SVIZZERA
05.06.16 - 15:490
Aggiornamento : 16:37

«Medicina della procreazione: il sì era prevedibile, ma staremo in guardia»

Favorevole al progetto di legge del Consiglio federale, Mathias Reynard si è opposto con il comitato interpartitico al testo concepito dal Parlamento. Gli oppositori riorientano la battaglia

BERNA - "Un po' ce l'aspettavamo", ha dichiarato Mathias Reynard (PS/VS) dopo il delinearsi dell'accettazione della modifica della legge sulla medicina della procreazione (LPAM). Anche se la campagna ha permesso al comitato referendario di avere certe garanzie, il deputato conta di restare "molto attento".

"C'era il rischio visto che la popolazione doveva pronunciarsi sul voto dell'anno scorso". Malgrado la delusione, Reynard, membro del comitato interpartitico di oppositori, sottolinea alcuni vantaggi della campagna.

"Si tratta di un tema complicato che è stato oggetto di campagne di sensibilizzazione, le persone si sono ben informate", ha constatato. I sostenitori, che siano essi il Consiglio federale, o all'interno del Parlamento o tra gli esperti, hanno in effetti tentato di rassicurare contrastando gli argomenti degli oppositori. Queste garanzie sono "belle promesse", ma devono essere mantenute, insiste il consigliere nazionale vallesano.

Favorevole al progetto di legge del Consiglio federale, Reynard si è opposto con il comitato interpartitico al testo concepito dal Parlamento, che "va troppo oltre, in particolare a causa dell'individuazione precoce riguardo le anomalie cromosomiche".

"Ormai controlleremo che la legge non vada ancora oltre, che gli handicappati, abbiano sempre posto nella società, che la lista delle malattie non venga estesa".

Gli oppositori riorientano la battaglia - "Lo temevamo", ha detto all'ats Christa Schönbächler dell'associazione Insieme dopo l'accettazione della modifica della legge sulla medicina della procreazione da parte dei cittadini. "Non siamo soddisfatti del risultato ma contenti del dibattito" scaturito dal tema.

La votazione sulla diagnosi preimpianto (DPI) ha affinato la presa di coscienza degli abitanti su questa problematica e ha accresciuto le loro conoscenze, ha sottolineato Schönbächler. Inoltre ha potuto aver luogo una vera discussione sulle questioni etiche che tale pratica pone.

La responsabile di Insieme Svizzera (federazione svizzera delle associazioni di genitori di persone mentalmente handicappate) ha indicato che è stato particolarmente difficile per gli oppositori spiegare ai votanti la differenza tra l'articolo costituzionale e il testo della legge sottoposto al popolo.

Occorre ormai che i sostenitori del sì mantengano le loro promesse in particolare che l'autorizzazione della DPI non comporti una discriminazione delle persone che vivono con un handicap, ha detto Schönbächler. L'associazione teme in particolare che le prestazioni degli assicuratori legate all'handicap peggiorino.

Sulla stessa linea Inclusion Handicap, l'associazione di categoria delle organizzazioni elvetiche di persone handicappate, si batterà affinché la società continui a "testimoniare una comprensione e una solidarietà totale ai genitori che danno alla luce un bambino disabile". In un comunicato, l'associazione si spinge oltre dicendo che i genitori non devono essere "spinti a effettuare un qualunque esame".


 

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
14 min
Rapparono insulti sessuali contro Natalie Rickli: «Condanna da riesaminare»
Lo ha decretato il Tribunale Federale, a processo il gruppo hip-hop bernese Chaostruppe che potrebbe essere accusato anche di calunnia
SVIZZERA
2 ore
Nuova vincita all’EuroMillions: 135 milioni di franchi
Il jackpot è stato conquistato con la combinazione 8, 10, 15, 30 e 42, e le "stelle" 4 e 6
VAUD
2 ore
Interviene per fermare un vandalismo e viene pestato a sangue dalla baby gang
Un uomo è stato ferocemente aggredito dal branco il 12 novembre alla stazione di Vevey. 4 minorenni sono stati fermati. La polizia: «Sono recidivi. In questi casi non correte rischi e chiamate il 117»
VIDEO
SVIZZERA
2 ore
2'200 classi delle medie contro il fumo
Gli allievi che partecipano a "Progetto Nonfumatori" si impegneranno a non fumare sigarette e a non consumare altri prodotti a base di nicotina per sei mesi
BERNA
7 ore
Una webcam messa dal capo le riprende otto ore al giorno
Il curioso caso di un fiorista di Berna che trasmette in streaming le giornate delle dipendenti, loro: «È inquietante», la datrice: «Così vendiamo di più».
VIDEO
ZURIGO
18 ore
La campagna shock della Polizia contro i video vietati sugli smartphone
Sono tantissimi i giovani svizzeri che hanno clip di violenza o porno estremo sui loro smartphone, le autorità: «È illegale, cancellateli»
GINEVRA
20 ore
Una moneta d'oro da 170.000 franchi
Battuto all'asta a Ginevra un pregiato pezzo prodotto per commemorare la fine del restauro di Notre-Dame a Parigi nel 1864
SVIZZERA
20 ore
Easyjet: aumentano i passeggeri in Svizzera
La compagnia inglese a basso costo ha trasportato nell'esercizio 2018/2019 15,1 milioni di persone
BASILEA CITTÀ
22 ore
Stormy Daniels non potrà venire in Svizzera per Extasia
La pornodiva della querelle con Trump doveva essere il volto della fiera hard renana, per lei pare ci siano stati problemi di passaporto
FOTO
SVIZZERA / MONDO
23 ore
Dove andare (o non andare) in vacanza? Te lo dice la mappa dei rischi
Quali pericoli e quali incognite si nascondono nei vari Paesi del mondo? Quali nazioni possono considerarsi sicure e quali no? Lo spiegano gli esperti di International SOS e Control Risks
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile