Depositphotos (fiphoto)
SVIZZERA
04.05.20 - 22:280

«Condonare due mesi degli affitti commerciali»

Le aziende che formano apprendisti devono essere sostenute, secondo il Consiglio degli Stati

BERNA - Due mesi di esenzione dal pagamento dell'affitto (escluse le spese accessorie) a favore delle piccole imprese e lavoratori indipendenti le cui pigioni lorde non superano i 5000 franchi mensili. È quanto domanda una mozione approvata oggi dal Consiglio degli Stati per 24 voti a 19. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Stando alla mozione, l'esenzione potrà essere accordata a condizione che l'azienda abbia dovuto cessare o ridurre la propria attività a causa delle misure decise dal Consiglio federale per contrastare l'epidemia di coronavirus oppure che il suo fatturato calcolato su base annua si sia più che dimezzato rispetto all'anno precedente a causa della crisi innescata dalla pandemia.

Per le pigioni lorde (incluse le spese accessorie) mensili superiori a 5000 franchi, un sistema d'incentivi dovrà facilitare un'intesa tra locatori e conduttori. Se le due parti accettano di ridurre di un terzo le pigioni dovute, la Confederazione si impegna a riprendere per due mesi un terzo, ma al massimo 3000 franchi, delle pigioni lorde.

La mozione è stata approvata al termine di un dibattito acceso. Una minoranza consistente ha criticato il testo, giudicando che si tratti di un'intromissione eccessiva nei rapporti economici privati, e ingiusta poiché crea disparità di trattamento.

A nome del Consiglio federale, il ministro dell'economia, Guy Parmelin, ha chiesto la bocciatura della mozione anche per motivi finanziari, giacché provocherebbe costi supplementari stimati in 35-50 milioni di franchi.

Sostegno alle aziende che formano apprendisti - Le aziende che formano apprendisti devono poter continuare ad assumerne nonostante la crisi pandemica in corso. Lo chiede una mozione adottata oggi tacitamente dal Consiglio degli Stati. Il dossier va al Nazionale.

Queste misure di sostegno, che dovranno essere mirate e differenziate, andranno elaborate in coordinamento con i Cantoni e le organizzazioni del mondo del lavoro.

Secondo la mozione, in questo periodo dell’anno si riscontra normalmente un’offerta di numerosi posti di apprendistato. Nel corso del mese di aprile, tuttavia, la crisi sanitaria ed economica ha causato una netta diminuzione delle assunzioni. Apprendisti potrebbero del resto perdere il loro posto a causa del rischio di fallimento che incombe su alcune aziende. Per questo è urgente agire per scongiurare una simile eventualità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
4 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
7 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
9 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
10 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
12 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
14 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
16 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
16 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile