BERNA
16.01.17 - 11:310

Riforma imprese, gli imprenditori: «Il no avrebbe gravi conseguenze»

BERNA - Un vero scenario di catastrofe minaccia la Svizzera se il popolo dovesse dire "no" il 12 febbraio alla Riforma III dell'imposizione delle imprese, avvertono Economiesuisse e Usam: non solo sarebbero soppressi quasi 200'000 impieghi e verrebbero a mancare a breve termine miliardi di franchi di introiti per Confederazione, Cantoni e Comuni, ma bisogna anche contare oltre 5 miliardi di perdite per le assicurazioni sociali, «cosa che finora si ignorava ampiamente».

A rendere attento l'ignaro cittadino è un «nuovo studio» dell'istituto di ricerca congiunturale Bakbasel, presentato oggi a Berna in una conferenza stampa dalla Federazione delle imprese svizzere (Economiesuisse) e dall'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam).

La conclusione dello studio, scrivono le due associazioni padronali in una nota, è che un "no" alla riforma «avrebbe conseguenze nettamente più gravi di quanto si immaginasse finora».

Posta in gioco «enorme» - Secondo Bakbasel, la posta in gioco di questa votazione è «enorme». A suo avviso l'attuazione della terza riforma dell'imposizione delle imprese (Ri imprese III) garantisce a lungo termine una creazione di valore di circa 160 miliardi di franchi e circa 850'000 posti di lavoro, «il che non consente un rifiuto del progetto». In altri termini - aggiunge l'istituto renano - con l'adattamento del sistema fiscale sono in gioco «un quarto del Pil svizzero e un impiego su cinque».

Secondo Bakbasel un rifiuto della riforma rischia di comportare la partenza dalla Svizzera delle «imprese altamente mobili», il che comporterebbe a breve termine «perdite potenziali» pari al 5,6% del Prodotto interno lordo, ossia di 34 miliardi di franchi. Cosa che, a sua volta, causerebbe la soppressione di 194'000 impieghi.

Confederazione, Cantoni e Comuni rischiano dal canto loro di subire grosse perdite di introiti provenienti dalle imposte sul reddito. Secondo Bakbasel «il potenziale delle perdite a breve termine» ammonta a non meno di 2,7 miliardi di franchi, senza contare gli ammanchi delle imposte sulle imprese.

Attualmente, rammenta l'istituto citato dalle due organizzazioni padronali, quasi la metà delle imposte sugli utili a livello federale, circa 5 miliardi di franchi, proviene dalle società a statuto speciale, che con la riforma fiscale saranno, «in media, tassate un po' più pesantemente di oggi», mentre le società tassate ordinariamente vedranno le imposte diminuire.

Ma non è tutto: «il rifiuto della riforma comporterebbe perdite di introiti di oltre 5 miliardi di franchi per le assicurazioni sociali (AVS, AI, APG, AC, LPP)».

«Il referendum contro la Riforma III è un referendum contro la competitività della Svizzera», afferma Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Usam, denunciando «compagni e sindacalisti» che «hanno ancora il coraggio di parlare di difesa della classe media e dei lavoratori allorché sabotano la base dei loro impieghi».

Per Heinz Karrer, presidente di Economiesuisse, la RI imprese III «è un'occasione unica per rafforzare una piazza economica svizzera fondata sull'innovazione e le alte tecnologie».

La sinistra ha lanciato il referendum sostenendo che la riforma, se accettata, provocherebbe ogni anno perdite fiscali di 3 miliardi di franchi. A risentirne sarebbero gli enti pubblici, che avrebbero a disposizione meno soldi, e i contribuenti, che si vedrebbero aumentare le imposte.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
30 min

Nino ma che combini? Giù i pantaloni davanti alla Casa Bianca

Schurter ha postato su Instagram (e poi rimosso) uno scatto con Lars Forster, Florian Vogel e Kurt Gross, taggando anche Donald Trump. Ora rischia una sanzione

ZURIGO
1 ora

In fila da otto ore per il nuovo iPhone11

Sono arrivati dall’Ungheria e hanno trascorso la notte davanti all’Apple Store. Ma anche dall’Ucraina, dalla Romania.Tutti con un unico obiettivo: accaparrarsi o semplicemente ammirare i nuovi modelli

SVIZZERA
2 ore

In Svizzera più di mezzo milione di persone è sovraindebitato

In tre anni l'aumento è stato del 22%. I più soggetti sono gli svizzeri romandi di sesso maschile

BERNA
4 ore

Gli apprendistati in cui gli stereotipi di genere sono duri a morire

Le aspiranti muratrici sono una rarità (0,64%) mentre i ragazzi, tra le assistenti dentali, vanno cercati col lanternino (1,11%)

BERNA
11 ore

Ecco come gli attivisti sono entrati a Palazzo Federale

Sono una sessantina i giovani pro clima che hanno interrotto stamattina i dibattiti in Consiglio nazionale. Una 15enne risponde alla domanda di Quadri sulla sicurezza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile