Depositphotos (archivio)
SVIZZERA
22.01.21 - 08:500
Aggiornamento : 11:20

Covid e mercato immobiliare, il rischio bolla si sgonfia

Nell'ultimo trimestre del 2020 l'indice RERI si è fissato a 3,5 punti

ZURIGO - Grazie al perdurare della forte domanda di alloggi in proprietà e alla fiducia nella ripresa economica scendono ulteriormente i rischi sul mercato immobiliare elvetico: lo segnala l'indice RERI di MoneyPark, che nel quarto trimestre 2020 si è attestato a 3,5 punti, 0,3 punti in meno che nei tre mesi precedenti. Si tratta della seconda flessione consecutiva dopo sei trimestri.

Il barometro si è indebolito dalla zona di rischio leggermente elevato a quella di rischio medio, spiegano in un comunicato odierno gli specialisti della società attiva nella consulenza e intermediazione ipotecaria. L'indicatore si trova tuttavia praticamente sulla soglia fra i due ambiti e l'ulteriore sviluppo è soggetto ad alcune incertezze, mettono in guardia gli esperti.

Analogamente a quanto avvenuto nel terzo trimestre, il calo dell'indice RERI (la sigla sta per Real Estate Risk Index) è da ricondurre principalmente alle prospettive notevolmente migliorate dell'economia svizzera d'esportazione e alla stabilità dei consumi interni. Il periodo di semi-confinamento avviato il 18 gennaio 2021 indebolirà però gravemente il segmento dei consumi e anche il settore industriale potrebbe risentire dell'impatto negativo della terza ondata del coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo.

Nel contempo il mercato elvetico delle abitazioni in proprietà approfitta del contesto di tassi d'interesse bassi e stabili e continua a poggiare su basi molto solide. L'importanza dell'alloggio è aumentata ulteriormente sulla scia della pandemia e si sta manifestando in una maggiore domanda di case proprie. D'altra parte l'offerta sul mercato è diminuita leggermente rispetto al 2019. Non ci sono state ondate di vendite dovute alla disoccupazione o a un calo dei redditi dei proprietari, né si vede qualcosa di simile all'orizzonte. I requisiti elevati imposti dalle banche a chi stipula un'ipoteca, soprattutto in relazione alla sostenibilità del mutuo, offrono una forte protezione, si dicono convinti gli analisti di MoneyPark.

L'impresa si aspetta che i prezzi delle abitazioni continuino a salire nei prossimi mesi. Soprattutto per le case unifamiliari in località periferiche si osserveranno probabilmente aumenti superiori alla media. Nelle città più grandi come Zurigo o Ginevra, invece, sono attesi prezzi che ristagnino o che scendano leggermente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
5 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
7 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
8 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
9 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
12 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
12 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
12 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
12 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
14 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
16 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile