Depositphotos (everythingposs)
Gli analisti finanziari rimangono ottimisti sulla congiuntura, nonostante le varianti del coronavirus.
SVIZZERA
27.01.21 - 11:260
Aggiornamento : 15:46

C'è ottimismo su congiuntura e Borsa, meno sull'occupazione

La maggioranza degli esperti che hanno partecipato a un sondaggio non prevede grosse variazioni nel corso euro/franco.

Anche gli investitori mondiali sono fiduciosi nel buon esito delle vaccinazioni, come della presenza di Joe Biden.

ZURIGO - Nonostante le incertezze dovute alle nuove varianti del coronavirus gli analisti finanziari rimangono ottimisti, perlomeno riguardo alla congiuntura e all'andamento borsistico. In parallelo però tre esperti su quattro prevedono un aumento della disoccupazione.

L'indice sulle prospettive economiche calcolato da Credit Suisse e da CFA Society Switzerland sulla base di un sondaggio fra gli esperti si è attestato in gennaio a 43,2 punti, valore di 3,6 punti inferiore a quello di dicembre, si evince dai dati pubblicati oggi. Concretamente questo significa che sono più numerosi gli specialisti che nei prossimi sei mesi si aspettano un rafforzamento della dinamica economica di quelli che puntano sull'evoluzione opposta. L'indice era a 8,3 nel gennaio 2020 ed era crollato a -45,8 in marzo, per poi risalire nei mesi successivi.

Tornando a gennaio 2021 e scendendo nei dettagli, l'11,4% degli interrogati è convinto che nei prossimi sei mesi non vi saranno cambiamenti nella situazione congiunturale, il 65,9% si aspetta un miglioramento e il 22,7% pronostica un peggioramento (valori che determinano poi l'indice complessivo: 65,9 meno 22,7 = 43,2).

Rispetto a dicembre sono in aumento gli ottimisti (+2,1 punti), ma ancora di più i pessimisti (+5,7), mentre si sfoltiscono le file di coloro che puntano sullo status quo (-7,7 punti). Un po' più negativo, nel confronto mensile, è anche il giudizio sulla situazione attuale, con un indice a -34,1 punti (-2,2 punti).

Il lieve peggioramento delle stime per il futuro elvetico si accompagna a un'analisi analoga per la Cina (-7,9 punti a 43,1), mentre appaiono in miglioramento le prospettive per l'Eurozona (+5,0 punti a 45,4 punti) e gli Stati Uniti (+1,2 a 52,3 punti).

Tornando entro i confini della Confederazione aumentano gli esperti che si aspettano un incremento dell'inflazione (41%, +15 punti). La maggioranza (52%, -22 punti) non prevede però cambiamenti e pochi (7%, -7 punti) scommettono su una contrazione.

I tassi sono attesi fermi nel corto termine (93%); pochissimi li pensano in calo (2%) e solo una sparuta minoranza (5%) vede all'orizzonte un aumento. Anche sul lungo termine solo il 40% ipotizza una progressione: rimane ancora più consistente la quota di chi non scorge mutamenti (58%) e vi è addirittura chi non esclude una flessione (2%).

Il 65% degli interrogati prevede inoltre una progressione dell'indice di borsa SMI, mentre il 19% punta su valori stabili e il 16% su una flessione. Riguardo ai cambi, il 55% del campione ritiene che non vi saranno cambiamenti nel corso euro/franco, il 21% si aspetta un indebolimento del franco e il 24% un rafforzamento. Sul fronte della disoccupazione il 72% vede una crescita dei senza lavoro, il 23% una stagnazione e il 5% un calo.

Al sondaggio, effettuato fra il 14 e il 21 gennaio, hanno partecipato 44 analisti.

Investitori mondiali ottimisti con vaccini e Biden - Gli investitori di tutto il mondo sono ottimisti circa le prospettive economiche del proprio paese e per quanto riguarda i mercati azionari. È quanto emerge dell'ultimo studio "Investor Sentiment" di Ubs, per il quale sono stati intervistati più di 4000 investitori e imprenditori in 14 mercati a livello globale tra fine dicembre 2020 e gennaio 2021.

Guardando ai prossimi sei mesi, il 61% degli interpellati risulta ottimista per quanto riguarda il mercato azionario. In tutto il mondo, gli investitori si aspettano che il mercato tragga beneficio dai progressi sui vaccini contro il Covid 19 (72%) e dal potenziale impatto dei risultati delle elezioni negli Stati Uniti (62%).

La maggior parte degli intervistati (60%) ha dichiarato di avere anche una visione positiva sull'economia per i prossimi 12 mesi (55% nei tre mesi precedenti). Il 63% degli investitori intervistati non crede però che la vita tornerà alla normalità entro i prossimi sei mesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Gli 007 elvetici vogliono lavorare da casa
Telelavoro offlimits in seno all'intelligence elvetica, anche durante il lockdown. Ma ora i dipendenti lo chiedono
SVIZZERA
3 ore
«Con agosto si passa alla fase tre»
Secondo diversi epidemiologi, i tempi sono maturi per la normalizzazione. «Ma bisogna procedere passo per passo».
SVIZZERA
9 ore
Il Grütli delle donne
Viola Amherd ha rilanciato l'impegno per la parità fra i sessi, nel discorso per il Primo d'Agosto
ZURIGO
10 ore
Meno mascherine in ufficio, e salgono i contagi a Zurigo
Aumentano anche le persone che contraggono il virus sui mezzi pubblici.
SVIZZERA / THAILANDIA
12 ore
Primo agosto: Cassis celebra la diversità della Svizzera da Bangkok
Il ministro degli esteri celebra la festa nazionale durante il suo viaggio ufficiale in Thailandia
SVIZZERA
12 ore
«Procedere insieme nella diversità»
Il discorso del Primo agosto tenuto dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter
SONDAGGIO
SVIZZERA
12 ore
Uccidere i lupi? Meglio organizzare dei “safari”
È quanto propone il presidente di Graubünden Ferien per promuovere il turismo in Svizzera
SVIZZERA
15 ore
D'estate si batte la fiacca
Uno studio dimostra che la produttività in Svizzera cala del 20 per cento nei mesi caldi
SVIZZERA
15 ore
Happy birthday Svizzera!
Auguri da Biden, da Facebook, da Google, nel 730esimo compleanno della Confederazione
SVIZZERA
1 gior
Chi pagherà i test covid quando termineranno le vaccinazioni?
«Il contribuente? Non ne sono sicuro» ha dichiarato Guy Parmelin
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile