BERNA
23.10.13 - 16:440
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:04

Santésuisse ancora contro elevati margini sui farmaci

BERNA - Il margine commerciale sui medicinali in Svizzera è attualmente di 1,3 miliardi di franchi, ma potrebbe essere ridotto a quasi mezzo miliardo se fosse adeguato a quello medio europeo. Lo sostiene Santésuisse che per la terza volta ha calcolato la differenza tra i prezzi di fabbrica e quelli di vendita di farmaci ottenibili su ricetta medica confrontandoli con quelli di altri sei Stati europei. L'analisi, contestata da farmacisti e medici, è stata effettuata su 8000 preparati.

Nel suo studio, l'associazione di assicuratori malattia, ha preso in considerazione Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Francia, Gran Bretagna e Austria tenendo conto dei salari e affitti dei vari Paesi. Di questi solo l'Austria mostra margini simili a quelli della Svizzera, ha sottolineato oggi in una conferenza stampa a Berna Verena Nold Rebetez, direttrice di Santésuisse.

L'anno scorso l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) ha rimborsato farmaci per un valore di 5 miliardi di franchi, di cui 1,3 miliardi rappresentano il margine commerciale ottenuto da farmacisti, medici e ospedali, è stato sottolineato.

Se il margine di guadagno fosse ricondotto a quello medio dei paesi europei di riferimento - ha detto Verena Nold Rebetez - si potrebbero risparmiare 455 milioni di franchi, ossia ridurre di circa il 2% i premi.

Santésuisse afferma che la richiesta di diminuzione del margine non è da confondere con quella del prezzo dei medicinali. In generale la riduzione dei prezzi dei medicamenti interessa i produttori, ossia le imprese farmaceutiche, mentre margini più bassi toccano i commercianti.

Secondo Santésuisse oltre la metà di tutti i farmaci ottenibili con la ricetta medica sono venduti dalle farmacie. Qui, secondo l'associazione, il margine potrebbe diminuire di 180 milioni di franchi.

Una tale riduzione corrisponde a circa 3000 posti a tempo pieno di assistenti di farmacia, ha detto all'ats l'associazione dei farmacisti Pharmasuisse, precisando che l'attuale margine copre fondamentalmente i costi di infrastruttura e di logistica che sono più elevati rispetto agli altri Stati di riferimento. Secondo i farmacisti, Santésuisse con il suo "sterile studio matematico, mette in gioco la sua credibilità".

Un altro importante canale di vendita è rappresentato dai "medici dispensanti" che distribuiscono circa un terzo di tutti i farmaci su ricetta. In questo ambito Santésuisse calcola un potenziale di risparmio di 257 milioni di franchi e negli ospedali di 16 milioni.

Per quanto riguarda i medici, Santésuisse non ha potuto fare un confronto con i margini all'estero in mancanza di dati, ha precisato Verena Nold Rebetez, aggiungendo che in questo caso Santésuisse si è riferita a un modello sviluppato dalla cassa malattia Helsana.

Urs Stoffel, membro del comitato centrale della Federazione dei medici svizzeri (FMH), ha criticato aspramente lo studio di Santésuisse, ponendo l'accento sul fatto che i medici con i margini devono coprire tutti i costi.

Verena Nold Rebetez, ha ribadito la richiesta di un adeguamento dei margini e ha sostenuto l'importanza della comparazione con l'estero. Ha inoltre ricordato che le possibilità di risparmio sono state calcolate senza tener presente gli sconti che gli ospedali ottengono per esempio negli acquisti all'ingrosso.

Santésuisse chiede ora che l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) calcoli i costi effettivi e adegui i margini per i farmacisti, medici e ospedali.



ATS
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
AVS, tasso di contribuzione in aumento da gennaio
L'incremento permetterà di registrare annualmente entrate supplementari pari a 2 miliardi di franchi
ZURIGO
2 ore
Esce di strada e si ribalta: feriti una madre e i suoi tre figli
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Humlikon. Le quattro persone coinvolte, una 36enne e tre bimbi dai sette ai due anni, sono stati trasportati in ospedale da un'ambulanza
BASILEA CITTÀ
2 ore
La chiama un falso poliziotto, gli consegna 90'000 franchi
Le hanno detto i suoi soldi non erano al sicuro, troppi furti nel quartiere. Lei ha prelevato e ha depositato la borsa con i contanti sotto la tettoia di un parcheggio per biciclette
SVIZZERA
5 ore
Parmelin accusato di censura: «Piano con i dati sull’inquinamento»
Il consigliere federale avrebbe chiesto all’istituto svizzero sulla scienza e la tecnologia dell’acqua di “contenersi” nella pubblicazione dei dati sull’inquinamento provocato dalle attività agricole
SVIZZERA
5 ore
Cinquanta milioni di franchi di penale per Sunrise
Abbandonato definitivamente il progetto di acquisizione di UPC Svizzera, ma Liberty Global spera ancora di trovare un nuovo accordo per la sua filiale
VIDEO
SVIZZERA
15 ore
Quella montagna verde che fa storcere il naso ai puristi del rossocrociato
Presentata oggi dalla Federazione Svizzera di Calcio, la nuova maglia da trasferta della Nazionale non sembra fare l’unanimità tra i tifosi
SVIZZERA
16 ore
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVITTO
21 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
22 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
GRIGIONI
1 gior
Sbanda sulla neve e si ribalta
L'incidente è avvenuto questa mattina ad Andeer sull'A13. Illesi il conducente e il suo cane
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile