Archivio Keystone
Terreni predisposti alla coltivazione in Indonesia.
SVIZZERA
02.06.20 - 10:220

"Stop all'olio di palma", raccolte 56'000 firme

Il referendum mira a interrompere l'accordo di libero scambio con l'Indonesia

BERNA - I promotori del referendum "Stop all'olio di palma" hanno annunciato la raccolta con successo di 56'000 firme, e mirano a raccoglierne altre 3'000 entro l'8 giugno.

Il referendum è diretto contro l'accordo di libero scambio tra Svizzera e Indonesia, sul quale la popolazione elvetica deve ancora votare. Per un referendum, lo ricordiamo, sono necessarie 50'000 firme.

Il Parlamento aveva approvato l'accordo di libero scambio a dicembre, e per i sostenitori dell'accordo, l'Indonesia è un partner commerciale potenzialmente importante.

Uniterre, il sindacato dei contadini che ha lanciato il referendum insieme al viticoltore Willy Cretigny, ha espresso la propria soddisfazione in un comunicato odierno. Secondo il gruppo, le ultime settimane hanno dimostrato che l'Indonesia non è disposta a mettere in pratica degli standard ecologici e sociali per evitare la distruzione delle foreste.

Oltre ai motivi legati alla sostenibilità, gli agricoltori temono che il business dell'olio di colza e di girasole potrebbe essere messo sotto pressione a causa dell'accordo legato all'olio di palma. Per questo motivo, il Consiglio federale ha negoziato delle quote limite per l'olio di palma, che saranno aumentate nell'arco di diversi anni. Le specifiche di importazione hanno inoltre lo scopo di garantire la tracciabilità, fino al produttore.

Tuttavia, per Uniterre questo non è sufficiente. L'olio di palma è più economico dell'olio di colza e di girasole, e l'accordo aumenterebbe la pressione sulla produzione interna. 

Nell'interesse delle società - In ogni caso, il comitato referendario sta mettendo in discussione anche il concetto di libero scambio. Secondo loro, nella maggior parte dei Paesi, il libero scambio non ha aumentato né la prosperità né la qualità della vita e serve solo gli interessi economici delle multinazionali.

In considerazione anche del surriscaldamento globale, il libero scambio deve essere abbandonato e sostituito con una politica commerciale che favorisca i prodotti locali. Una politica protezionistica è il modo migliore di procedere.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Il vero Andrés Bignasca 1 mese fa su tio
Tazmaniac ha ragione! Sfruttiamo le colonie, già che ce le abbiamo!!!
tazmaniac 1 mese fa su tio
@Il vero Andrés Bignasca ;o)
tazmaniac 1 mese fa su tio
@Il vero Andrés Bignasca dimenticavo...per la nutella, questo e altro! ;o) Non posso farci niente, sono nutellomane, e un nutellomane, per il suo vizio farebbe di tutto.
tazmaniac 1 mese fa su tio
gli agricoltori temono che il business dell'olio di colza e di girasole potrebbe essere messo sotto pressione a causa dell'accordo legato all'olio di palma. Ecco la verità, il resto sono solo scuse per raccogliere le firme. L'olio di palma in Asia cresce come l'edera qui da noi. Gli sfruttamenti delle multinazionali a livello lavorativo, sono un altro discorso e non riguardano solo l'olio di palma.
tazmaniac 1 mese fa su tio
Sosteniamo la NUTELLAAA!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 min
Anche oggi più di 100 nuovi casi
Negli ultimi tre giorni i nuovi contagi sono sempre stati più di 100: ieri 116, mercoledì 137.
VAUD / LUCERNA
44 min
Brasiliano ucciso a Hohenrain, respinti tutti i ricorsi
Confermata la pena al principale aguzzino e ai suoi complici.
VALLESE
57 min
Collisione fra due treni a Oberwald, alcuni feriti
Un convoglio merci è entrato in collisione con il fianco destro di un treno regionale.
SVIZZERA
1 ora
Turismo pronto al test estivo, ma il Röstigraben blocca i romandi
Se gli svizzerotedeschi si spostano volentieri nelle altre regioni, lo stesso non si può dire dei "cugini" francofoni.
ZURIGO
3 ore
Kuoni, cambio di prenotazione ai turisti toccati dalla quarantena
Chi ha prenotato per destinazioni considerate a rischio potrà annullare il viaggio.
LUCERNA
4 ore
Lucerna sott'acqua, 620 richieste di aiuto
Il fango arrivava fino alle ginocchia. Scantinati allagati. 800 pompieri in azione
ZURIGO
4 ore
Stadler consegna quattro tram supplementari in Ungheria
I nuovi treni circoleranno tra le città magiare di Szeged e Hódmezovásárhely.
SVIZZERA
12 ore
Sarà un'ecatombe di locali notturni?
Visto i casi di Zurigo, Argovia e Ticino in molti li vorrebbero chiusi, ma spesso non è così semplice
ZURIGO
13 ore
Così 1'000 franchi diventano 35'335
Vale davvero la pena investire in azioni svizzere? Uno studio sostiene di sì e spiega come farlo.
FOTO
LUCERNA
14 ore
Nubifragio violentissimo, e Lucerna finisce sott'acqua
Diversi danni e gravi disagi nella città e anche nei comuni circostanti, gli abitanti: «Mai visto niente di così estremo»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile