Archivio Keystone
SVIZZERA
02.02.21 - 09:050
Aggiornamento : 10:33

Vetture nuove in picchiata: peggior gennaio del millennio

Showroom chiusi e riluttanza a comprare un'auto online pesano sulle vendite

BERNA - Anche il 2021 è cominciato male per chi vende automobili: in gennaio sono state immatricolate 15'130 vetture nuove, con un calo del 19,5% su base annua. Si tratta del peggior mese di gennaio del nuovo millennio, sottolinea l'associazione degli importatori Auto-Svizzera.

In un comunicato odierno l'organismo attribuisce la flessione alla chiusura delle aree espositive dei concessionari, provvedimento adottato dall'autorità federale per far fronte alla pandemia di coronavirus. «Insieme all'Unione professionale svizzera dell'automobile (UPSA) e all'Unione svizzera arti e mestieri (USAM) abbiamo scritto al Consiglio federale chiedendo che ci venga permesso di riprendere la nostra attività negli showroom», afferma Christoph Wolnik, portavoce di Auto-Svizzera, citato nella nota.

«Naturalmente al più tardi dopo la prima ondata dell'epidemia l'industria automobilistica ha imparato come si possono organizzare senza contatti i giri di prova e le consegne dei veicoli. Deve però essere ancora possibile mostrare un'auto in un ambiente con un massimo di cinque persone e condurre un breve colloquio di vendita, in cui è compresa anche una possibile offerta di permuta per un veicolo esistente».

Wolnik sottolinea che molti clienti sono ancora riluttanti a comprare una vettura online: «Quando si opta per un acquisto importante come un'auto nuova, la stragrande maggioranza vuole ancora fare un giro di prova e porre domande al personale di vendita, il che appare comprensibile». Questo vale naturalmente anche per i gestori di flotte aziendali, i cui ordini rappresentano circa la metà del mercato delle auto nuove.

Tornando a gennaio e scendendo nei dettagli si conferma la crescita dei propulsori alternativi, le cui vendite salgono di quasi il 50%. Inoltre la quota di mercato di auto elettriche, ibride, a gas o a idrogeno è salita al 35%, superiore quindi al 28% di tutto il 2020.

«La trazione elettrica continuerà certamente a crescere nel 2021, anche se non così fortemente come l'anno scorso», prevede Wolnik. Uno dei motivi è il numero inferiore di nuovi modelli rispetto al 2020. «Probabilmente non vedremo un raddoppio del numero di unità elettriche come è stato il caso l'anno scorso, ma osserveremo un ulteriore aumento della quota di mercato, verso il 20%».

Complessivamente nel 2021 Auto-Svizzera si aspetta 270'000 nuove immatricolazioni, un incremento del 14% rispetto all'anno precedente. A patto però che vengano limitati gli effetti economici negativi del Covid-19.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 4 mesi fa su tio
Per forza, non possono venderle perché, almeno il mio, è in pratica chiuso !!
francox 4 mesi fa su tio
L'auto per andare dove?
F/A-19 4 mesi fa su tio
@francox Devi pensare che per tanti l’auto è assolutamente indispensabile, io per esempio ho da raggiungere tutti i giorni luoghi di lavoro per verifiche logistiche, riunioni, misurazioni, servizi ai cantieri, movimentazioni macchinari, assistenza ai clienti ecc, i cantieri vanno avanti ancora con l’impiego umano, chi sta dietro ad un computer invece potrebbe benissimo essere sostituito dal cinese di turno, prima o dopo ci arriveremo, purtroppo!
Tato50 4 mesi fa su tio
@francox Contro una Chiesa e ammazzare il piccolo di 13 mesi di mia figlia ;-((((((
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Viaggi all'estero: tutto quello che ora c'è da sapere
Da settimana prossima saltano ulteriori limitazioni per gli ingressi in Svizzera. Ecco cosa cambia per i viaggiatori
FOTO
SVIZZERA
3 ore
Neve a giugno? No: un'autostrada di grandine
Oltre Gottardo continuano le precipitazioni e gli allagamenti. Dal Giura bernese a Basilea passando per Zurigo
SVIZZERA
6 ore
Trentadue domande (e risposte) sugli allentamenti
Da sabato prossimo il nostro Paese vivrà una nuova fase di (grandi) allentamenti.
SVIZZERA
7 ore
Il mondo della notte festeggia il suo ritorno in pista
La Federazione svizzera per club e festival è soddisfatta degli allentamenti decisi oggi dal Consiglio federale.
SVIZZERA
11 ore
La Svizzera toglie la mascherina e torna in ufficio
Ecco tutti gli allentamenti che entreranno in vigore il prossimo sabato 26 giugno
SVIZZERA
11 ore
Altri 154 contagi e due decessi in Svizzera
Sono sedici gli svizzeri che hanno necessitato di un ricovero ospedaliero nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'UFSP.
FOTOGALLERY
NEUCHÂTEL
12 ore
«L'intero villaggio è pieno di fango e detriti»
Ieri sera il Ruhault ha rotto gli argini a Cressier. Alcune famiglie hanno dovuto essere sfollate.
SVIZZERA
12 ore
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
ZURIGO
13 ore
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
ARGOVIA
16 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile