Depositphotos (VitalikRadko)
La crisi del coronavirus e lo spostamento delle preferenze della popolazione dai trasporti pubblici verso mezzi individuali stanno facendo la fortuna dei rivenditori di biciclette.
SVIZZERA
03.07.20 - 16:090

Schizzano le vendite di biciclette: la domanda è stata «forte e inaspettata»

Le persone le usano non solo per divertimento, ma anche per gli spostamenti di lavoro

ZURIGO - La crisi del coronavirus e lo spostamento delle preferenze della popolazione dai trasporti pubblici verso mezzi individuali stanno facendo la fortuna dei rivenditori di biciclette. Da quando i negozi hanno riaperto, tale commercio ha registrato un'esplosione delle vendite.

«A maggio le cifre sono state tre volte superiori a quelle dell'anno precedente», rivela all'agenzia AWP Martin Platter di Velosuisse. L'elevata domanda sta addirittura causando una carenza di alcuni articoli. «Mountain bike, bici per bambini e city bike sono particolarmente richieste», aggiunge l'esperto.

La stessa tendenza si nota per le biciclette elettriche, ma i consumatori non disdegnano nemmeno modelli dell'anno scorso o usati. Stando a Platter «la maggior parte dei produttori ha ora termini di consegna che vanno dalle tre alle otto settimane».

Daniel Schärer, portavoce dell'associazione di categoria 2ruote Svizzera, evidenzia come il blocco della produzione in alcuni Paesi chiave può comportare lacune nelle forniture. A livello di pezzi di ricambio la situazione è ancora buona, ma in alcuni singoli casi ci possono essere colli di bottiglia o periodi di attesa, precisa Platter. In ogni caso, fa notare, la forza lavoro nelle fabbriche e nelle officine non può venire «aumentata a piacimento», in quanto permangono le regole igieniche e di distanziamento sociale.

Secondo Schärer «c'è stata una domanda forte e inaspettata per tutti i veicoli a due ruote». Anche se il settore vive sempre la sua stagione di punta fra aprile e giugno, si può dunque parlare «di un vero e proprio boom». «La gente ha bisogno della bicicletta per il suo tempo libero, ma anche per i tragitti verso il lavoro», mette in risalto lo stesso Schärer.

Questo boom si poteva già intuire in aprile, dato che molti chiedevano pneumatici o riparazioni di vecchie forcelle. Ciò dimostra che in tanti stavano già sistemando i vecchi rampichini, afferma Platter. La fine del momento magico non è dietro l'angolo: «Il mercato è lontano dalla saturazione e l'introduzione dell'obbligo di mascherine su treni e bus può dare un ulteriore impulso».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Duca72 1 mese fa su tio
Pirati che diminuiscono inquinamento, traffico e fanno esercizio fisico . Pirati che rischiano la vita a causa di mancanza di piste ciclabili e per causa di automobilisti frettolosi. Io li chiamerei eroi !
seo56 1 mese fa su tio
I veri pirati della strada
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
1 ora
Il prossimo 27 settembre si va alle urne: e voi come voterete?
Aerei da combattimento, immigrazione e congedo di paternità: qual è la vostra opinione? Partecipate al sondaggio Tamedia
FOCUS
8 ore
I 60 giorni più difficili di Daniel Koch
Per due mesi ha avuto i riflettori puntati addosso. È stata la voce più ascoltata durante il Covid.
LUCERNA
10 ore
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
11 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
13 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
LIBANO / SVIZZERA
15 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
16 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
16 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
19 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile