ARCHIVIO KEYSTONE
Il pessimismo regna in quasi tutti i settori dell'economia svizzera.
SVIZZERA
05.05.20 - 17:330

Le aziende non riescono a essere ottimiste, in questo momento

Secondo il sondaggio del KOF le prospettive sono peggiori rispetto alla crisi del 2008/09

ZURIGO - A causa dell'epidemia di coronavirus le aziende svizzere giudicano molto negativa la loro situazione attuale e sono anche parecchio pessimiste per il futuro.

È quanto emerge dall'ultimo sondaggio del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF). Le imprese reputano la situazione degli affari in maniera ancor più negativa che durante la crisi finanziaria del 2008/09. Il relativo indicatore è crollato in aprile a -17,0 punti, dopo +19,1 punti in marzo.

«Il coronavirus ha catapultato l'economia fuori dalla sua orbita congiunturale», ha dichiarato in videoconferenza stampa l'economista del KOF Klaus Abberger. «L'economia ha frenato a fondo». Al contempo l'esperto ha sottolineato che l'emergenza della Covid-19 ha colpito, in tutti i settori, soprattutto per quanto riguarda la domanda, mentre la maggior parte delle ditte è confrontata solo a pochi problemi sul fronte del rifornimento.

Questo fenomeno e le misure adottate per lottare contro l'epidemia hanno lasciato tracce in tutti i settori. Stando a un comunicato del KOF ve ne sono però alcuni - quali l'industria di trasformazione e in parte anche la costruzione - in cui l'elevato livello delle commesse in portafoglio nei primi mesi dell'anno ha un po' attenuato il crollo a partire da marzo. Tuttavia l'entrata di ordinativi dovrebbe ormai risultare debole.

Guardando al futuro le imprese sono quindi ancora più pessimiste che ai tempi della crisi finanziaria. Le aspettative nel commercio al dettaglio e anche nel settore alberghiero e della ristorazione sono ovvie: in entrambi i settori il giudizio sulla situazione attuale degli affari ha subito un tracollo, ha aggiunto Abberger. Hotel e gastronomia sono stati travolti in pieno dall'epidemia. Ma anche il commercio al dettaglio si è fermato in molti rami a causa delle misure per contenere la diffusione della Covid-19. Il relativo indicatore è così sceso al livello più basso da 15 anni. Una cosa che però sorprende un po' l'esperto sono le attese per la futura evoluzione dei prezzi, che sono piuttosto stabili. «Ciò potrebbe significare che i dettaglianti non prevedono di tornare sul mercato conducendo una guerra dei prezzi».

Abberger conta tra i grandi perdenti anche il settore degli altri servizi. La situazione degli affari è nettamente peggiore che durante la crisi di oltre dieci anni fa e le aziende di molti rami del settore - trasporti, informazione, comunicazione, servizi economici e personali - si aspettano una contrazione della domanda molto più marcata di allora.

Le banche dal canto loro sono confrontate a una calo della domanda di crediti da parte della clientela privata, ma a un aumento da parte di quella aziendale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE / CONFINE
1 ora
La preoccupazione affolla anche i treni dei frontalieri
Il caso segnalato riguarda i collegamenti regionali tra Domodossola e il Vallese
SVIZZERA
5 ore
Covid, nuovi giri di vite in diversi cantoni
Raduni ridotti a Soletta. Mascherine per i docenti a Berna per gli allievi delle medie in Vallese
BERNA
7 ore
Covid, Swiss Olympic: «Servono misure uniformi per lo sport»
In alcuni cantoni gli allenamenti e le gare si svolgono ancora, mentre altrove gli impianti sportivi sono già chiusi.
SVIZZERA
9 ore
Un utile da 15 miliardi per la Banca nazionale svizzera
L'istituto centrale ha approfittato della relativa quiete estiva per riprendersi dagli effetti del confinamento
BERNA
9 ore
Pandemia e anziani: «Scaricate SwissCovid»
L'invito del Consiglio Svizzero degli Anziani: «È essenziale essere registrati»
SVIZZERA
10 ore
«I numeri peggiorano di giorno in giorno»
Il Consigliere federale promette nuove misure: «Potrebbero restare a lungo, dobbiamo valutarle attentamente».
BERNA
10 ore
Bambino piccolo travolto e ucciso da un treno
Il bimbo era finito sulle rotaie a Münsingen ed è morto sul posto in seguito alle ferite riportate
SVIZZERA
11 ore
Il tira-e-molla di Berset
Mascherine all'aperto: il governo sta decidendo le misure da annunciare mercoledì. Il ministro della Sanità cede terreno
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: in Svizzera 17'440 casi, 259 ricoveri e 37 decessi nel weekend
Nelle ultime 72 ore sono stati effettuati 82'026 tamponi: il tasso di positività è del 21,3%
SVIZZERA
11 ore
La seconda ondata probabilmente non porterà con sé una crisi del lavoro
Secondo Adecco, potrebbe addirittura portare delle nuove opportunità: «Dimostra che l'home office funziona»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile