Keystone
SVIZZERA
03.12.20 - 09:400

Nestlé: 3,2 miliardi per ridurre l'impatto ambientale

Il presidente della direzione: «La lotta contro i cambiamenti climatici non può attendere».

VEVEY - Nestlé vuole investire nei prossimi anni 3,2 miliardi di franchi per ridurre il proprio impatto ambientale. Il colosso alimentare vodese intende raggiungere entro il 2050 l'obiettivo delle zero emissioni nette, tra l'altro con l'introduzione dell'agricoltura rigenerativa lungo l'intera catena di approvvigionamento.

Già entro il 2030 Nestlé vuole dimezzare le proprie emissioni di gas a effetto serra. Il gruppo ha pubblicato oggi per la prima volta un piano d'azione dettagliato. «La lotta contro i cambiamenti climatici non può attendere», afferma il presidente della direzione Mark Schneider nella nota.

Degli attesi 3,2 miliardi di franchi d'investimenti, circa 1,2 verranno consacrati all'introduzione della cosiddetta agricoltura rigenerativa, con cui vengono rigenerati il suolo e gli ecosistemi. Nestlé partecipa agli investimenti necessari dei contadini; al contempo aumenta le quantità acquistate e paga un prezzo superiore per i prodotti. Inoltre nel corso del prossimo decennio la multinazionale vuole piantare circa 20 milioni di alberi all'anno.

Quasi due terzi delle emissioni di Nestlé provengono dall'agricoltura, viene spiegato. «Pertanto è ovvio che l'agricoltura rigenerativa e la riforestazione rappresentano elementi centrali sulla nostra strada verso zero emissioni nette», afferma il direttore operativo Magdi Batato nel comunicato.

Nestlé vuole però risparmiare emissioni anche nella sua attività operativa: ad esempio in futuro verrà utilizzata solo elettricità generata da energie rinnovabili e saranno acquistati solo veicoli più ecologici. Il gruppo intende anche proporre più marchi "CO2 neutro" nel suo portafoglio di prodotti.

Il valore di riferimento per misurare i progressi sono le emissioni di gas a effetto serra di Nestlé del 2018, pari a 92 milioni di tonnellate. Gli investimenti pari a 3,2 miliardi di franchi saranno «finanziati primariamente tramite aumenti operativi e strutturali dell'efficienza, di modo che l'iniziativa non incida sulla redditività», viene spiegato nella nota.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
16 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
57 min
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
4 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
16 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
19 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile