Archivio Keystone
SVIZZERA / MONDO
18.11.20 - 11:190

Pandemia e povertà, la Svizzera stanzia 52 milioni per l'ONU

Il contributo aiuta a far fronte alle conseguenze sociali, economiche e politiche della pandemia

BERNA - Per la prima volta da decenni a causa della pandemia il numero di persone che vivono in estrema povertà ha subito un'impennata. Di fronte a questa situazione il Consiglio federale ha deciso oggi di stanziare un contributo di 52,7 milioni di franchi al Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (PNUS), che da anni opera in questo ambito.

Nonostante i progressi compiuti nell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030, circa 600 milioni di persone nel mondo vivono in condizioni particolarmente difficili, sottolinea il Governo in una nota odierna. La Banca Mondiale stima che fino a 115 milioni di persone potrebbero ricadere in condizioni di povertà estrema a causa del Covid-19, ed è la prima volta dal 1998 che si assiste a un aumento in questo ambito.

L'Onu ritiene che siano necessari 10,3 miliardi di dollari per far fronte alle esigenze umanitarie e alle conseguenze sociali, economiche e politiche che la pandemia causerà a lungo termine nei Paesi più poveri. Entro il 2030, l'80% delle persone più povere potrebbe vivere in contesti fragili o in regioni colpite da conflitti.

Il PNUS sostiene i Paesi in via di sviluppo nella lotta contro la povertà e nel superamento degli ostacoli strutturali al raggiungimento di uno sviluppo sostenibile, ad esempio promuovendo la prevenzione dei conflitti e rafforzando la governance democratica e le capacità di gestione delle crisi. Gli obiettivi perseguiti, ridurre le disuguaglianze, la povertà, i conflitti e altre minacce che hanno un impatto anche al di fuori dei Paesi in via di sviluppo, sono in linea con gli interessi elvetici, ricorda il Governo.

Il Programma assume un ruolo di primo piano anche nell'ambito della pandemia, perché analizza l'impatto socioeconomico su oltre 60 Paesi e coordina il sostegno socioeconomico dell'Onu a medio termine. Circa il dieci per cento dei contributi alle spese generali del PNUS è stato impiegato per gestire la pandemia.

Tra il 2018 e il 2019 ha inoltre migliorato l'accesso ai servizi di base per 48 milioni di persone, la metà delle quali sono donne, ricorda il Consiglio federale. In 28 Paesi colpiti dalla crisi ha creato posti di lavoro o migliorato i mezzi di sussistenza per cinque milioni di persone. Nel campo dello Stato di diritto, i suoi progetti hanno sostenuto i processi elettorali in 23 Paesi e contribuito a rendere possibile la registrazione di 28 milioni di nuovi elettori, di cui il 48 per cento sono donne.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Luna1970 5 mesi fa su tio
Chissà se poi i soldi donati verranno davvero spesi per i poveri. Non ho molto fiducia al riguardo...
streciadalbüter 5 mesi fa su tio
E dei overi svizzeri non glie ne frega proprio niente?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
1 ora
15enni su una moto rubata si scontrano con un'auto
I due adolescenti sono finiti in ospedale
FOTO
FRIBURGO
2 ore
Parcheggio sotterraneo distrutto da un incendio
Diversi veicoli sono stati distrutti nella notte
GRIGIONI
2 ore
Tragedia sul Piz Russein: due morti
Sono stati travolti da una valanga a lastroni, che li ha trascinati per quasi 1000 metri.
ZURIGO
13 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
17 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
19 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
21 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
22 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
22 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile