Deposit
SVIZZERA
26.01.21 - 21:320

Smarties: Nestlé passa alle confezioni in carta, ma nemmeno quelle convincono Greenpeace

L'abbandono della plastica mira a ridurre l'impatto ambientale. Per gli ambientalisti, però, non risolve il problema.

VEVEY - Il gigante dell'industria alimentare Nestlé ora imballa i suoi Smarties in carta riciclabile invece che in plastica. Questa transizione, che riguarda il 90% della gamma, è però una falsa soluzione per Greenpeace, che sottolinea le conseguenze climatiche e ambientali di un uso massiccio di imballaggi di carta monouso.

Il passaggio alla carta per l'imballaggio degli Smarties evita la produzione di 250 milioni di confezioni di plastica ogni anno, indica Nestlé in un comunicato odierno. L'iniziativa fa parte del piano dell'azienda con sede a Vevey (VD) per ridurre il suo impatto ambientale. Il progetto contempla in particolare la sostituzione di tutti gli imballaggi con materiali riciclabili o riutilizzabili entro il 2025.

Il centro nevralgico del nuovo imballaggio in carta per la gamma Smarties è il sito di produzione di Amburgo (D), per cui sono stati investiti 10 milioni di euro (10,8 milioni di franchi al cambio attuale).

"Smarties è il primo marchio di dolciumi al mondo a buttarsi nell'imballaggio di carta", ha detto il presidente del settore dolciumi e gelati Alexander von Maillot in una conferenza stampa odierna. "Vogliamo dare un esempio ai bambini, ossia coloro che mangiano Smarties, e quindi prenderci cura delle prossime generazioni", ha detto.

Greenpeace: falsa "buona idea" - Dichiarazioni che lasciano perplessa Greenpeace. L'organizzazione non governativa (ong), attiva nella protezione dell'ambiente dal 1971, fa parte del movimento Break Free From Plastic, che ogni anno pubblica i nomi delle marche più inquinanti del mondo. E nel 2020, per il terzo anno consecutivo, Nestlé si è trovata tra le prime tre aziende più inquinanti.

Il passaggio alla carta non è una buona notizia? No, risponde la ong all'agenzia di stampa finanziaria AWP. "Sostituendo gli imballaggi di plastica con imballaggi di carta monouso, Nestlé sta semplicemente spostando il problema e generando direttamente o indirettamente più disboscamenti, degrado delle foreste e perdita di habitat", dice Philipp Rohrer, esperto di Greenpeace Svizzera.

Per l'organizzazione, l'unica soluzione sarebbe che Nestlé mettesse fine alle confezioni singole e investisse in sistemi di distribuzione riutilizzabili.

La gamma Smarties genera circa 300 milioni di franchi di vendite ogni anno. Nel 2020 in realtà vi è stata una contrazione del fatturato, legata alla crisi del coronavirus. Questo tipo di prodotto infatti è acquistato "d'impulso", nel tempo libero, indica ad AWP una portavoce.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
RV50 1 mese fa su tio
Ma cosa vogliono questi ambientalisti ? Nella plastica non va bene ....nei sacchetti di carta riciclata anche li non funziona !!!! che soluzione avete voi geni..... sul Gottardo grazie a quei geni si son persi 2 anni per installare l'eolico ... quanti di questi salvatori del mondo non hanno una auto, una moto un cellulare tutto fare ma fatemi il piacere comperatevi un biglietto per la luna e andate a viverci .
caLypso 1 mese fa su tio
@RV50 ok boomer
pontsort 1 mese fa su tio
@RV50 Nonostante tutti gli anni persi, non si é ancora capito che gli ambientalisti con l'eolico del gottardo non c'entrano niente...
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
4 ore
«Il fumo si vede da chilometri di distanza»
Un gigantesco incendio è divampato questo pomeriggio in un'area aziendale di Hinwil.
SVIZZERA
5 ore
Riuscito il referendum contro la legge Covid-19 (più altri due)
Oltre 90'000 delle firme raccolte dal comitato sono state validate dalla Cancelleria federale.
SVIZZERA
7 ore
Riaperture: Maurer più prudente di quanto si pensasse?
Secondo il Tages-Anzeiger, il ministro UDC voleva mantenere la chiusura dei ristoranti fino al prossimo 19 aprile
BERNA
7 ore
Un minuto di silenzio per le vittime del Covid
Questo venerdì si rivolgerà loro un pensiero a un anno esatto dal primo decesso legato al virus.
SVIZZERA
8 ore
In Svizzera altri sette decessi legati al Covid
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 1'223 nuovi contagi
SVIZZERA
9 ore
Joël Dicker si mette in proprio
Lo scrittore ginevrino lascia dopo dieci anni la storica casa editrice "Éditions de Fallois" per crearne una sua.
GRIGIONI
11 ore
In casa anziani torna la vita
Allentate le regole concernenti le visite, revocate per gli ospiti vaccinati
BERNA
13 ore
Covid: il Nazionale chiede allentamenti immediati
La Camera del popolo ha adottato una dichiarazione che invoca più test e vaccinazioni e meno restrizioni.
SVIZZERA
13 ore
Una recluta su tre ha mancato il test d'entrata
Circa 5'000 giovani hanno trascorso le prime tre settimane di scuola reclute in homeworking.
SVIZZERA
14 ore
Camere federali: trasparenza in politica e pesticidi all'ordine del giorno
Il Consiglio degli Stati discute anche di promozione della costruzione di alloggi a pigione moderata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile