Immobili
Veicoli
Tipress
SVIZZERA
29.02.16 - 16:290
Aggiornamento : 18:35

Orari dei negozi: il Nazionale approva l'armonizzazione

Aperti dalle 6 alle 20 in settimana. La palla passa agli Stati

BERNA - Tutti i negozi della Svizzera devono poter rimanere aperti in settimana dalle 06.00 alle 20.00 e il sabato fino alle 18.00. È quanto prevede la nuova Legge federale sugli orari di apertura dei negozi (LANeg) approvata oggi dal Consiglio nazionale con 122 voti contro 64 e 5 astensioni. La proposta torna agli Stati che lo scorso anno aveva bocciato l'entrata in materia.

Durante il dibattito, la sinistra ha sostenuto, invano, che non è estendendo gli orari di apertura dei negozi che si può lottare contro il turismo degli acquisti, fenomeno accentuatosi negli ultimi anni in seguito all'apprezzamento del franco sull'euro (la mozione all'origine della nuova legge era infatti denominata "Franco forte. Parziale armonizzazione degli orari di apertura dei negozi"). Il problema è invece da ricondurre soprattutto alle differenze di prezzo fra la Svizzera e i Paesi vicini, ha sostenuto Susanne Leutenegger Oberholzer (PS/BL).

Lo schieramento rosso-verde si è anche chiesto se non sia meglio lasciare la competenza di fissare gli orari di apertura dei negozi ai cantoni e ai comuni: "solo a livello locale si conoscono i reali bisogni, non capisco perché il legislatore federale deve imporre una legge uguale per tutto il Paese", ha sostenuto Leutenegger Oberholzer.

Durante la procedura di consultazione tutti i cantoni, eccetto uno (il Ticino, ndr), hanno bocciato la proposta di armonizzazione, ha ricordato Ada Marra (PS/VD). Per Denis de la Reussille (PdL/NE), il vero obiettivo della LANeg è "imporre un orario di apertura prolungato ai cittadini dei cantoni che l'anno rifiutato in votazione popolare". Leutenegger Oberholzer ha a tal proposito lanciato una frecciatina all'UDC (senza peraltro mai nominarlo), un partito che ritiene che il popolo abbia sempre ragione, tranne in questa occasione.

Per la maggioranza la proposta oggi in discussione è "ragionevole e moderata" rispetto a quanto in vigore in alcuni cantoni (undici di loro hanno orari di apertura più liberali della legge proposta) e soprattutto in confronto alle norme in vigore nei Paesi limitrofi. Non viene poi obbligato nessuno ad aprire il proprio negozio la sera se non c'è clientela, ha ricordato Kathrin Bertschy (PVL/BE) a nome della commissione. "Si tratta di dare la possibilità di farlo", ha precisato.

Per Dominique de Buman (PPD/FR) non è poi vero che gli svizzeri fanno compere all'estero unicamente per risparmiare soldi. Il friburghese ha citato uno studio che indica come per il 30% delle persone l'orario di apertura gioca un ruolo importante. Nel 2014 undici miliardi di franchi sono stati spesi all'estero, ha sottolineato Christian Lüscher (PLR/GE).

"Si tratta anche di salvaguardare posti di lavoro nel settore del commercio al dettaglio", ha aggiunto de Buman. La nuova legge permetterà anche di meglio fronteggiare la concorrenza dei negozi delle stazioni, delle pompe di benzina, degli aeroporti e di internet, ha sostenuto il consigliere federale Johann Schneider-Ammann.

Il ministro dell'economia ha inoltre ricordato la votazione di ieri in Ticino che permette una estensione degli orari di apertura dei negozi (che, contrariamente al progetto federale, la vincola alla conclusione di un contratto collettivo di lavoro, ndr). "Il risultato del voto dimostra che c'è la necessità di agire", ha sostenuto Schneider-Ammann.

Contrariamente al progetto del Consiglio federale, il Nazionale ha voluto accorciare di un'ora l'estensione dell'orario di apertura per il sabato (18.00 anziché 19.00). "Si tratta di un gesto a favore dei cantoni", ha sostenuto de Buman. Respinta invece, con 98 voti contro 84 e 8 astenuti, la proposta della sinistra di anticipare alle 19.00 la chiusura dei negozi in settimana.

Il dossier torna ora al Consiglio degli Stati che dovrà decidere se mantenere la sua decisione di non entrata in materia, presa peraltro con il voto preponderante del suo presidente. Qualora la Camera dei cantoni non dovesse cambiare idea, il progetto verrebbe affossato.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 min
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
14 min
«Esistono molti casi non segnalati perché asintomatici»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
16 min
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
49 min
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
FOTO
SVIZZERA
4 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
8 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
16 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
18 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
20 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
21 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile