Keystone
SVIZZERA
24.02.21 - 14:480

Tutti quei posti nel metalmeccanico portati via dalla pandemia

Sono migliaia, e le prospettive non sono rosee. L'appello di Swissmem: «Ancora 24 mesi di indennità»

BERNA - La crisi del coronavirus ha cancellato 6'600 impieghi nel comparto metalmeccanico ed elettrico (MEM) svizzero, facendo scendere gli effettivi a 318'300: la stima è dell'associazione di categoria Swissmem.

«È importante evitare ulteriori perdite di posti di lavoro dovute alla pandemia in aziende particolarmente colpite dalla crisi», ha affermato il presidente dell'organizzazione, Martin Hirzel, nella conferenza stampa annuale tenutasi online, «per questo il limite massimo di diritto all'indennità per lavoro ridotto deve essere aumentato a 24 mesi».

Le aziende hanno bisogno di certezze nella loro pianificazione: «Non possiamo aspettare l'estate», ha continuato il dirigente. Se la disoccupazione parziale non dovesse essere più concessa - molte aziende erano già in una situazione precaria sul fronte degli ordinativi prima dello scoppio della pandemia - le ditte dovrebbero oggi stesso pianificare tagli all'organico: «Questa eventualità è da evitare».

La riduzione dei posti di lavoro continuerà, anche se al momento non vi sono segnali di licenziamenti in massa. Queste condizioni dovrebbero rimanere tali anche nell'immediato futuro, a patto però appunto di portare a 24 mesi il termine del lavoro ridotto. L'industria svizzera è abituata a superare le crisi, ha puntualizzato Hirzel.

Un settore che, malgrado tutto, tiene

L'anno scorso l'export delle imprese MEM si è attestato a 61 miliardi di franchi, l'11% in meno dell'anno prima. Il valore è così tornato quasi al livello del 2004, quando vennero smerciate merci per 59 miliardi. 

«Nel confronto con rami che si sono visti costretti a chiudere il calo del nostro settore sembra moderato», ha riconosciuto Hirzel. A suo avviso non va però sottovalutato: «la flessione si traduce in un volume mancante di 7,6 miliardi di franchi, un importo che non è possibile recuperare da un giorno all'altro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Questo è un obbligo di vaccinazione nascosto»
Quando almeno il 40-50% della popolazione sarà immunizzato, potrebbero scattare dei privilegi
FOTOGALLERY E SONDAGGIO
ZURIGO
3 ore
Gli svizzeri vogliono lavorare per queste aziende
Dopo la pandemia, una posto sicuro è diventato più importante dell'equilibrio tra vita privata e lavorativa.
SVIZZERA
5 ore
Passaporto vaccinale: «Nessuno potrà proibirvi di prendere l'autobus»
Delegato al Consiglio d'Europa, il parlamentare neocastellano Damien Cottier fornisce una visione d'insieme sul tema.
SVIZZERA
6 ore
L'Openair Frauenfeld non ci sarà, rimandato al 2022
Gli organizzatori: «Abbiamo sperato, lottato, pianificato e aspettato il più al lungo possibile».
SVIZZERA
8 ore
Tra gli effetti collaterali c'è l'herpes zoster
Ne sono stati notificati 61 casi sui 1'485 segnalati a Swissmedic (età media di 72 anni)
SVIZZERA
8 ore
«Non falsificabile e riconosciuto a livello internazionale»
Secondo l'UFSP il nuovo certificato Covid-19 che verrà sviluppato entro l'estate dovrà avere questi due crismi.
NEUCHÂTEL
8 ore
Una 34enne uccisa a coltellate, arrestato il marito
Il fatto di sangue è successo questa mattina a Peseux. La donna è deceduta in ospedale
LUCERNA
8 ore
Il 19enne morto faceva parte delle categorie a rischio
A riferirlo è il Dipartimento sanità e socialità cantonale che conferma il decesso verificatosi in marzo.
SVIZZERA
9 ore
Arrivano i vaccini Moderna, finalmente
La Confederazione ha ricevuto - con una settimana di ritardo - oltre 280mila dosi dal produttore
GRIGIONI
9 ore
Nei Grigioni si testano gli eventi sicuri
Controlli incrociati dei risultati dei test e l'identità delle persone: un esperimento col sistema Covent
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile