Keystone
SVIZZERA
24.02.21 - 14:480

Tutti quei posti nel metalmeccanico portati via dalla pandemia

Sono migliaia, e le prospettive non sono rosee. L'appello di Swissmem: «Ancora 24 mesi di indennità»

BERNA - La crisi del coronavirus ha cancellato 6'600 impieghi nel comparto metalmeccanico ed elettrico (MEM) svizzero, facendo scendere gli effettivi a 318'300: la stima è dell'associazione di categoria Swissmem.

«È importante evitare ulteriori perdite di posti di lavoro dovute alla pandemia in aziende particolarmente colpite dalla crisi», ha affermato il presidente dell'organizzazione, Martin Hirzel, nella conferenza stampa annuale tenutasi online, «per questo il limite massimo di diritto all'indennità per lavoro ridotto deve essere aumentato a 24 mesi».

Le aziende hanno bisogno di certezze nella loro pianificazione: «Non possiamo aspettare l'estate», ha continuato il dirigente. Se la disoccupazione parziale non dovesse essere più concessa - molte aziende erano già in una situazione precaria sul fronte degli ordinativi prima dello scoppio della pandemia - le ditte dovrebbero oggi stesso pianificare tagli all'organico: «Questa eventualità è da evitare».

La riduzione dei posti di lavoro continuerà, anche se al momento non vi sono segnali di licenziamenti in massa. Queste condizioni dovrebbero rimanere tali anche nell'immediato futuro, a patto però appunto di portare a 24 mesi il termine del lavoro ridotto. L'industria svizzera è abituata a superare le crisi, ha puntualizzato Hirzel.

Un settore che, malgrado tutto, tiene

L'anno scorso l'export delle imprese MEM si è attestato a 61 miliardi di franchi, l'11% in meno dell'anno prima. Il valore è così tornato quasi al livello del 2004, quando vennero smerciate merci per 59 miliardi. 

«Nel confronto con rami che si sono visti costretti a chiudere il calo del nostro settore sembra moderato», ha riconosciuto Hirzel. A suo avviso non va però sottovalutato: «la flessione si traduce in un volume mancante di 7,6 miliardi di franchi, un importo che non è possibile recuperare da un giorno all'altro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZERMATT
27 min
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui si trovavano altre sei persone.
SVIZZERA
2 ore
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
3 ore
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
NEUCHÂTEL 
4 ore
Contagiato il 23% degli allievi di una scuola
Un secondo test di massa sarà effettuato martedì tra le persone in quarantena che sono risultate negative
ZURIGO
4 ore
Donna spinta sui binari, «Ho tenuto a terra il responsabile»
Arrestato un 27enne di origini eritree. Il testimone: «Lui si è comportato come se non fosse successo niente».
SVIZZERA
5 ore
«Niente più caramelle vicino alle casse dei supermercati»
La proposta è stata accolta con favore dal Consiglio federale
TURGOVIA
8 ore
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
8 ore
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
9 ore
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
ZURIGO
20 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile