KEYSTONE
L'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica non può assolutamente vivere un lockdown: lo sostiene l'associazione padronale di categoria Swissmem.
SVIZZERA
16.10.20 - 12:340

Lockdown all'orizzonte? Swissmem: «Assicurateci che per noi non varrà»

L'associazione padronale di categoria chiede che sia ampliata la strategia di test

ZURIGO - L'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica non può assolutamente vivere un lockdown: lo sostiene l'associazione padronale di categoria Swissmem, che chiede a Confederazione e cantoni di assicurare che non sarà interessata da un eventuale confinamento. Da parte loro le aziende promettono di continuare a seguire in modo rigido le regole sanitarie e invitano anche il loro personale ad agire con responsabilità, evitando il contagio pure nella vita privata, pena conseguenze sul piano occupazionale.

Sulla scia della pandemia del coronavirus l'industria ha dovuto far fronte, soprattutto nel secondo trimestre, a un forte calo degli ordinativi e del fatturato, ricorda Swissmem in un comunicato odierno. La ripresa è spesso lenta e mette a rischio numerosi posti di lavoro. In molte situazioni nuove restrizioni all'attività commerciale sarebbero perciò quasi impossibili da affrontare.

Il fatto che ora si continui a parlare pubblicamente di confinamento è frustrante per le imprese e per i loro salariati, sostiene l'organismo. Fin dall'inizio esse hanno infatti sempre rispettato le disposizioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) in materia d'igiene e di distanza: lo confermano numerose ispezioni da parte delle autorità. Di conseguenza, le aziende del ramo MEM non sono mai state focolai di diffusione del virus. Le ditte e il personale meritano un grande ringraziamento per questo, afferma Swissmem.

Questa esperienza è alla base della richiesta dell'associazione di non costringere in futuro il settore a un blocco dell'attività. È necessario un impegno pubblico da parte di Confederazione e cantoni che garantisca l'esenzione dell'industria MEM da un eventuale lockdown. Un tale impegno garantirebbe la sicurezza della pianificazione per le aziende, nonché la certezza - per i clienti e i fornitori - che non si verificheranno interruzioni nei rapporti d'affari. Questo attenuerebbe la pressione sulle società e sui posti di lavoro.

Dal punto di vista di Swissmem, a parte seguire le regole d'igiene, scaricare l'applicazione Covid e usare le mascherine, va anche ampliata la strategia di test. Il maggior numero possibile di test rapidi deve essere messo a disposizione dei dipendenti e di chi viaggia per affari. Con questa sicurezza, le restrizioni di movimento e le regole di quarantena potranno essere allentate: entrambi questi fattori sono ostacoli che impediscono enormemente l'acquisizione di ordini e causano costi elevati, anche quando poi non si registra alcuna infezione, viene fatto notare.

Attualmente, la maggior parte dei contagi avviene nella vita privata, ricorda Swissmem. È quindi responsabilità personale di tutti gli abitanti della Svizzera esercitare la necessaria cautela in tale ambito. Le regole di distanza e d'igiene devono essere mantenute anche in questo contesto, sebbene sia comprensibilmente difficile farlo. Se si verificasse un altro confinamento sarebbero inevitabili ulteriori perdite di posti di lavoro, mette in guardia l'organismo padronale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
2 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ITALIA / SVIZZERA
2 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
3 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
GINEVRA 
4 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
5 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
SVIZZERA
5 ore
«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»
Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia
SVIZZERA
5 ore
Meno di 2'000 contagi in 24 ore: sono 1'884
Era da inizio ottobre (weekend e festivi esclusi) che non si registravano così pochi casi in un giorno.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
SVIZZERA
9 ore
Il turismo contro il divieto: «Sarebbe dannoso»
L'industria svizzera del turismo è preoccupata di un'eventuale approvazione dell'iniziativa il prossimo 7 marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile