Keystone
SVIZZERA / STATI UNITI
10.12.20 - 09:460
Aggiornamento : 14:22

Deprezzamento del franco: la Svizzera rischia di figurare tra i manipolatori di cambi

La mole di capitali impiegati dalla BNS nell'operazione supera di molto la soglia limite fissata dagli Stati Uniti.

BERNA / WASHINGTON - La Svizzera potrebbe presto figurare nell'elenco americano degli Stati che manipolano i cambi. Lo afferma l'agenzia Reuters, che si rifà a fonti informate anonime americane.

Secondo gli addetti ai lavori, il nostro Paese dovrebbe rientrare nei criteri per essere classificato da Washington come un manipolatore. Appare quindi probabile che la Svizzera compaia in un rapporto sul tema che dovrebbe essere pubblicato nelle prossime settimane dal Dipartimento del tesoro.

Contattata da Reuters, la Banca nazionale svizzera (BNS) non ha voluto esprimersi sul tema e nemmeno il Dipartimento americano del tesoro ha commentato le indiscrezioni. L'inserimento della Svizzera nell'elenco - diffuso a ritmo trimestrale - non ha un effetto diretto, ma serve come base al governo americano per orientale la sua politica commerciale internazionale e può costituire un avvertimento riguardo a possibili sanzioni e dazi doganali.

Come noto, quest'anno la BNS è intervenuta massicciamente sul mercato valutario per evitare un apprezzamento del franco, giudicato economicamente dannoso. «Un ulteriore rafforzamento del franco, la cui quotazione è già elevata, si sarebbe infatti tradotto in ulteriori difficoltà per la nostra economia», aveva detto il presidente della direzione Thomas Jordan in giugno. Il movimento al rialzo della moneta nazionale è una diretta conseguenza della crisi del coronavirus, che ha spinto gli investitori a fuggire dai mercati finanziari cercando beni rifugio.

Nei soli primi sei mesi dell'anno la BNS è intervenuta con 90 miliardi di franchi: un ammontare che è molto di più del 2% del prodotto interno lordo (in Svizzera: circa 700 miliardi), soglia oltre la quale gli Stati Uniti parlano di manipolazioni dei cambi. Con un'eccedenza delle importazioni bilaterali di oltre 20 miliardi di dollari e un surplus delle partite correnti di oltre il 2% la Svizzera soddisfa anche gli altri due criteri che stanno alla base dell'orientamento americano.

La Svizzera si è finora difesa sostenendo che gli interventi della banca centrale sul mercato dei cambi sono motivati esclusivamente dalla politica monetaria e che di conseguenza il Paese non mira a ottenere vantaggi commerciali. L'obiettivo - si argomenta a Berna - è quello di evitare le conseguenze negative, per la stabilità dei prezzi e per l'economia, causate da un franco sopravvalutato.

Occorre anche ricordare che da quasi sei anni la BNS tiene il suo tasso d'interesse di riferimento in territorio ampiamente negativo (-0,75%). L'istituto parla inoltre peraltro tuttora di «valutazione persistentemente elevata del franco».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
30 min
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
3 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
4 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
10 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
15 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
17 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
17 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
18 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
20 ore
Gli svizzeri sono d'accordo con le misure anti-coronavirus
È quanto emerge da un sondaggio. Oltre la metà degli intervistati si dice soddisfatta delle disposizioni
SVIZZERA
20 ore
Il settore degli eventi «con un piede nel baratro»
Soltanto nel 2020 sono stati cancellati oltre 17'000 progetti, con un calo del fatturato del 57%
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile