Keystone
SVIZZERA
12.10.20 - 09:180

L'economia è in ripresa: Seco più ottimista su PIL e disoccupazione

L'impatto del coronavirus sull'attività economica elvetica si sta rivelando meno forte del previsto

Niente più -6,2%: il Pil calerà del 3,8% secondo la Segreteria di Stato dell'Economia. Per la disoccupazione è ora atteso un tasso del 3,2%, e non più del 3,8%

BERNA - La recessione del 2020 sarà meno forte di quanto inizialmente temuto: stando alle stime della Segreteria di Stato dell'economia (Seco) il prodotto interno lordo scenderà quest'anno del -3,8% rispetto al 2019. Il dato è migliore del -6,2% pronosticato in giugno. Anche per quanto riguarda la disoccupazione la previsione è meno negativa: è atteso un tasso del 3,2%, a fronte del 3,8% presunto tre mesi or sono e del 2,3% registrato l'anno scorso.

La ripresa cominciata a fine aprile sulla scia dell'allentamento delle misure di politica sanitaria anti-coronavirus ha superato le aspettative, spiega la Seco in un comunicato odierno. L'andamento del primo semestre è risultato meno negativo di quanto ipotizzato a inizio estate.

Il rilancio è ripreso anche nel terzo trimestre, sebbene abbia interessato maggiormente alcuni rami economici rispetto ad altri, più dipendenti dalla congiuntura internazionale. Secondo la Seco quindi la ripresa è incompleta: nella maggior parte dei settori i livelli dell'anno precedente non sono stati raggiunti. A fine settembre erano disoccupate quasi 50'000 persone in più rispetto a dodici mesi prima.

La prevista riduzione del Pil del -3,8% - il dato è identico anche al netto dei grandi eventi sportivi, che incidono sensibilmente perché in Svizzera hanno sede le ricchissime federazioni internazionali - rimane peraltro la più forte dal 1975, anche se appare meno grave di quanto apparisse mesi or sono.

Nel 2021 vi sarà un effetto di rimbalzo: il Pil aumenterà rispettivamente del +4,2% e del +3,8% (con e senza effetti degli eventi sportivi). Tre mesi or sono le previsioni erano del +5,3 e del +4,9. Va notato peraltro che la Seco aveva già provveduto a un ritocco delle sue stime all'inizio di settembre, parlando di una contrazione del Pil di "circa il 5%" per il 2020.

Tornando all'analisi attuale, gli esperti della Confederazione si aspettano che verso la fine dell'anno prossimo l'attività economica elvetica ritorni al livello precedente la crisi. La spesa per i consumi e gli investimenti dovrebbe quindi progressivamente aumentare, nonostante le perdite di reddito e il permanere di una grande incertezza generale. Lo scenario si basa peraltro sul presupposto che né la Svizzera, né i suoi principali partner commerciali instaurino un nuovo confinamento su larga scala.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, la situazione dovrebbe migliorare, ma solo lentamente: si prevede infatti che nel 2021 la disoccupazione arriverà a una media annua del 3,4% (previsione di giugno: 4,1%), mentre l'aumento dell'occupazione sarà piuttosto contenuto.

Nel 2021 la situazione internazionale sarà probabilmente caratterizzata da una certa eterogeneità: i Paesi del Sud Europa, improntati al turismo, subiranno in modo particolare le conseguenze del Covid-19. Altre nazioni, tra cui gli Stati Uniti e la Germania, dovrebbero invece riprendersi più in fretta. Nel complesso, l'economia globale tornerà ai livelli pre-crisi a passi piuttosto lenti, il che andrà a scapito soprattutto dei comparti dell'industria svizzera di esportazione più sensibili alle variazioni congiunturali.

Le incertezze sono peraltro elevate. Una possibilità è che la situazione migliori improvvisamente, ad esempio in seguito all'omologazione di vaccini, ciò che potrebbe portare a un ripresa congiunturale molto più rapida. C'è però anche la possibilità che il recupero venga interrotto da un nuovo blocco delle attività o dalla chiusura dei confini, tanto in Svizzera quanto all'estero: in questo caso crescerebbe notevolmente la probabilità di un taglio consistente dei posti di lavoro e di insolvenze aziendali su grande scala. Aumenterebbero anche rischi connessi all'ulteriore indebitamento di stati e aziende. Sussistono peraltro anche altre difficoltà, al di fuori dalla pandemia: per citare qualche esempio, conflitti commerciali, Brexit, turbolenze su mercati finanziari, apprezzamento del franco e correzioni sul mercato immobiliare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
48 sec
In Svizzera i single fanno il 36% delle economie domestiche
È quanto si evince dai dati dell'Ufficio federale di statistica. Dal 1970, il numero è triplicato
SVIZZERA
38 min
Il sangue c'è, nonostante la pandemia
Positivo il bilancio 2020 di Trasfusione CRS Svizzera. Ma i donatori erano limitati nella loro mobilità
ZUGO
59 min
Test salivari obbligatori nelle scuole secondarie
Allievi e docenti di medie e licei dovranno sottoporsi al test due volte alla settimana.
BERNA 
2 ore
Nominata la nuova segretaria di Stato della migrazione
Si tratta di Christine Schraner Burgener, attuale inviata speciale dell'Onu per il Myanmar.
BERNA
16 ore
Riaperture, ecco ciò che devi sapere
Il Consiglio federale ha deciso una riapertura graduale. Ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto.
SVIZZERA
17 ore
«Decisione incomprensibile e ingiustificabile»
«Il mancato allenamento sarà fatale alla ristorazione», tuona il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer.
SVIZZERA/CINA
18 ore
Credit Suisse e UBS stanno spostando i loro banchieri da Hong Kong alla Cina
Si tratta di una strategia ben precisa che potrebbe nascondere una perdita di appeal del polo asiatico
SVIZZERA
18 ore
Aperture prudenti: UDC e PLR delusi, gli altri partiti no
Marco Chiesa parla di «affronto» verso i Cantoni e le commissioni parlamentari. Scelta «incomprensibile» per il PLR.
SVIZZERA
18 ore
Mezza Italia sulla lista nera di Berna
L'Ufsp ha aggiornato l'elenco dei Paesi e delle regioni per cui dal prossimo otto marzo varrà l'obbligo di quarantena.
ARGOVIA
20 ore
I vaccinati nel mirino dei truffatori
Nel Canton Argovia ignoti hanno contattato persone vaccinate chiedendo loro una donazione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile