SVIZZERA
05.06.16 - 15:490
Aggiornamento : 16:37

«Medicina della procreazione: il sì era prevedibile, ma staremo in guardia»

Favorevole al progetto di legge del Consiglio federale, Mathias Reynard si è opposto con il comitato interpartitico al testo concepito dal Parlamento. Gli oppositori riorientano la battaglia

BERNA - "Un po' ce l'aspettavamo", ha dichiarato Mathias Reynard (PS/VS) dopo il delinearsi dell'accettazione della modifica della legge sulla medicina della procreazione (LPAM). Anche se la campagna ha permesso al comitato referendario di avere certe garanzie, il deputato conta di restare "molto attento".

"C'era il rischio visto che la popolazione doveva pronunciarsi sul voto dell'anno scorso". Malgrado la delusione, Reynard, membro del comitato interpartitico di oppositori, sottolinea alcuni vantaggi della campagna.

"Si tratta di un tema complicato che è stato oggetto di campagne di sensibilizzazione, le persone si sono ben informate", ha constatato. I sostenitori, che siano essi il Consiglio federale, o all'interno del Parlamento o tra gli esperti, hanno in effetti tentato di rassicurare contrastando gli argomenti degli oppositori. Queste garanzie sono "belle promesse", ma devono essere mantenute, insiste il consigliere nazionale vallesano.

Favorevole al progetto di legge del Consiglio federale, Reynard si è opposto con il comitato interpartitico al testo concepito dal Parlamento, che "va troppo oltre, in particolare a causa dell'individuazione precoce riguardo le anomalie cromosomiche".

"Ormai controlleremo che la legge non vada ancora oltre, che gli handicappati, abbiano sempre posto nella società, che la lista delle malattie non venga estesa".

Gli oppositori riorientano la battaglia - "Lo temevamo", ha detto all'ats Christa Schönbächler dell'associazione Insieme dopo l'accettazione della modifica della legge sulla medicina della procreazione da parte dei cittadini. "Non siamo soddisfatti del risultato ma contenti del dibattito" scaturito dal tema.

La votazione sulla diagnosi preimpianto (DPI) ha affinato la presa di coscienza degli abitanti su questa problematica e ha accresciuto le loro conoscenze, ha sottolineato Schönbächler. Inoltre ha potuto aver luogo una vera discussione sulle questioni etiche che tale pratica pone.

La responsabile di Insieme Svizzera (federazione svizzera delle associazioni di genitori di persone mentalmente handicappate) ha indicato che è stato particolarmente difficile per gli oppositori spiegare ai votanti la differenza tra l'articolo costituzionale e il testo della legge sottoposto al popolo.

Occorre ormai che i sostenitori del sì mantengano le loro promesse in particolare che l'autorizzazione della DPI non comporti una discriminazione delle persone che vivono con un handicap, ha detto Schönbächler. L'associazione teme in particolare che le prestazioni degli assicuratori legate all'handicap peggiorino.

Sulla stessa linea Inclusion Handicap, l'associazione di categoria delle organizzazioni elvetiche di persone handicappate, si batterà affinché la società continui a "testimoniare una comprensione e una solidarietà totale ai genitori che danno alla luce un bambino disabile". In un comunicato, l'associazione si spinge oltre dicendo che i genitori non devono essere "spinti a effettuare un qualunque esame".


 

TOP NEWS Svizzera
VALLESE
1 ora
A 104 km/h sull'50: automobilista nei guai
Al conducente di 32 anni è stata ritirata immediatamente la patente e sequestrato il veicolo.
ZURIGO
1 ora
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
Le filiali saranno smantellate entro la fine di settembre
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora
L'erba del vicino... suscita curiosità
La stragrande maggioranza degli elvetici conosce i nomi, ma il 75% vorrebbe avere maggiori informazioni.
SVIZZERA
1 ora
Le aziende "snobbano" il lavoro ridotto
In Svizzera richieste inferiori alle attese, meno della metà. La Seco è sorpresa
FRIBURGO
2 ore
Nespresso investe 160 milioni a Romont
Lo scopo è di «supportare lo sviluppo internazionale nei prossimi anni»
SVIZZERA
4 ore
A giugno la disoccupazione è calata
Oltre un milione di persone erano a lavoro ridotto nel mese di aprile
SVIZZERA
5 ore
Le mascherine costano sette volte di più
Rispetto all'influenza "suina" del 2009, i prezzi sono saliti alle stelle nella grande distribuzione svizzera
SVIZZERA
13 ore
Se vado in discoteca, rischio il licenziamento?
Il proprietario di un locale zurighese parla di un calo di frequenze a causa di pressioni da parte dei datori di lavoro
VAUD
18 ore
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile