complicato e non apporta alcun valore aggiunto, si legge in una nota odierna dei Servizi del parlamento. Secondo la maggioranza commissionale, spetta ai parlamentari assumersi la responsabilità delle persone a cui intendono dare accesso al "Cupolone".

TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
39 min

Tragedia durante la tradizionale salita sui monti: muore un alunno

Il ragazzino è caduto lungo un dirupo di 200 metri, schiantandosi sulle rocce. Aveva solo 14 anni. Sotto shock compagni e docenti

SVIZZERA
44 min

Huawei investe in Svizzera: vuole assumere 1000 ricercatori

Di interesse i settori della fisica, dell'informatica, delle nanotecnologie, della scienza dei materiali e di altre scienze naturali

SVIZZERA
1 ora

Insultato in treno un giovane di colore

Sul tratto ferroviario Sursee-Ebikon, un giovane di colore è stato vittima di pesanti insulti razzisti. Ad accanirsi contro il ragazzo, un passeggero anziano

VIDEO
GIORNATA DELLA BUONA AZIONE
2 ore

Oggi hai già raccolto punti Karma?

È facile aiutare gli altri: Sämi l’ha provato di persona per le strade di Zurigo, addolcendo la giornata di alcune persone. Fatti ispirare!

SVIZZERA
3 ore

«Chi non ha previsto nulla di importante scenda dal treno»

I passeggeri di un Intercity che nell'ora di punta collega Bienne a Zurigo sono stati pregati di scendere. Le FFS si scusano ma motivano l'annuncio con ragioni di sicurezza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report