SVIZZERA
19.11.10 - 15:020
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:04

Nestlè, la filiale svizzera ha un nuovo direttore generale

L'italo-svizzero Eugenio Simioni prende il posto di Roland Decorvet

VEVEY - Cambio ai vertici di Nestlé Svizzera: da gennaio la direzione generale sarà affidata a Eugenio Simioni, 44enne di doppia cittadinanza elvetico-italiana, finora responsabile dei sistemi di controllo interni dell'azienda. L'attuale numero uno, Roland Decorvet, assumerà per contro la guida della regione Cina, informa oggi la società.

Simioni ha le sue radici a Ginevra, dove ha frequentato dapprima le scuole e poi la facoltà di economia dell'università. È entrato alla Nestlé nel 1989, dove ha svolto diverse funzioni nei settori della vendita, del marketing e degli acquisti in Australia e Corea, prima di diventare Operations Manager della regione Asia, Africa e Oceania. Dal 2007 è responsabile dell'audit interno del gruppo. Grazie alla sua vasta esperienza e alla conoscenza del paese potrà proseguire lo sviluppo della filiale elvetica, precisa un comunicato.

Da parte sua, il 45enne Decorvet è da tre anni direttore generale nella Confederazione - giro d'affari di 1,5 miliardi, 2500 dipendenti - e in precedenza è stato attivo per oltre 12 anni in Cina. L'attuale responsabile del mercato cinese Patrice Bula, 54 anni, diventerà a partire da maggio direttore - a livello di gruppo - delle unità strategiche marketing, vendite e Nespresso. Sostituirà Petraea Heynike, prima donna ad entrare nella direzione generale di Nestlé, che andrà in pensione dopo 38 anni di carriera in seno alla multinazionale di Vevey (VD).

Il gruppo ha inoltre reso noto che dal 2011 calcolerà il fatturato secondo nuovi standard contabili: il cambiamento comporterà una diminuzione del giro d'affari a bilancio del 15%, perché in futuro dalla cifra delle vendite saranno detratte le spese per le promozioni, come gli sconti accordati ai distributori.

Ats

Foto Keystone Dominic Favre

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
23 min

Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni

Per alcuni di essi questo comporta un aumento della spesa sociale e si rischia di dover aumentare le imposte

SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora

«I prodotti di Wish sono pericolosi»

Lo sostiene il Forum dei consumatori sulla base di test effettuati su diversi articoli. Si rileva anche la presenza di sostanze cancerogene

SVIZZERA
1 ora

Calmy-Rey: «Rinegoziare l'accordo quadro e aumentare la somma destinata all'Ue»

«La situazione di stallo può essere superata, ma occorre prendersi il tempo per trovare un consenso interno, questo è decisivo» ha dichiarato l'ex consigliera federale

ZURIGO
4 ore

«Mi hanno detto che mia madre è stata accoltellata»

Giovedì sera in un appartamento è stato trovato il corpo della donna. La polizia presume si tratti di omicidio

SVIZZERA
6 ore

«Non voglio tornare all'inferno»

Il giovane iraniano Farshad Ghane è fuggito in Svizzera dopo la persecuzione subita in Patria per essersi convertito al cristianesimo. Ora dovrà tornarci. Ma migliaia di persone vogliono impedirlo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile