VALLESE
17.10.14 - 15:200
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Terza correzione del Rodano, lanciato referendum

SION - Un referendum è stato lanciato oggi a Sion contro il decreto relativo al finanziamento della terza correzione del Rodano, votato dal Gran consiglio vallesano in settembre. I promotori - fra i quali figurano numerosi agricoltori e l'UDC - contestano la variante scelta dal Consiglio di Stato, considerata eccessivamente costosa.

Allo stato attuale, i lavori previsti dalla variante governativa rappresentano una spesa di 3 miliardi di franchi sull'arco di 30 anni, di cui 500 milioni a carico del Cantone, sottolineano gli oppositori. Il progetto comporterebbe inoltre la scomparsa di 300 ettari di terreni destinati alla rotazione agraria e richiederebbe lo spostamento di 15 milioni di metri cubi di terra.

La versione presentata dai promotori del referendum sarebbe invece portata a termine entro 10 anni per un costo stimato a 1 miliardo di franchi. Invece di allargare il fiume - come previsto dalla variante governativa - essa consisterebbe nel rafforzare le dighe ovunque ciò sia possibile e nell'abbassamento di un metro del letto del Rodano.

Al comitato referendario si è unita anche l'associazione "Sauvegardons les coteaux valaisans", che milita a favore dell'interramento delle linee elettriche ad altissima tensione. La variante portata avanti dal comitato permetterebbe a suo avviso di realizzare scavi destinati a sotterrare le linee sull'intero percorso del fiume.

Secondo i suoi promotori, il referendum permetterebbe alla popolazione di pronunciarsi sulla questione. Per la sua riuscita sono necessarie 3'000 firme, da raccogliere entro il 5 gennaio.

In settembre, il Gran consiglio ha istituito un fondo dotato di 60 milioni di franchi, destinato al finanziamento della correzione del fiume. Una carta dei pericoli pubblicata nel 2012 dimostra che attualmente oltre 13'000 ettari di terreno sono minacciati da inondazioni. I danni in pianura sono stimati in oltre 10 miliardi di franchi.

Ats

TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
30 min
Litiga con alcuni giovani e spara con un fucile da caccia
L'uomo di 78 anni, che ha esploso un unico colpo per terra, è stato arrestato dalla polizia. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
35 min
Giovedì 12 marzo? «Il giorno in cui le cose sono davvero cambiate»
Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese
GRIGIONI
1 ora
Contro il guardrail in moto, 30enne in ospedale
Il centauro stava viaggiando sul passo dello Julier con un gruppo di altri motociclisti.
SVIZZERA
2 ore
«Ora stiamo usando un bisturi, a marzo ci voleva un'ascia»
Il capo della Task force Covid-19 della Confederazione sostiene la strategia finora adottata da Berna.
SVIZZERA
3 ore
Un salario minimo di 23 franchi all'ora? Si vota a Ginevra
Non solo nazionali: anche a livello cantonale sono previste settimana prossima delle votazioni rilevanti
GIURA
15 ore
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
FOTO
GRIGIONI
17 ore
Il masso sulla Tesla interrompe la vacanza
Brutta disavventura per una coppia diretta in Engadina
GINEVRA
17 ore
Gli infermieri chiedono una negoziazione degli orari
Al centro delle loro rivendicazioni vi è una modifica del piano orario che impone una pausa di un'ora a metà giornata
LUCERNA
18 ore
Le opere del lockdown raccolgono 36'300 franchi
Il ricavato degli "schizzi" di solidarietà finirà a una Fondazione che sostiene gli artisti figurativi
SVIZZERA
22 ore
A Zurigo si manifesta contro «la bugia del coronavirus»
Sono circa 500 le persone che si sono riunite per protestare contro il Covid-19 e le misure che ne sono conseguite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile