keystone
ZURIGO
22.10.20 - 19:530
Aggiornamento : 22:08

Swiss: il CEO non vede necessità di ulteriori crediti

Klühr ha dichiarato che entro fine anno avrà a disposizione ancora un miliardo di franchi.

La compagnia, inoltre, si impegna a rimborsare il prestito il più rapidamente possibile.

ZURIGO  - La compagnia aerea Swiss sta utilizzando secondo i piani il credito concessole per affrontare la crisi del coronavirus. «Entro la fine dell'anno avremo ancora a disposizione ben oltre un miliardo di franchi», ha dichiarato oggi il CEO Thomas Klühr in occasione di un convegno dell'istituto di ricerca economica KOF.

Klühr è convinto attualmente che la compagnia non avrà bisogno di ulteriori crediti. Al momento della richiesta di aiuti alla Confederazione, l'azienda aveva presentato un business plan. «Finora stiamo andando meglio di quanto avevamo illustrato in quello scenario», ha detto Klühr. Swiss si impegna a rimborsare il prestito il più rapidamente possibile.

Il CEO ha comunque sottolineato che l'evoluzione della pandemia è decisiva. Se in primavera e in estate, soprattutto per i voli a lungo raggio, non si torna al 50% dei livelli pre-crisi, sarà «difficile», ha precisato.

Complessivamente lo stato federale ha concesso a Swiss e alla sua controllata Edelweiss garanzie per 1,275 miliardi di franchi, affinché le due compagnie potessero sottoscrivere presso le banche crediti per un totale di 1,5 miliardi. Berna si è assunta quindi l'85% del rischio. L'intero capitale azionario di Swiss funge però a sua volta da garanzia: se il credito non verrà rimborsato Swiss passerebbe in mano alla Confederazione.

Swiss continua a patire perché la situazione è incerta a livello mondiale e molte destinazioni non possono essere servite, ha sottolineato Klühr.

Le restrizioni di viaggio non sono coordinate e non possono essere pianificate. Klühr ritiene pertanto che un test obbligatorio invece della quarantena per chi è stato in da paesi a rischio sarebbe molto più efficace per una ripresa del turismo. «Sarebbe anche più equo rispetto ad altri mezzi di trasporto». Quando si viaggia in aereo, è facile sapere da dove proviene una persona, mentre è molto più difficile se giunge in Svizzera in treno o in auto.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
9 ore
«Non posso lasciare morire mio figlio»
Danyar ha una rara malattia ereditaria. I medici gli hanno dato tre anni di vita. Ma c'è una possibilità di salvezza.
SVIZZERA
10 ore
La "puntura svizzera" ci guarirà dal Covid?
Il trattamento made in Switzerland finanziato da Novartis: al via la fase di test clinici
VALLESE
14 ore
Incidente aereo: «È stato impressionante»
Tragedia sfiorata oggi pomeriggio in Vallese. E le foto sono a dir poco suggestive
SVIZZERA
15 ore
Il virus rende difficili le vacanze invernali
Il settore turistico elvetico è confrontata con un calo delle prenotazioni: -19% a Natale e -18% a febbraio
SVIZZERA / MONDO
16 ore
Ne uccide di più la sigaretta che il virus
Lo rivela la Lega Polmonare Ticinese nel mese della prevenzione e della promozione della salute polmonare.
ZURIGO
16 ore
Incriminato per un delitto di 23 anni fa
Già in prigione per una brutale rapina, l'uomo dovrà rispondere dell'uccisione di una 87enne a Küsnacht.
FRIBURGO
17 ore
«I residenti sono sempre più depressi e si lasciano morire»
Il grido d'allarme è stato lanciato dalle EMS del canton Friburgo.
ZURIGO
17 ore
A incendiare la chiesa è stato un 15enne
Il minore è stato arrestato. Danni per decine di migliaia di franchi
SVIZZERA
17 ore
Berset ricattato, inchiesta sull'Mpc
L'autorità di vigilanza vuole capire se la Procura federale ha agito correttamente
SVIZZERA
18 ore
Il Covid-19 rallenta pure l'HIV
Con la chiusura di club e bar, ad esempio, le persone hanno avuto meno possibilità di incontrarsi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile