Depositphotos (everythingposs)
Gli analisti finanziari rimangono ottimisti sulla congiuntura, nonostante le varianti del coronavirus.
SVIZZERA
27.01.21 - 11:260
Aggiornamento : 15:46

C'è ottimismo su congiuntura e Borsa, meno sull'occupazione

La maggioranza degli esperti che hanno partecipato a un sondaggio non prevede grosse variazioni nel corso euro/franco.

Anche gli investitori mondiali sono fiduciosi nel buon esito delle vaccinazioni, come della presenza di Joe Biden.

ZURIGO - Nonostante le incertezze dovute alle nuove varianti del coronavirus gli analisti finanziari rimangono ottimisti, perlomeno riguardo alla congiuntura e all'andamento borsistico. In parallelo però tre esperti su quattro prevedono un aumento della disoccupazione.

L'indice sulle prospettive economiche calcolato da Credit Suisse e da CFA Society Switzerland sulla base di un sondaggio fra gli esperti si è attestato in gennaio a 43,2 punti, valore di 3,6 punti inferiore a quello di dicembre, si evince dai dati pubblicati oggi. Concretamente questo significa che sono più numerosi gli specialisti che nei prossimi sei mesi si aspettano un rafforzamento della dinamica economica di quelli che puntano sull'evoluzione opposta. L'indice era a 8,3 nel gennaio 2020 ed era crollato a -45,8 in marzo, per poi risalire nei mesi successivi.

Tornando a gennaio 2021 e scendendo nei dettagli, l'11,4% degli interrogati è convinto che nei prossimi sei mesi non vi saranno cambiamenti nella situazione congiunturale, il 65,9% si aspetta un miglioramento e il 22,7% pronostica un peggioramento (valori che determinano poi l'indice complessivo: 65,9 meno 22,7 = 43,2).

Rispetto a dicembre sono in aumento gli ottimisti (+2,1 punti), ma ancora di più i pessimisti (+5,7), mentre si sfoltiscono le file di coloro che puntano sullo status quo (-7,7 punti). Un po' più negativo, nel confronto mensile, è anche il giudizio sulla situazione attuale, con un indice a -34,1 punti (-2,2 punti).

Il lieve peggioramento delle stime per il futuro elvetico si accompagna a un'analisi analoga per la Cina (-7,9 punti a 43,1), mentre appaiono in miglioramento le prospettive per l'Eurozona (+5,0 punti a 45,4 punti) e gli Stati Uniti (+1,2 a 52,3 punti).

Tornando entro i confini della Confederazione aumentano gli esperti che si aspettano un incremento dell'inflazione (41%, +15 punti). La maggioranza (52%, -22 punti) non prevede però cambiamenti e pochi (7%, -7 punti) scommettono su una contrazione.

I tassi sono attesi fermi nel corto termine (93%); pochissimi li pensano in calo (2%) e solo una sparuta minoranza (5%) vede all'orizzonte un aumento. Anche sul lungo termine solo il 40% ipotizza una progressione: rimane ancora più consistente la quota di chi non scorge mutamenti (58%) e vi è addirittura chi non esclude una flessione (2%).

Il 65% degli interrogati prevede inoltre una progressione dell'indice di borsa SMI, mentre il 19% punta su valori stabili e il 16% su una flessione. Riguardo ai cambi, il 55% del campione ritiene che non vi saranno cambiamenti nel corso euro/franco, il 21% si aspetta un indebolimento del franco e il 24% un rafforzamento. Sul fronte della disoccupazione il 72% vede una crescita dei senza lavoro, il 23% una stagnazione e il 5% un calo.

Al sondaggio, effettuato fra il 14 e il 21 gennaio, hanno partecipato 44 analisti.

Investitori mondiali ottimisti con vaccini e Biden - Gli investitori di tutto il mondo sono ottimisti circa le prospettive economiche del proprio paese e per quanto riguarda i mercati azionari. È quanto emerge dell'ultimo studio "Investor Sentiment" di Ubs, per il quale sono stati intervistati più di 4000 investitori e imprenditori in 14 mercati a livello globale tra fine dicembre 2020 e gennaio 2021.

Guardando ai prossimi sei mesi, il 61% degli interpellati risulta ottimista per quanto riguarda il mercato azionario. In tutto il mondo, gli investitori si aspettano che il mercato tragga beneficio dai progressi sui vaccini contro il Covid 19 (72%) e dal potenziale impatto dei risultati delle elezioni negli Stati Uniti (62%).

La maggior parte degli intervistati (60%) ha dichiarato di avere anche una visione positiva sull'economia per i prossimi 12 mesi (55% nei tre mesi precedenti). Il 63% degli investitori intervistati non crede però che la vita tornerà alla normalità entro i prossimi sei mesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
3 ore
«Mai pensavamo che nostro figlio ne fosse capace»
Il 24enne somalo N.O. è sospettato di aver ucciso la sua fidanzata di 22 anni LS.
SOLETTA
4 ore
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
7 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
SVIZZERA
8 ore
Fatturato «eccellente» per Zweifel nel 2020
L'anno che ha visto la scomparsa del fondatore è stato chiuso con ricavi pari a 262,6 milioni di franchi, un record
SVIZZERA
8 ore
Il settore degli eventi chiede uno “scudo protettivo”
Contro l'incertezza Expo Event e 15 associazioni si rivolgono al Consiglio federale
SVIZZERA / CANTONE
9 ore
Alcuni cantoni dicono no: le terrazze restano aperte
Berset ha sottolineato più volte che l'apertura delle terrazze sulle piste viola il diritto federale.
SVIZZERA
10 ore
Bambini “esauriti”, 700 chiamate di aiuto al giorno
L'allarme lanciato da Pro Juventute: aumentano i conflitti con i genitori e tra fratelli, ma pure la violenza domestica
SVIZZERA / PAESI BASSI
11 ore
Scontro tra aerei della Patrouille Suisse, accusato il pilota
L’uditore della giustizia militare ha promosso l’accusa dinanzi al tribunale militare
BERNA
12 ore
Cosa fare per tornare al ristorante alla fine di marzo
Nella migliore delle ipotesi se ne parla per il 22 marzo.
BERNA
12 ore
Sì alle mense aziendali per chi lavora all’aperto
L'UFSP ha informati i Cantoni sulle condizioni con le quali concedere l'autorizzazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile