BERNA
22.02.17 - 12:250

No alla normativa per maggiore trasparenza in materia di lobbismo

BERNA - Non è necessaria una maggiore trasparenza per i lobbisti che frequentano Palazzo federale. Ne è convinta la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati, che seppur di misura - con 6 voti a 5 e 1 astenuto - propone di non entrare in materia su un progetto di legge elaborato sulla base di un'iniziativa parlamentare in tal senso del "senatore" Didier Berberat (PS/NE).

Con il suo atto parlamentare, che era stato approvato (20 voti a 17) nel marzo del 2016 dalla Camera dei Cantoni, Berberat chiedeva l'accreditamento obbligatorio per i lobbisti e l'adozione di un eventuale limite alla loro presenza sotto il "Cupolone", prendendo spunto da quanto avviene già per i giornalisti che seguono da vicino l'attività parlamentare.

Attualmente, i deputati hanno la possibilità di far accreditare due persone esterne, siano essi collaboratori personali oppure rappresentanti di gruppi di interesse. Questa regolamentazione è però stata più volte criticata, come in occasione del caso di lobbismo che aveva visto coinvolta l'ex presidente del Consiglio nazionale Christa Markwalder (PLR/BE) e un partito filogovernativo kazako.

L'anno scorso, la stessa commissione delle istituzioni politiche si era espressa a favore dell'iniziativa parlamentare. Oggi però, con il voto determinante del suo presidente Peter Föhn (UDC/SZ), ha deciso di non entrare nel merito della nuova normativa. I "senatori" potrebbero tuttavia non seguire la raccomandazione della propria commissione preparatoria.

Con il progetto si intende istituire un registro degli accreditamenti in cui i lobbisti sono tenuti a indicare il nome del loro datore di lavoro e i loro mandati. Inoltre un numero limitato di lobbisti riceverebbe l'autorizzazione ad accedere a Palazzo federale per la durata della sessione.

In commissione hanno prevalso gli argomenti secondo cui un simile sistema risulta troppo complicato e non apporta alcun valore aggiunto, si legge in una nota odierna dei Servizi del parlamento. Secondo la maggioranza commissionale, spetta ai parlamentari assumersi la responsabilità delle persone a cui intendono dare accesso al "Cupolone".

TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore

I bus a lunga percorrenza vogliono conquistare la notte

Stentano a decollare i collegamenti nazionali introdotti nel giugno del 2018

FOTO E VIDEO
ZUGO
10 ore

Il re della lotta è Christian Stucki

Il 34enne bernese ha superato in finale il "padrone di casa" Joel Wicki. La tre giorni di Festa federale è stato un successo, anche di pubblico: oltre 420'000 gli appassionati presenti

VALLESE
15 ore

Incidente aereo sul Sempione, tre morti

Il Piper era decollato da un aeroporto vodese e avrebbe dovuto atterrare in Italia. Tra le vittime pure un neonato

SVIZZERA
15 ore

Quando i treni bruciano il rosso

Nel 2018 sono stati ignorati 363 segnali ferroviari: si tratta di un record

ZURIGO
15 ore

14enne ruba un'auto e se ne serve in piena notte

Con l'adolescente viaggiavano due 15enni. Inutile il tentativo di fuggire a un controllo di polizia

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile