Keystone (archivio)
SVIZZERA
05.06.20 - 20:270

Crediti e ipoteche a PostFinance: la decisione non piace a tutti

Il mondo bancario è diviso, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri e i sindacati sono decisamente contrari.

BERNA - La decisione di permettere a PostFinance di concedere crediti e ipoteche sta suscitando reazioni contrastanti. Il mondo bancario ha accolto la decisione in modo differenziato, mentre l'Unione svizzera arti e mestieri è decisamente contraria.

In una prima reazione a caldo, l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) dice di voler «esaminare la revisione di legge in dettaglio con i suoi membri e commentarlo nella procedura di consultazione».

Più positiva la reazione del Gruppo Raiffeisen: il terzo gruppo bancario elvetico ritiene che i clienti del mercato creditizio e ipotecario potranno beneficiare della «forte concorrenza di numerosi fornitori e di una più ampia gamma di prodotti».

L'Unione delle Banche Cantonali Svizzere ha una posizione più netta e «respinge la proposta del Consiglio federale». Nel settore del credito e delle ipoteche prevale un mercato ben funzionante con un'intensa concorrenza tra numerosi fornitori locali, nazionali e internazionali. Un nuovo concorrente rischia di indebolire le banche regionali e la stabilità della piazza finanziarie.

Un forte rifiuto arriva anche dall'Unione svizzera arti e mestieri (USAM), che in una nota parla di una «decisione sbagliata. Trasformare Postfinance in banca è un'enorme ipoteca a spese del contribuente».

Contrari anche i sindacati: l'Unione sindacale svizzera (USS) accoglie con favore la fine del divieto di concedere prestiti e ipoteche per Postfinance. L'USS esprime tuttavia dubbi sulla possibilità che un nuovo concorrente che arriva in ritardo su un mercato altamente competitivo possa generare margini di profitto.

Per Syndicom, è «incomprensibile» collegare l'accesso al mercato ipotecario e creditizio con una parziale privatizzazione della Posta. La parziale privatizzazione «indebolisce il servizio pubblico ed è contraria all'obiettivo dell'apertura annunciata», scrive in una nota il sindacato dei media e della comunicazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
gigipippa 10 mesi fa su tio
Già malgrado una posizione di privilegio non riescono più a far bene il loro lavoro, cosi potranno colmare le future perdite prestando alla gente, denaro a spese della gente che è capace di risparmiare. Io ho già chiuso il mio conto presso la posta
Libero pensatore 10 mesi fa su tio
Già oggi postfinance vende ipoteche, solo che usa i soldi di una banca partner (non ricordo quale). Non penso che l’entrata sul mercato cambierà qualcosa a livello di concorrenza. I tassi sono comunque bassissimi, solo che ne possono approfittare solo persone che sono già benestanti. Ottenere un’ipoteca non è evidente, per potersi permettere un debito di 500k bisogna guadagnare almeno 110-115’000 chf lordi e non avere altri debiti. In Ticino il salario mediano è di circa 5’000 chf al mese e oggi con 600’000 chf ti puoi comprare al massimo un appestamento da 3.5 locali.
francox 10 mesi fa su tio
Piacerà di sicuro ad azionisti e manager. Swisscom insegna.
Arrosto72 10 mesi fa su tio
Sbagliatissimo, andiamo nella direzione opposta a ciò che serve alla gente. Privatizzare = perseguire il guadagno a tutti i costi (sociali inclusi). Un servizio pubblico non può essere privatizzato e che la posta faccia quello che deve fare, invece di giocare a fare la banca.
Thor61 10 mesi fa su tio
@Arrosto72 La posta gioca a fare la banca perchè usa il denaro pubblico per finanziarsi e che anche in caso di perdite queste verranno toppate sempre con denaro PUBBLICO, tutte le ex regie federali. posta compresa di privato non hanno NULLA.
tip75 10 mesi fa su tio
si sono dimenticati come e’ successo che falli l islanda e tutto ciò che ne è seguito. privatizzare privatizzare e’ vergognoso, l uomo ha la memoria corta gli si appanna con i soldi...un po’ come tenere le distanze a causa della pandemia, passato un mese già dimenticato quanto successo
francox 10 mesi fa su tio
@tip75 Non penso si siano dimenticati dell'Islanda, piuttosto si ricordano che a pagare è stata la gente mentre i capi aziende e gli azionisti si sono fatti le pa..le d'oro. Esattamente come Swissair.
Corri 10 mesi fa su tio
Almeno rimane un concorrente Svizzero. Concretamente le banche hanno paura del colosso giallo, perché magari con tutti i suoi clienti forse si abbasseranno i prezzi sul mercato.
Thor61 10 mesi fa su tio
@Corri NO, il motivo vero è che loro sanno che la posta usa il denaro pubblico per finanziarsi e che anche in caso di perdite queste verranno toppate sempre con denaro PUBBLICO, questi della posta di privato non hanno nemmeno le unghie.
Heinz 10 mesi fa su tio
@Corri Concorrenza tra banche in Svizzera a favore del cliente??? Mai vista!
francox 10 mesi fa su tio
Nella mia ignoranza non lo trovo giusto. Domani secco il mio conticino.
sedelin 10 mesi fa su tio
@francox me too
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Roche: i test fai da te sono già esauriti
Tuttavia, da settimana prossima le consegne dovrebbero riprendere a pieno ritmo
URI
9 ore
In circa 500 alla manifestazione annullata
Un gruppetto di irriducibili è stato accerchiato e si è dovuto far ricorso a gas lacrimogeni.
BASILEA 
11 ore
La polizia insegue i delinquenti, ferita una ciclista
Fuga rocambolesca nel centro di Basilea. Diverse le infrazioni commesse.
SVIZZERA
12 ore
Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»
Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.
FOTO
URI
13 ore
Manifestazione annullata, ma la polizia sorveglia e controlla
Si sarebbe dovuta tenere oggi una manifestazione contro le norme anti-covid. Che però non è stata autorizzata.
SAN GALLO 
13 ore
Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni
Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni
SONDAGGIO
ZURIGO
14 ore
Gruppi a rischio: «Uno dietro l'altro a chiedermi il certificato»
Sebbene non appartengano ai gruppo a rischio, riescono a ottenere il "pass" per vaccinarsi.
VALLESE
15 ore
Dramma in alta montagna, morte due persone
Un'aspirante guida e il suo cliente stavano scalando il Finsteraarhorn, nella valle di Fiesch.
SVIZZERA
17 ore
La prima ondata è costata 160 milioni alle case anziani
Alcuni cantoni stanno preparando un piano di sostegno, altri no.
SVIZZERA
19 ore
«Il centro asilanti ci tratta come degli animali»
Sono tre i tentati suicidi registrati negli ultimi otto mesi nella struttura sangallese Sonneblick
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile