Depositphotos (voronin-76)
SVIZZERA
04.09.20 - 10:100
Aggiornamento : 14:40

Gli anziani svizzeri sono sempre più connessi

Lo conferma un rapporto di Pro Senectute con un (quasi) raddoppio dei senior che utilizzano il web regolarmente

Il digital divide, invece, si è alzato e ora "taglia fuori" gli ultraottantenni

BERNA - Gli anziani utilizzano sempre più spesso le nuove tecnologie. La percentuale dei neo pensionati che utilizza internet "in mobilità" è ad esempio pressoché identica a quella osservata tra la popolazione in età lavorativa. Lo indica lo studio "Digital Seniors 2020" di Pro Senectute Svizzera pubblicato oggi.

Nel giro di un decennio la quota degli over 65 in grado di utilizzare internet è quasi raddoppiata, passando dal 38 al 74%. L'uso di internet "in mobilità" (ovvero su dispositivi portatili come gli smartphone, ndr.) è più che duplicato dal 2015 (31%) a oggi (68%), indica Pro Senectute in una nota nella quale viene precisato che i dati sono stati raccolti prima della pandemia di coronavirus.

Il 69% degli anziani intervistati ha dichiarato di utilizzare uno smartphone; di questi, l'81% lo fa quotidianamente. Nonostante quest'evoluzione, le principali fonti d'informazioni per la generazione degli over 65 rimangono la televisione (93%) e la radio (89%).

Il cosiddetto "divario digitale" fra giovani e anziani, spiega Pro Senectute, non è tuttavia scomparso: si sta spostando e si apre ora in una fascia d'età più alta, posizionandosi verso gli ottantenni.

Mentre nella fascia dai 65 ai 69 anni la quota degli utilizzatori di internet è pari al 95%, in quella dagli 80 agli 84 anni essa scende al 54% e fra gli over 85 cala ulteriormente al 35%. Gli anziani "off-line" sono stimati attualmente a 400'000. Nel 2010 erano più di 820'000.

Nel tempo è cambiato anche l'utilizzo: se cinque anni fa gli anziani utilizzavano internet principalmente per spedire e-mail e consultare gli orari dei trasporti pubblici, oggi l'attenzione è rivolta alla messaggistica istantanea e, sempre di più, alle app per la salute, così come ai braccialetti fitness.

Alain Huber, direttore di Pro Senectute Svizzera, citato nella nota, ha evidenziato come la pandemia di coronavirus ha ancora accentuato questa evoluzione: molte famiglie hanno insegnato ai nonni a utilizzare app quali Facetime, Zoom o WhatsApp per rimanere in contatto visivo con loro anche in situazioni di distanziamento fisico forzato. Lo studio ha anche permesso di evidenziare che gli anziani, grazie a Internet, si sentono più autonomi e indipendenti.

Lo studio "Digital Seniors 2020" è stato condotto dal Centro di gerontologia dell'Università di Zurigo su incarico di Pro Senectute Svizzera. Sono state interrogare, via posta o telefono, 1149 pensionati in tutta la Svizzera in agosto e settembre 2019.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Abuso di crediti Covid: oltre un miliardo sotto la lente
Il Controllo federale delle finanze ha trasmesso alla SECO 4'646 garanzie per ulteriori approfondimenti
ZURIGO
7 ore
Super ricchi: immutata la classifica dei top 3 svizzeri
In testa sempre la famiglia erede del gruppo Roche.
SVIZZERA
7 ore
Il vaccino? «Dapprima alle coppie “internazionali”»
La proposta: le persone non sposate con una relazione a distanza dovrebbero avere un accesso prioritario al vaccino
SVIZZERA
8 ore
La Svizzera è sempre più l'Eldorado ferroviario d'Europa
In media, ogni anno, prendiamo 74 volte il treno percorrendo 2'505 chilometri.
SVIZZERA
10 ore
«In Svizzera si potrà andare a sciare»
Lo assicura il consigliere federale Alain Berset durante un odierno incontro coi media
FOTO
ZURIGO
10 ore
Zurigo ricorda il suo Köbi con una targa
Nel primo anniversario della sua morte, la Città ha posto la placca commemorativa sulla casa in cui è cresciuto.
SVIZZERA
10 ore
Un'app impedisce ai minori di acquistare alcol
Si chiama Jack ID-Scan e permette di determinare velocemente l'età dell'acquirente
SVIZZERA
11 ore
Che batosta per la Posta
Il Covid ha affossato i ricavi nei primi tre trimestri. Ma si vede una luce in fondo al tunnel
BERNA
11 ore
Polemiche su come la Procura federale ha gestito il dossier della 28enne
Fra chi pensa che ci siano stati errori e leggerezza e chi è convinto che abbia agito correttamente, la politica divisa
SVIZZERA
13 ore
Covid, in Svizzera altri 4'509 casi e 79 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 28'740 test, con un tasso di positività del 15,7%
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile